Recensione: iPod shuffle (quarta generazione, fine 2010)

20 settembre 2010 ore 17:28 | di | 25 commenti

Safari004.jpg

Il mio iPod preferito di tutti i tempi è la seconda generazione di iPod shuffle 2G. L’ho sempre trovato irresistibile per via delle dimensioni compatte, per la clip sul retro che consente di agganciarlo al bavero della camicia e per la ghiera con i pulsanti che permette un facile ed intuitivo controllo sui brani in riproduzione. Ho ancora il modello color argento che utilizzo in vacanza quando vado al mare (l’iPhone preferisco non portarlo in spiaggia).

La terza generazione di iPod shuffle (3G), introdotta nel marzo 2009, è stato un esempio di design portato all’estremo da parte di Apple. Privo di pulsanti di controllo sul case, lo shuffle 3G è una sorta di “accendino” di metallo con un jack per cuffie e un interruttore d’alimentazione, e non molto altro. Anche se ha aggiunto il supporto per le playlist multiple e un sistema ingegnoso di comandi vocali, ha costretto gli utenti a fare affidamento su un modello di cuffie a tre pulsanti (un click, più volume su e giù) per controllare la musica. Francamente non l’ho mai trovato praticissimo.

Ora ecco la quarta generazione di iPod shuffle (4G) o – se preferite – la seconda generazione di shuffle 2G. Completamente differente per design dall’iPod shuffle 3G, il nuovo modello sembra tornato dal passato. Lo shuffle 4G ha una clip sul retro, mentre una ghiera con dei pulsanti di controllo permette di gestire con facilità la musica che si ascolta. Mentre lo shuffle 2G era rettangolare, il nuovo shuffle è quasi perfettamente quadrato, ed è per dimensioni è più piccolo del modello precedente.

Safari014.jpg

Nella foto a lato, da sinistra a destra: prima, seconda, terza e quarta generazione di iPod shuffle.

A differenza dell’ormai caduto in disgrazia iPod shuffle 3G, che ra disponibile con capacità di archiviazione da 2GB (€55) e da 4GB (€75), più un modello “Edizione speciale” in acciaio lucido inossidabile da 4GB (€95), il nuovo shuffle è disponibile in un’unica configurazione da 2GB per €55. Tuttavia, è possibile scegliere tra cinque colori: arancio argento, blu, verde e rosa. Secondo Apple, 2GB sono sufficienti per memorizzare “centinaia di canzoni”. Come per le precedenti generazioni di shuffle, è possibile scegliere di caricare il dispositivo con la vostra musica con la codifica d’origine oppure è possibile convertire i brani con bit rate più alto ad AAC a 128kbps per risparmiare spazio.

Mentre è ammirevole che Apple continui i suoi sforzi per rendere sempre più piccoli i suoi prodotti, il restringimento dello shuffle 4G porta una piccolo problema di usabilità. I controlli dello shuffle 2G non erano al centro del dispositivo, ma posizionati sul lato opposto rispetto al meccanismo per aprire la clip sul retro, in modo da fornire lo spazio sufficiente per posizionare il pollice e l’indice per azionare la clip.

La shuffle 4G, al contrario, non dispone di questo spazio  aggiuntivo “libero” per le dita, con il risultato, che è molto più difficile aprire la clip e agganciarlo al bavero della camicia o alla tasca dei jeans. Quando ho cercato di attaccarlo, molte volte mi sono ritrovato ad aver premuto inavvertitamente il tasto indietro, riportando all’inizio la traccia in riproduzione. Se si sta attenti, si possono appoggiare il pollice e l’indice sugli angoli del nuovo shuffle per aprire la clip, ma è facile che le dita scivolino. In pratica, agganciare ai vestiti l’iPod shuffle 4G non è così facile come con il modello 2G, a meno di non preoccuparsi più di tanto di premere inavvertitamente il pulsante indietro.

I controlli sul dispositivo sono piuttosto semplici: un insieme circolare di pulsanti permette di spostarsi avanti e indietro tra le tracce (destra e sinistra), e aumentare o diminuire il volume (in alto e in basso). Facendo click sul pulsante centrale si avvia la riproduzione o si mette in pausa. Sul bordo superiore del dispositivo c’è lo stesso interruttore a tre posizioni del modello 3G (spegni, riproduzione in ordine e shuffle) e un nuovo pulsante VoiceOver. Come per i precedenti modelli shuffle, non c’è spazio per la porta standard iPod per il connettore dock, ma lo shuffle viene fornito con un piccolo cavo che si collega al jack delle cuffie del dispositivo e alla porta USB del computer sia per ricarica, sia per la sincronizzazione dati.

