Recensione: MacBook Pro 13” 2.4GHz e 2.6GHz (inizio 2010)

26 aprile 2010 ore 10:01 | di | 15 commenti

MacBook Pro.jpgApple ha aggiornato l’intera linea deiMacBook Pro, ma solo i modelli con monitor da 15” e 17” hanno in dotazione i potenti processori d’ultima generazione Intel Core i5 e Core i7, mentre il piccolo MacBook Pro 13” continua ad essere equipaggiato con il chip Core 2 Duo. Questa scelta, che può sembrare impopolare, è dovuta essenzialmente a due ordini di motivi. Il primo è di natura tecnica, infatti la scheda logica del 13” non è sufficientemente grande per poter ospitare tutta l’architettura hardware necessaria per il chip Core i5 o Core i7. Il secondo motivo è dettato da una precisa strategia commerciale: il più piccolo Core i3 offre prestazioni leggermente migliori rispetto al Core 2 Duo, ma a discapito del consumo energetico. Lo stesso Steve Jobs ha spiegato che per il MacBook Pro 13”, Apple ha preferito concentrare gli sforzi sulla scheda grafica e la batteria, che garantiscono prestazioni grafiche di gran lunga più elevate e fino a 10 ore di autonomia, rispettivamente.

 

Il MacBook Pro 13” rimane il meno costoso della linea Pro, ma è anche il più simile alla generazione precedente.

 

Cosa è cambiato

Tutti i nuovi MacBook Pro, incluso il 13”, hanno una scheda grafica Nvidia GeForce 320M che condivide un minimo di 256MB con la memoria principale. Il nuovo chip grafico sostituisce la GeForce 9400M integrata della precedente generazione (che condivideva la stessa quantità e il tipo di RAM). Come già saprete, la scheda grafica in un computer è importante principalmente per scopi non professionali: per giocare con i videogame e per vedere film. Quindi, per testare la nuova architettura grafica del MacBook 13” ho utilizzato uno dei giochi per Mac più esigenti in quanto a richieste di sistema: Call of Duty 4: Modern Warfare 4.5.gif . Grazie alla più potente Nvidia GeForce 320M è stato possibile impostare un frame rate elevato, che ha garantito un buon dettaglio e un’ottima fluidità di gioco. Secondo i dati forniti da Apple, il nuovo MacBook Pro 13” offre prestazioni fino a 1,8 volte superiori rispetto alla generazione precedente. Tuttavia, anche se si gioca bene sul nuovo MacBook Pro 13”, per ottenere il massimo da un videogame d’ultima generazione è necessaria una scheda grafica con memoria dedicata, come la Nvidia GeForce GT330M in dotazione con i MacBook Pro 15” e 17” (questi modelli hanno due processori grafici).

 

In materia di durata della batteria, Apple dichiara un aumento di tre ore rispetto ai precedenti MacBook Pro 13 pollici, quindi i nuovi modelli offrono fino a 10 ore di durata della batteria, invece di sette. Parte della autonomia più lunga è dovuta ad una capacità leggermente superiore della batteria integrata 63,5 Watt/ore rispetto ai 60 W/h nel modello precedente.

 

Come di consueto, per verificare la durata della batteria di un portatile ho utilizzato un film rippato (copiato) da un DVD. Il filmato è stato visualizzato a pieno schermo, con la luminosità del display impostata al massimo per riprodurre la scarsa illuminazione di un vagone di un treno. A filmato ultimato e con la batteria ancora carica, la riproduzione del film è stata avviata di nuovo fino a quando non si è scaricata completamente. La batteria del nuovo MacBook Pro 13” è “morta” dopo 4 ore e 22 minuti, quindi 1 ora e 8 minuti in più rispetto a quella del modello che sostituisce. E’ bene chiarire che Apple utilizza una metodologia diversa per il test della batteria: in modalità wireless navigando su siti web ed editando un testo con un word processing con la luminosità del display impostato a 50%.

 

Un’altra interessante caratteristica, comune a tutta la linea MacBook Pro, è il supporto per l’audio della porta Mini DisplayPort. Quindi, con un adattatore è possibile collegare un MacBook Pro ad un televisore HDTV con HDMI, per esempio, con un unico cavo che trasporta video HD e audio digitale multicanale (Apple ha precisato che non tutti gli adattatori Mini DisplayPort-to-HDMI hanno il supporto audio e il MacBook Pro è in grado di effettuare il mirroring o

estendere il desktop su un monitor esterno fino a 2560×1600 pixel). Per verificarlo, ho acquistato per 11 Euro un Mini DisplayPort to HDMI su eBay. Poi ho collegato il MacBook Pro alla mia TVHD tramite il cavo HDMI e l’ho collegato alla porta che di solito uso per il lettore Blu-ray. Anche se ha funzionato per il video (ho potuto godermi video a 720p senza problemi), l’audio non è uscito dal televisore, ma dagli altoparlanti incorporati del MacBook Pro. Ho chiesto all’assistenza Apple in merito e mi è stato raccomandato l’uso di cavi di qualità superiore come il Mini DisplayPort Dr. Bott per HDMI II (€24,95) disponibile su Apple Store, precisandomi anche che altri adattatori di prezzo inferiore non funzionano.

