Office 2011: la nuova funzione “cloud”

8 novembre 2010 ore 18:05 | di | 4 commenti

Con Office 2011 i documenti sono disponibili da qualsiasi computer. Infatti, ora è possibile salvarli sul servizio di storage Microsoft SkyDrive (25GB gratis) o, se siete in un ambiente aziendale, su un server SharePoint. Una volta archiviati sulla “nuvola” (cloud) di Redmond, si può accedere da qualsiasi computer e modificarli con Office 2011, Office per Windows, o Microsoft Office Web Apps.

Microsoft Cloud.jpg

Su Microsoft Store è possibile acquisatre e scaricare direttamente da internet la nuova suite per l’ufficio Office 2011 per Mac.

Microsoft Office per Mac Home and Student 2011 Family Pack include Word 4.5.gif, PowerPoint, Excel e Messenger 3.gif, tre licenze per altrettanti Mac e costa €140.

Microsoft Office per Mac Home and Business 2011 include Word, PowerPoint, Excel e Messenger, ed anche Outlook per Mac (Prime impressioni: Outlook 2011 per Mac). Entourage viene sostituito da Outlook come client di posta ed è anche una delle novità più importanti dell’edizione 2011. L’edizione Home and Office costa €379 e permette due installazioni su due Mac.

Effettuato l’acquisto della “versione download”, si riceve il link per scaricare immediatamente Office 2011 per Mac (il download si può interrompere e riprenderlo successivamente). In caso di bisogno, è possibile scaricare nuovamente la suite.

Approfondimenti: , , , , ,

Argomento: Software Scuola e Ufficio

Commenti (4)

RSS commenti

  1. Diego F. scrive:

    Forse sbaglio io, ma sul sito Microsoft Store non riesco a trovare la versione a licenza singola di Home e Business 2011 (quella da 249€ per intendersi). Io vedo solo il pacchetto da due licenze.

  2. Stefano Donadio scrive:

    Effettivamente manca il pacchetto licenza singola della versione Home e Business.

  3. Emperor Zurg scrive:

    E’ veramente ottima questa funzione. Grazie per la segnalazione.

  4. Sandro scrive:

    L’uomoragno è sempre un passo avanti… non mi ero accorto di questa possibilità.

Aggiungi un commento