Il nuovo shuffle eredita la migliore funzione del modello che sostituisce: la capacità di parlare. Più in particolare, se si preme il pulsante VoiceOver, l’iPod pronuncerà il titolo e l’artista del brano che è attualmente in riproduzione. VoiceOver è in grado di dire anche l’autonomia restante della batteria. Premendo due volte il pulsante VoiceOver, lo shuffle dirà lo stato della batteria.

Nuovo iPod shuffle.jpg

Tenendo premuto il pulsante VoiceOver per un secondo o giù di lì, si accede alla modalità di navigazione e il dispositivo inizia ad elencare i nomi di tutte le playlist, così come “Tutti i brani” e qualsiasi podcast o gli audiolibri che avete sincronizzato. È possibile utilizzare i pulsanti sinistro e destro per passare alla traccia successiva e sentirne le informazioni, o semplicemente attendere che la voce dell’iPod li legga ad un ritmo rilassato e piacevole. Premendo il pulsante centrale durante una delle selezioni, l’iPod inizia subito con questa scelta.

Anche se i controlli di base dell’iPod sono stati restituiti al loro legittimo posto sul corpo dello shuffle, se avete un paio di cuffie con telecomando, come per tutti i prodotti Apple, con un solo click si attiva il play/pausa, con un doppio click si passa al brano successivo, e con un triplo click si torna alla canzone precedente. Ma se si fa click e si tiene premuto il pulsante della cuffia per un attimo, si attiva la funzione VoiceOver (lo shuffle dice il nome e l’artista della traccia in riproduzione). E se si fa click e si tiene premuto un po’ di più è come se si premesse il pulsante VoiceOver (l’iPod shuffle comincerà ad elencare tutte le playlist).

E’ un bel compromesso che consente agli utenti con le cuffie dotate di telecomando di poter controllare lo shuffle anche senza utilizzare i facili pulsanti sul case del dispositivo (lo shuffle 4G include un paio di auricolari Apple senza controlli).

In termini di durata della batteria, Apple sostiene che lo shuffle 4G può durare per 15 ore di riproduzione continua (10 ore per il modello 3G), ma in realtà lo shuffle 4G che ho avuto modo di provare è stato in grado di riprodurre la musica per ben 16 ore ininterrottamente.

Durante l’uso dello shuffle 4G è capitato che mentre ascoltavo la musica con il dispositivo agganciato al fondo della maglietta, venendo in contatto con la fibbia della cintura o altri oggetti, si è modificato il volume o è cambiata la canzone. Si, è vero, l’inconveniente è stato determinato dal fatto che lo shuffle ha urtato “qualcosa”, ma mentre con lo shuffle 2G per evitare il cambio accidentale di volume o del brano era sufficiente premere il pulsante centrale per qualche secondo per bloccare tutti i controlli, lo stesso non è stato possibile fare con lo shuffle 4G.

Da quando è stato rilasciato, la qualità audio dello shuffle è stata la migliore della famiglia iPod. Non è mai regredita. Per la maggior parte delle persone, credo, l’esperienza audio è influenzata principalmente dagli auricolari che si scelgono di utilizzare.

Considerazioni finali

Con la riprogettazione dell’iPod shuffle di quarta generazione, Apple è ritornata ad un design classico che funziona bene con qualsiasi tipo di cuffie. A €55 per 2GB di memoria, non è solo l’iPod  entry-level perfetto, ma è anche un dispositivo per utenti iPhone che vogliono utilizzarlo durante l’attività fisica o in tutte quelle situazioni “rischiose” per il cellulare, come al mare sulla spiaggia. Anche se le dimensioni ancora più ridotte rendono lo shuffle un po’ più difficile da agganciare ai capi di abbigliamento rispetto al modello di seconda generazione, è difficile sottilizzare sui piccoli dettagli senza concentrarsi su quello più importante: Apple ha messo da parte il design sbagliato di un shuffle senza pulsanti ed tornata sulla strada giusta. Con la funzionalità VoiceOver e la maggiore durata della batteria, è facile dire che questo è il miglior iPod shuffle che Apple ha mai realizzato.