 

Infine, il nuovo MacBook Pro ha lo stesso Trackpad Multi-Touch in vetro del precedente modello, ma fa il suo debutto un’inedita funzione: lo scorrimento inerziale, proprio come quello dell’Apple Magic Mouse 3.5.gif dell’iPhone 4.5.gif , iPod touch o iPad. In pratica, strisciando il dito verso il basso, una pagina Web o un documento particolarmente lungo continua a scorrere fino a quando non rallenta gradualmente. Secondo me, è una funzione utile su un portatile e sarà familiare a chiunque abbia utilizzato uno dei dispositivi  touchscreen di Apple.

 

Il “vecchio” e caro processore Core 2 Duo

Come anticipato, il MacBook 13″ Pro continua a utilizzare la linea di processori Core 2 Duo. Apple offre un processore dual-core a 2,4 GHz nel modello da €1.149, e un processore dual-core a 2,66 GHz nel modello da €1.449 rispetto al 2,26 GHz e 2,53 GHz della generazione precedente, rispettivamente. Ognuno ha 3MB di cache L2 condivisa su chip.

 

Entrambi i modelli includono ora 4GB di RAM DDR3 a 1066MHz, e supportano fino ad un massimo di 8GB (in precedenza, il MacBook Pro entry level aveva solo 2 GB). Proprio come prima, ci sono due porte USB 2.0, una FireWire 800, una Mini DisplayPort, una porta Gigabit Ethernet, lo standard  wireless 802.11n e Bluetooth 2.1 EDR, uno slot per schede SD, una tastiera retroilluminata, SuperDrive slot loading DVD doppio strato 8x, altoparlanti stereo (ottimo l’audio), una singola porta per l’audio in e out (incluso il supporto per l’output digitale), e una fotocamera integrata iSight. I nuovi modelli includono drive da 250GB o 320GB a 5400 giri/min (in precedenza 160GB o 250GB, rispettivamente, alle stesse velocità).

 

Questi MacBook Pro utilizzano lo stesso display lucido a retroilluminazione LED da 1280×800 pixel dei modelli precedenti (non è prevista un’opzione antiriflesso e ad alta risoluzione come per i nuovi 15” e 17”). I display sono molto luminosi, e l’angolo di visione è buono in orizzontale, ma non altrettanto verticalmente, il che costringe a regolare l’angolazione del monitor per ottenere una visione ottimale.

 

Test di velocità

La leggera maggiore velocità di clock dei chip Core 2 Duo in dotazione con i nuovi MacBook Pro, non consente di ottenere prestazioni tanto migliori rispetto ai modelli precedenti, che in alcuni test risultano addirittura più veloci:

 

 

Considerazioni finali

Chi ha la versione precedente del MacBook Pro 13”, non ha molti motivi per “disperarsi”, anzi, quasi nessuno. Infatti, le novità riguardano per lo più il lato videoludico di un computer (la scheda grafica) e una migliore durata della batteria, entrambe le cose sono di scarsa rilevanza per chi non usa il Mac per giocare e ritiene più che sufficiente le 7 ore di autonomia che la precedente serie garantisce. Il modello da €1.449 ha un peggior rapporto qualità/prezzo, infatti l’hard disk più capiente e il processore leggermente più veloce non giustificano il maggior costo (+300 Euro).

 

Per ottenere il massimo dalla nuova generazione di MacBook Pro, è necessario dirigere il proprio interesse verso i modelli da 15” e 17”, che utilizzano i velocissimi Core i5 e i7 ed hanno in dotazione una architettura grafica più raffinata. Per chi predilige una maggiore portabilità rispetto a prestazioni più buone, il MacBook Pro 13” rimane la scelta migliore. Infatti pesa 1,1Kg. in meno rispetto al 15” (4,5Kg. contro 5,6Kg.).

 

I nuovi modelli creano un divario più ampio con il MacBook Pro 13” Unibody in policarbonato bianco 4 copia.gif da € 902. Spendendo 247 Euro in più per il MacBook Pro 13”, si ottiene un processore più veloce, un case in alluminio, una porta FireWire (800), il doppio della RAM standard, la scheda Nvidia GeForce 320M, un lettore di schede SD, una tastiera retroilluminata, una batteria dotata di maggiore autonomia e un trackpad che supporta lo scorrimento inerziale.

 

MacBook Pro 13” 2.4GHz

Punteggio (da 1 a 5): 4 copia.gif

Pro: 4GB di RAM; maggiore durata della batteria; scheda grafica migliorata; la porta MiniDisplay Port supporta l’audio; scrolling inerziale.

