Come crittografare un hard disk esterno con Lion e successivi

16 settembre 2011 ore 17:13 | di | 12 commenti

FileVault 2 non solo cripta il drive interno del Mac, ma può anche crittografare dischi esterni collegati tramite USB e FireWire (e sicuramente si è in grado di crittografare dischi esterni collegati tramite Thunderbolt, ma, al momento, la documentazione di Apple tace su questo). I drive esterni devono essere formattati in HFS +. Se si dispone di un disco esterno da utilizzare con Windows e Mac, è necessario utilizzare il formato FAT, e non è possibile crittografare.

Per crittografare l’unità esterna, è necessario far ricorso a Utility Disco (/Applicazioni/Utility) per riformattarlo. Non è possibile crittografare un’unità su cui sono già archiviati dei file, una seccatura di non poco conto se si ha un disco rigido con numerosi gigabyte di dati e lo si vuole criptare. In questo caso, se si desiderano salvare i dati, è necessario effettuare una copia di backup e poi copiarli di nuovo nell’hard disk dopo la riformattazione.

Un importante avvertimento: durante i test svolti, alcuni hard disk esterni sono risultati utilizzabili solo su altri Mac con Lion installato, e non con le versioni precedenti di OS X. Quando è stato collegato un disco crittografato utilizzando Utility Disco di Lion per un MacBook Pro con Snow Leopard, è apparso un messaggio che spiegava che era necessario OS X 10.7 o versioni successive.

Questa la procedura per criptare un hard disk esterno con Lion:

1. Utility Disco

Per crittografare un disco esterno, collegatelo al Mac, attendete che venga montato sul desktop, e quindi lanciate Utility Disco. Vedrete nella colonna di sinistra un elenco delle periferiche di storage collegate o disponibili sul vostro Mac. Il primo dispositivo è l’unità interna. Quelle esterne dovrebbero trovarsi immediatamente sotto. Selezionate l’unità che si desidera crittografare. Quindi fate click sul tab Inizializza a destra.

Nel menu a comparsa di Formato, vedrete due nuovi formati a vostra disposizione, oltre a Mac OS esteso (Journaled), Mac OS esteso (sensibile ai caratteri maiuscoli/minuscoli, Journaled), MS-DOS (FAT), e exFAT. I due inediti formati sono Mac OS esteso (journaled, codificato), e Mac OS esteso (sensibile ai caratteri maiuscoli/minuscoli, Journaled, codificato).

Nella maggior parte dei casi, è sufficiente scegliere Mac OS esteso (journaled, codificato). L’altro formato crittografato vi permette di dare ai file lo stesso nome, ma con maiuscole e minuscole (ad esempio, due file con nome preventivo.doc e Preventivo.doc possono esistere nella stessa cartella.) È inoltre necessario attribuire un nome al drive, quindi fate click su Inizializza.

Utility Disco codificato

2. Impostare la password

Apparirà una finestra, e bisogna confermare che si desidera creare un volume crittografato. È necessario immettere una password, che dovrà essere utilizzata tutte le volte che si desidera montare l’unità, quindi assicuratevi di memorizzarla.

Utility Disco codificato password 2

Dopo aver inserito e confermato la password, fate click su Inizializza, in modo da far partire il processo di formattazione, che richiederà alcuni minuti. Se non si desidera crittografare il disco, click su Annulla.

3. Inserimento password

Una volta che il drive è formattato, è necessario inserire la password impostata al punto precedente per accedervi. I file saranno automaticamente criptati e decriptati. Quando si tenta di montare di nuovo il drive sul desktop è necessario inserire la password. Se si immette la password errata o nessuna, ovviamente non è possibile accedere ai dati.

Utility Disco codificato password1

La finestra di inserimento password permette di salvare la password nel Portachiavi, in modo da montare il disco senza bisogno di inserire la password limitatamente al proprio Mac. Se si tenta di collegare l’unità crittografata, per esempio, al Mac di un vostro amico, che non ha la password salvata nel Portachiavi, bisognerà immettere la password per accedere all’unità.

Approfondimenti: , ,

Argomento: Mac

Commenti (12)

RSS commenti

  1. Robert Maroon ha detto:

    Occhio che l’uso di dischi crittati inibisce lo spindown automatico dei dischi quando vengono smontati.

  2. Stefano ha detto:

    Salve,

    visto che stiamo in tema, spero che qualcuno mi possa aiutare:

    Sul mac ho due partizioni in una delle quali è installato Lion. Ora io ho sempre disposto il sistema in modo tale che i Files utente sono nella seconda partizione, mentre nella prima c´è il solo SO di base.
    Da quando ho crittografato anche la seconda partizione Lion peró non è piú in grado di avviare il sistema a causa dei files utente di questa partizione che in avvio – in automatico – non riesce ad essere letta. Cosa posso fare per attivare la seconda partizione in avvio? Non ha a che fare con la password perché il sistema quando si avvia normalmente non la richiede.
    Secondo me manca qualche stringa da inserire da qualche parte..

    Grazie
    Stefano

  3. PowerUser ha detto:

    La soluzione è avere tutto in un’unica partizione, anche perchè non c’è alcun vantaggio pratico mettere i file utente su una partizione e l’OS su un altra (se si rompe l’hard disk, sia la prima che la seconda partizione non saranno più leggibili).

  4. Stefano ha detto:

    A volte però mi capita di reinstallare il sistema e di dover quindi spostare i files.. e questo dà noia :(!

  5. Stefano Donadio ha detto:

    Se usi Time Machine, puoi reimportare tutti i file in un click con Assistente Migrazione.

  6. Ack ha detto:

    Ciao,

    ho notato una cosa…sbaglio o non cè piu’ la possibilità di inizializzare il disco con FileSystem NT ??

  7. Stefano ha detto:

    ma il Time Capsule puó essere usato come disco usb esterno sia su mac che su windwos? Sarebbe una buona idea in effetti..

  8. Stefano ha detto:

    consigliate il Time Capsule o qualche alternativa, se è disponibile?

  9. Stefano Donadio ha detto:

    Per utilizzare Time Machine, l’hard disk deve essere formattato Mac OS esteso, un formato che Windows non legge. Time Capsule è l’ideale per il backup senza fili per chi ha più Mac. In tutti gli altri casi, è sufficiente un disco rigido esterno come il Western Digital Elements USB 2.0 da 2TB in vendita su Amazon.it a €68.

    Per ulteriori approfondimenti Guida alla scelta dell’hard disk esterno

  10. Michele ha detto:

    Si perde in termini di prestazioni con un HD criptato?

  11. David ha detto:

    Ciao, è possibile avere una chiavetta usb esterna con due partizioni, una fat32 visibile da windows e l’altra criptata (in questo caso mi basta che sia visibile solo da osx) perché l’ho preparata con utility disco ma entrambe le partizioni le vedo solo su mac, su windows mi dice che la devo formattare.

Aggiungi un commento