Punteggio (da 1 a 5): 4.gif
Pro: pulsanti di controllo sul dispositivo; navigazione VoiceOver, lunga durata della batteria. 
Contro: difficile agganciarlo ai vestiti; non c’è modo di bloccare i controlli per evitare che urti accidentali attivino altre funzioni. 
Prezzo: €55 con incisione laser e spedizione gratuita su Apple Store
Produttore: Apple.

Approfondimenti: ,

Argomento: Varie dalla Rete

Commenti (25)

RSS commenti

  1. Monster ha detto:

    Il mio shuffle 2G blu funziona ancora bene e lo utilizzo per i miei giri in bicicletta. Quello che mi piace della seconda generazione di iPod shuffle è l’indicatore luminoso del livello della batteria. Quali indicatori della batteria ci sono nell’ultimo shuffle?

  2. Stefano Donadio ha detto:

    Toccando due volte il pulsante VoiceOver, l’ultimo shuffle dirà lo stato della batteria.

  3. Spectrum ha detto:

    L’iPod shuffle è già morto! Perchè buttare i soldi nello shuffle quando c’è il nano?

  4. Infinite Loop 1 ha detto:

    @ Spectrum: lo shuffle costa €55, il nano tre volte tanto: €170. E’ robusto. Si tratta di un buon dispositivo per i bambini (perché non è un gran danno se viene perso rispetto a un nano). Si tratta di un iPod leggero, l’ideale per gli allenamenti.

  5. Cursor ha detto:

    Io ho shuffle 3G e lo uso quando mi alleno, al mare ecc. e non ho mai avuto problemi per l’assenza di pulsanti fisici, davvero non capisco tutte le critiche che gli sono state mosse. Quando utilizzo il mio iPhone con gli auricolari, non uso alcun pulsante, uso le cuffie.

  6. Ice Cream ha detto:

    @ Cursor: penso che la lamentela principale dell’iPod shuffle 3G è che non lo si può utilizzare con qualsiasi coppia di auricolari di terze parti. Come evidenziato nell’articolo, la decisione di ri-mettere i pulsanti fisici sullo shuffle 4G e di poterlo comunque controllare con le cuffiette con telecomando Apple, sia la soluzione migliore.

  7. Ipnosi ha detto:

    Ho ancora due iPod shuffle 1 ° generazione (quello a forma di pacchetto di gomme) e funzionano bene, in più hanno il vantaggio che si possono collegare direttamente al Mac.

  8. enzo ha detto:

    @Stefano in spiaggia non sei raggiungibile al cell?

  9. Stefano Donadio ha detto:

    @ Enzo: portarsi l’iPhone al mare è troppo rischioso. Il calore, la sabbia e non ultimo il pericolo che quando sei in acqua qualcuno lo rubi. Se si danneggia o “sparisce” lo shuffle non è questo gran danno (economicamente parlando) 😉

  10. Leonardo ha detto:

    Io lo compro appena ho due soldini!!!!!è una cosa fatta bene, piccolo e x uno k si allena molto e da solo è perfetto…steve ha pensato ank a me finalmente con qualcosa veramente economico, leggero robusto e spero ank resistente all’acqua xk ne prenderà tanta!il nano nn è altro k un shuffle più grande e molto più costoso!!il nano è morto non il shuffle..il nano nn ha un settore preciso dove inserirsi, se voglio un touch prendo l’ipod touch se voglio tanta musica prendo il classic…è il nano una cosa inutile

  11. Peppe ha detto:

    Dal vivo lascia a bocca aperta. Sicuro che la spedizione è gratuita? Dovrebbe esserlo dai 120€ in su…

  12. Stefano Donadio ha detto:

    @ Peppe: ti confermo che la consegna è gratuita (generalmente lo è per tutti i prodotti Apple).