Contro: prestazioni quasi uguali rispetto alla precedente serie; è l’unico modello della serie Pro ad avere ancora in dotazione il Core 2 Duo.

Prezzo: €1.149 (disponibile su Apple Store spedizione inclusa nel prezzo).

Produttore: Apple.

 

MacBook Pro 13” 2.66GHz

Punteggio (da 1 a 5): 3.5.gif

Pro: maggiore durata della batteria; scheda grafica migliorata; la porta MiniDisplay Port supporta l’audio; scrolling inerziale.

Contro: prestazioni quasi uguali rispetto alla precedente serie; è l’unico modello della serie Pro ad avere ancora in dotazione il Core 2 Duo; la dotazione di serie non giustifica il maggiore prezzo rispetto al modello base.

Prezzo: €1.449 (disponibile su Apple Store spedizione inclusa nel prezzo).

Produttore: Apple.

 

Approfondimenti: , , ,

Argomento: Mac

Commenti (15)

RSS commenti

  1. patrick ha detto:

    ciao, volevo chiederti se quel connettore Mini DisplayPort Dr. Bott per HDMI II mi permette di collegare il mac book pro 13″ al mio sintoamplificatore e veicolare l’audio multicanale in 5.1, così da poter godere del mio impianto HT

  2. Stefano Donadio ha detto:

    Non credo. Il connettore è stato progettato per collegare i Mac con Mini DisplayPort ad una TV LCD con HDMI.

  3. vinci ha detto:

    Ciao complimenti per la recensione! e volevo aggiungere in oltre che il macbook pro 13 nuovo può estendere la memoria ram ad 8 Gb rispetto al precedente che ne supporta fino a 4 con 2 già comprese nel prezzo 🙂

  4. gilda ha detto:

    Ciao,
    sono in procinto di acquistare un MacBook pro, ma nn riesco a decidermi sul modello.
    Ritieni che per un uso domestico(internet,posta, foto,video) un 13″ possa andare bene?
    grazie

  5. Stefano Donadio ha detto:

    @ gilda: Si, tra l’altro il nuovo modello di MacBook Pro 13″ rilasciato ad inizio anno ha un processore che è il 70% più veloce di quello di questa recensione.

  6. gilda ha detto:

    L’unico aspetto negativo sono le ridotte dimensioni del monitor,
    anche se ,2″ in meno nn mi comprometteranno la vista. O si?

  7. Stefano Donadio ha detto:

    La vista sicuramente no, io uso un MacBook 13″ e a volte lavoro anche 10 ore con il portatile (ho anche un iMac 24″). Il MacBook 15″ ti permette di tenere due finestre affiancate più facilmente, utile se lavori con due software contemporaneamente.

  8. gilda ha detto:

    Un’ ultima cosa, giuro!!!
    Ritieni sia migliore la versione base (I5 da 2.3GHZ)
    oppure quella piu’ avanzata (I7 2.7GHZ).
    Grazie per la disponibilità ma soprattutto per la celerita’.
    A presto

  9. Stefano Donadio ha detto:

    I MacBook Pro sono macchine professionali, se devi farne un uso domestico, la configurazione base è più che sufficiente 😉

  10. gilda ha detto:

    Buongiorno Stefano
    Acquistare in America, conviene?

  11. El loco ha detto:

    Ciao, prima di tutto complimenti per il sito meraviglioso che ormai è uno dei miei punti di riferimento per il mondo Apple…
    Volevo chiederti se era possibile uppare processore e scheda grafica su macbook pro 13″. Ho trovato molti riferimenti per l’hdd e la ram ma non per altro.
    Grazie mille e complimenti ancora per l sito!

  12. Stefano Donadio ha detto:

    @ El loco: no. Processore e scheda grafica non si possono aggiornare.

  13. Daniela ha detto:

    Ciao!
    Vorrei acquistare un Mac Book Pro 13, io sono grafica quindi utilizzo molto i programmi di Adobe che come sapete sono molto “pesanti”, vorrei sapere se con questo Mac le prestazioni per i programmi di grafica sono buone o se devo andare su un altro modello… E’ la prima volta che compro un Mac, help! 🙂

    Daniela

  14. Stefano Donadio ha detto:

    @ Daniela: per quanto riguarda le prestazioni non ci sono problemi di nessun tipo, forse il 13″ potrebbe stare un po’ stretto visto che le varie palette dei software di Adobe finiscono inevitabilmente per occupare spazio. Se il tuo budget lo consente, sarebbe meglio prendere il modello da 15″.

  15. nunzia ha detto:

    Scusa vorrei comprare il MacBook Pro 13″2,4 GHz…dici ke va bene se voglio giocare a call of duty? e poi è vero ke se voglio windows lo devo scaricare?grazie

Aggiungi un commento