Cinque modi per usare meglio Snow Leopard

26 maggio 2011 ore 10:06 | di | 3 commenti

Apple ha già fatto sapere che Mac OS X Lion sarà disponibile a partire da questa estate, molto probabilmente la data esatta di rilascio sarà annunciata nel corso del WWDC che si terrà il prossimo 6 giugno a San Francisco. Ma se non volete (o non potete per via dei requisiti di sistema) passare a Mac OS X 10.7, che introdurrà nuove funzioni per meglio gestire applicazioni e documenti, considerate che anche con Snow Leopard si possono usare funzioni comode e veloci, solo che a volte sono un po’ nascoste nel sistema operativo…

Cartelle veloci

Usate la scorciatoia ⌘-Maiuscole-G (la voce di menu corrispondente è Vai/Vai Alla Cartella) per attivare il pannello dove digitare la cartella voluta, ma non è necessario scrivere l’intero nome, infatti si auto-completerà con la prima cartella che lo soddisfa dopo aver battuto le prime lettere: se ad esempio desiderate raggiungere la cartella Giochi che si trova in Applicazioni nella cartella, quando scrivete /app dopo qualche instante comparirà /Applicazioni poi aggiungendo /Applicazioni/gio si autocompleterà con /Applicazioni/Giochi.

Vai cartella

Questo trucchetto funziona anche quando vi trovare in una finestra qualsiasi del Finder, Apri o Salva Con Nome, ma in questi ultimi due casi il sistema fa differenza tra lettere minuscole e maiuscole.

Saltare tra applicazioni diverse

La maggior parte di noi usa sequenze di Mela-Tab per saltare da un’applicazione aperta a un’altra. Dopo il primo Mela-Tab, quindi appena siamo “dentro” lo switcher, abbiamo però a disposizione altri comandi.

⌘-maiuscole-Tab (e anche ⌘-freccia sinistra o con lo scorrimento multitouch del Magic Mouse 3.5.gif, Magic Trackpad 4.gif o con il trackpad dei più recenti portatili Apple) si passa da un’applicazione all’altra andando da destra a sinistra e non da sinistra a destra come Mela-Tab. Mela-H nasconde l’applicazione selezionata, mentre Mela-Q la chiude. ⌘-Home e ⌘-End saltano direttamente alla prima o all’ultima applicazione dell’elenco.

Switcher

Giocare col dizionario

In alcune applicazioni – ad esempio Safari e TextEdit – se selezionate una parola, o semplicemente se vi passate sopra con il puntatore mouse, e premete ⌘-ctrl-D apparirà una piccola finestra di pop-up con la definizione di quella parola secondo l’Oxford Dictionary (solo in inglese), ma se avete installato il plug-in gratuito del Dizionario italiano 5.gif, potete avere la definizione, i sinonimi, o la coniugazione (nel caso di un verbo), nella nostra lingua.

Dizionario italiano Mac

I poteri di Anteprima

Anteprima ha molte più funzioni di quelle che si possono pensare di primo acchito. Per aprire in un colpo solo tutte le immagini di una cartella, trascinatela sulla icona di Anteprima nel Dock. Cambiate l’ordinamento delle immagini facendo click con il tasto destro del mouse su una zona bianca del “cassetto” a destra: apparirà un piccolo menu per impostare l’ordinamento in base a nome, percorso, data, dimensione o parola chiave.

Anteprima

Selezionando Strumenti/Nota permette di aggiungere annotazioni ai file PDF senza avere Acrobat (per ulteriori “trucchetti” potete consultare la speciale sezione Tip Anteprima di SPIDER-MAC)

Potenziare Spotlight

Spotlight

D’accordo, in Lion molto probabilmente ci sarà uno Spotlight più potente di quello che Snow Leopard ha al momento, ma alcune funzioni interessanti si possono sfruttare già adesso.

Per lanciare una ricerca Spotlight potete premere ⌘-barra spaziatrice. Se passate con il puntatore del mouse sul risultato di una ricerca apparirà il percorso per arrivare a quel file o cartella. Se fate ⌘-click su un risultato, si aprirà una finestra del Finder per quel percorso.

Per velocizzare le ricerche Spotlight andate alla omonima sezione delle Preferenze di Sistema. Nella finestra Risultati Della Ricerca eliminate i tipi di risultati che non vi interesseranno, mentre nella finestra Privacy potete inserire le cartelle e i dischi che non volete Spotlight consideri in alcun modo.

Spotlight Preferenze

Per finire: Spotlight permette di usare operatori booleani. Il carattere pipe (|) è un OR, il segno meno (-) fa da NOT e lo spazio è un AND. L’uso di questa sintassi non è semplicissimo, specie se le condizioni che imponiamo alla ricerca si fanno complesse.

Approfondimenti: ,

Argomento: Mac

Commenti (3)

RSS commenti

  1. Dani ha detto:

    Ciao, mi chiedevo che programma sia quello con l’icona con sopra 170.
    Grazie

  2. Stefano Donadio ha detto:

    E’ un lettore RSS, si chiama NewsFire.

  3. Linuxx ha detto:

    Interessante! Premettendo che non mi sono mai interessato di usare scorciatoie, ho notato che chiudendo le app con mela + Q il tempo di chiusura è istantaneo rispetto a quando lo si fa manualmente.

Aggiungi un commento