  13. Peppe ha detto:

    Scusa, hai ragione. Nel carrello te la dà come gratuita anche se nella pagina principale dello Store, sotto l’elenco che comprende i macbook/mac mini/ecc., sta scritto: “Spedizione gratuita per ordini di almeno 120 € IVA inclusa.” 🙂

  14. Gigi ha detto:

    Ho rotto il connettore Dock del mio ipod shuffle seconda generazione, mi è stato quindi regalato il Cavo USB Apple per iPod shuffle; lateralmente -in piccolo- sulla confezione c’è scritto ”Compatibile con Ipod Shuffle (terza generazione)”. Ho collegato il cavo usb al mio Ipod Shuffle seconda generazione e ho notato che non accade nulla. Temo che sia un problema di compatibilità, come posso risolvere? Devo gettare il cavo oppure lo posso adattare (usando qualche accorgimento) anche al mio ipod shuffle vecchio? Vi ringrazio in anticipo.

  15. Fede ha detto:

    la mia fidanzata mi ha messo in lavatrice inavvertitamente il mio i pod shuffle di 2° gen….! e infatti non funziona più! siccome ero molto contento dell’ aggeggino, che utilizzavo con attenzione e soddisfazione
    vorrei comprarne un altro ma non so dove trovarlo………
    ciao a tutti

  16. Stefano Donadio ha detto:

    @ Fede: vedi qui iPod shuffle ricondizionato da 2 GB, ha la garanzia Apple di 1 anno, ma non so fino a che punto ti possa convenire…

  17. Vincent ha detto:

    Una cosa che trovo ridicola è che in tutte le recensioni riguardo a lettori mp3 Apple, e soprattutto a questo Shuffle che oltre alla funzione di riproduzione musica non offre altro è che non si fa il minimo accenno alla qualità della musica riprodotta. Come suona questa Shuffle 4G? Bene? Male? Distorce? Non distorce? L’estensione in frequenza è accettabile?

    Nulla si dice di questo, nulla di nulla, e tante parole inutili sull’estetica. Ma cosa importa dico io, l’estetica?

  18. Stefano Donadio ha detto:

    @ Vincent: ti deve essere sfuggita l’ultima parte dell’articolo:

    “Da quando è stato rilasciato, la qualità audio dello shuffle è stata la migliore della famiglia iPod. Non è mai regredita. Per la maggior parte delle persone, credo, l’esperienza audio è influenzata principalmente dagli auricolari che si scelgono di utilizzare.”

  19. Fede ha detto:

    ho fatto la prova comparativa con auricolari di ottima qualità e con un confronto diretto stessi mp3 su i pod shuffle di 2° gen. e i pod shuffle di 4° gen….. non c’è confronto, il vecchio shuffle 2° gen. ha un suono molto migliore….. provate…..

    se poi qualcuno li deve vendere e vuole comunque giustificare il nuovo i pod….. è normale!

  20. Andrea ha detto:

    Oggi ho scoperto che è possibile bloccare i tasti fisici anche sullo shuffle di 4a generazione, basta avere un minimo di pazienza nello schiacciare il pulsante play.

  21. iLuis ha detto:

    Ciao, ho un iPod shuffle di IV generazione anch’io. Da qualche tempo a questa parte non funziona la modalità di riproduzione in ordine. In pratica va solo la casuale sia col tasto in seconda che col tasto in terza posizione, nonostante al passaggio dalla 2 alla 3 posizione faccia il classico suono che indica il cambio di riproduzione. Da che dipende secondo voi? Grazie!

  22. manu ha detto:

    l’ipod shuffle è ottimo è robustissimo perche ho fatto un incidente in bici e ci sono caduto sopra e funziona perfettamente…mi è caduto dal 4 piano…grande spavento ma anche li nessun danno è piccolo leggero al contrario degli altri che li ho avuti quasi tutti che mi sono caduti in modo lieve ma si sono rotti…e sopratutto lo shuffle è resistente all’ acqua…ho fatto allenaenti di ciclismo sotto la pioggia e non ha mai dato segni di cedimento lo consiglio vivamente anche perche costa relativamente poco

  23. matteo ha detto:

    io ho un ipod shuffle 2g e quando lo collego sia ad un pc che ad un mac non viene riconosciuto (non compare)
    sapete se c’è un problema di compatibilità con i nuovi sistemi operativi?
    Grazie

  24. Mattia ha detto:

    Se tieni premuto play si attiva il blocca tasti, e puoi aggangiarlo alla camicia senza preoccuparti di cambiare canzone 😉 !

Aggiungi un commento