iPhone 4S: il test della durata della batteria

2 novembre 2011 ore 17:19 | di | 14 commenti

IPhone 4S

Da quando ho acquistato l’iPhone 4S 4.gif ho avuto l’opportunità di passare molto tempo per verificare la durata della batteria con l’uso “standard”: posta elettronica, navigazione web, e social network (Twitter e Facebook). Non è stata un’esperienza del tutto soddisfacente, almeno per i primi giorni, e non tanto perché il tipo d’uso che ho fatto del telefono ha scaricato la batteria (è normale che ciò avvenisse), ma perché quando l’iPhone 4S è rimasto in standby per quasi un’ora, la carica della batteria è diminuita di un 20% e il telefono era caldo.

Il test è stato condotto nel seguente modo per tre giorni: abilitati iCloud, servizi di localizzazione, contatti, calendari, promemoria, notifiche, preferiti e note; più alcuni account di posta sincronizzati con il mio iMac, e l’opzione Streaming Foto attiva sul computer come sugli altri miei dispositivi iOS.

Poi mi sono recato sul lungomare per provare la fotocamera e la rete 3G del mio gestore. Lungo il tragitto, che è durato un’oretta inclusa una sosta al bar con gli amici, ho tenuto il telefono in tasca. Quando sono arrivato alla meta, il telefono era caldo, notevolmente caldo. La temperatura esterna era insolitamente alta per la fine di ottobre, circa 26°, ma il calore veniva dall’interno. Quando ho sbloccato l’iPhone ho notato che la carica della batteria era scesa di 10 punti. Ho atteso con il telefono in mano diverso tempo e la percentuale della batteria ha perso un punto ogni due minuti. Non mi era mai capitata una cosa del genere prima con l’iPhone. Sono tornato a casa e il telefono è rimasto caldo.

Ho così proceduto ad un ripristino. Al mattino il telefono sembrava comportarsi meglio, ma l’ho utilizzato prevalentemente con una connessione Wi-Fi invece che con il 3G. Quando sono tornato sulla scena del delitto nel primo pomeriggio, il problema si è ripresentato di nuovo. Potrebbe essere qualcosa a che fare con il 3G?

Il giorno dopo ho viaggiato in treno, e per circa 30 minuti ho usato il telefono per controllare la posta elettronica, Twitter, e la pagina di Facebook di SPIDER-MAC, e la batteria è scesa di 10 punti e l’iPhone 4S era caldo. Ancora una volta utilizzando una connessione 3G.

Ho eseguito una serie di controlli andando in Impostazioni/Generali/Info/Diagnosi e Uso/Dati di dannosi e utilizzo. Quando si tocca quest’ultima voce si accede ad una pagina di dati in cui si visualizzano una serie di informazioni. Si trattata dei file di log con il dettaglio dei problemi che il dispositivo ha avuto. Il mio era pieno di CrashRepor, e per quanto ho potuto capire da tutte queste informazioni incomprensibili, c’era un problema di sincronizzazione con i miei contatti iCloud.

System Activity MonitorHo così acquistato per €0,79 l’app System Activity Monitor, una utility simile a Monitoraggio Attività di Mac OS X, che fornisce in tempo reale i dettagli sui processi in atto sul dispositivo iOS. Quando ho lanciato System Activity Monitor e premuto il tasto Processes nella parte inferiore dello schermo, ho notato il grafico dell’uso del processore (CPU) che aveva dei picchi del 60% ogni pochi secondi determinati da due processi: dataaccessd e CrashReport. L’iPhone sembrava essere in una sorta di crash continuo dove dataaccessd stava tentando di fare qualcosa, e questo stava scaricando velocemente la batteria.

Sulla base di queste informazioni, ho disattivato la sincronizzazione iCloud dei contatti. Ho lanciato nuovamente System Activity Monitor e il grafico è risultato “stabile”, senza picchi improvvisi. Durante questa fase di monitoraggio, l’iPhone non è stato completamente inattivo, ovviamente. Ma la percentuale d’uso del processore è rimasta stabile sul 3% per la maggior parte del tempo.

A quanto pare un “contatto corrotto” potrebbe essere la causa del problema. Sono andato in Impostazioni/Generale/Ripristina/Cancella contenuti e impostazioni, e ho così inizializzato l’iPhone. Al riavvio ho scelto di configurarlo come un nuovo telefono cellulare, piuttosto che ripristinare da una copia di backup del mio iMac o iCloud. Ho anche fatto in modo di non sincronizzare i dati con iCloud fino a quando fossi pronto. Quando è arrivato il momento, ho abilitato la sincronizzazione di contatti all’interno della schermata iCloud e lanciato System Activity Monitor. C’è stato un picco di attività per i primi minuti quando l’iPhone ha importato i miei contatti dalla “nuvola”, ma poi il grafico si è stabilizzato. Ho poi proceduto ad attivare la sincronizzazione di calendario e controllato System Activity Monitor. Anche in questo caso, nessun problema. E così ho abilitato le altre opzioni di iCloud e tutto è filato liscio.

La combinazione di segnalazioni sugli arresti anomali forniti dall’iPhone e da System Activity Monitor mi ha aiutato a stabilire che ho avuto un problema con la sincronizzazione dei contatti che ha scaricato rapidamente il mio iPhone. Ripristinare il telefono e la sincronizzazione tramite iCloud ha risolto il problema.

Nell’ultimo giorno di test, il consumo della batteria è tornato ai livelli del mio “vecchio” iPhone 4, forse l’iPhone 4S ha anche una maggiore autonomia.

Considerazioni finali

Se riscontrate un consumo anomalo della batteria del vostro iPhone 4S, provate ad utilizzare gli strumenti di monitoraggio descritti nell’articolo per tentare di individuare il problema, ed eventualmente effettuare un ripristino senza importare dal backup.

Approfondimenti: , , ,

Argomento: iOS

Commenti (14)

RSS commenti

  1. Hileotech ha detto:

    Intanto grazie!
    Sul web ne ho lette di tutti i colori sulle possibili cause del “batterygate”. Mi pare che questa tua diagnosi (e la relativa soluzione) sia la più azzeccata e pertinente.
    Se fino a qualche minuto fa ero in dubbio se rimanere con il mio iPhone 4 o passare al 4S, ora le cose sono decisamente cambiate!

  2. claudio ha detto:

    Ciao Stefano io è da lunedì che sto provando il mio nuovo iPhone 4S non riscontro consumo eccessivo di batteria rispetto al 3GS forse perché io sono uno di quelli che non lascia aperto app che non uso tipo wifi bluetooth e altro. Invece volevo chiederti secondo te perché non hanno messo la possibilità di disattivare la rete3G sui nuovi iPhone scelta dovuta o altro? ciao,

  3. Stefano Donadio ha detto:

    @ caludio: ho il sospetto che l’impossibilità di disattivare la rete 3G dipenda dal nuovo sistema di gestione alternato delle antenne dell’iPhone 4S.

  4. Hileotech ha detto:

    @claudio: io, invece, sono uno di quelli che – per necessità, ovviamente – ha sempre il bluetooth ed il WiFi attivato, e finora l’iPhone 4 si è comportato egregiamente, reggendo almeno una giornata intensa di lavoro, se non di più. Certo, ho dovuto prendere l’abitudine di ricaricarlo quotidianamente (cosa che con altri terminali meno… “nobili” non accade). Il problema sarebbe, invece, se il 4S non riuscisse nemmeno a reggere la “giornata intensa” con un po’ di connessioni aperte: per avere un terminale da quasi 800 Eurozzi che non può tenere sempre BT e WiFi perché altrimenti “scalda” o “si scarica”, preferisco un normalissimo telefono da 30 Euro 😉
    @Stefano Donadio: pensi che il livello di “tenuta” delle batterie dipenda anche dal fatto che hai già fatto un po’ di cicli di carica-scarica?

  5. Amos ha detto:

    Bell’articolo Stefano molto utile anche per il “vecchio” 4g

  6. Stefano Donadio ha detto:

    @ Hileotech: per la batteria dell’iPhone (tutti i modelli), Apple consiglia di effettuare almeno una vola al mese un ciclo completo di scarica e carica.

  7. Bendi ha detto:

    Sei stato davvero bravo a risolvere il problema. Grazie per aver condiviso la tua esperienza. Seguo con piacere il tuo blog.

  8. mukko ha detto:

    Probabilmente, quando capirete che tutti i prodotti sono sotto influenza del marketing, sempre difettosi, e le spese le fanno gli UTENTI impazienti, magari se nessuno li compra immediatamente….probabilmente farebbero le cose meglio.
    Non mi pare che l’ iPhone sia tutto sto gran che di necessario cambiare tutti gli anni……poi fate voi, io aspetto almeno 6-8 mesi prima di comprare aggeggi elettronici

  9. Hileotech ha detto:

    @mukko:
    hai perfettamente ragione. Però può anche darsi che ci sia gente (ad esempio il sottoscritto) che i telefonini letteralmente li usura e che, quindi, tra poco tempo cambierebbe comunque il “vecchio” iPhone. Spinta di marketing o altro, ti assicuro che almeno io non ho intenzione di sborsare 7 o 800 Eurozzi solo per andare in giro a dire che ho l’ultimo modello di telefono… Per me i 6-8 mesi sono la metà della vita di un telefono e, quindi, mi va bene correre il rischio di beccarmi prodotti “sempre difettosi”, come dici tu.
    Ovviamente IMHO 🙂

  10. ajalro ha detto:

    @ Stefano: ho scaricato per curiosità anche io quell’app; mi puoi spiegare come fai a capire quali processi sono responsabili dei picchi di uso della CPU?quando c’è un picco di utilizzo, i processi responsabili si spostano contemporaneamente in alto nella lista?

  11. Stefano Donadio ha detto:

    @ ajalro: esattamente. Ti conviene chiudere le app attive nella barra multitasking o tenere solo quelle che intendi monitorare.

  12. ivan ha detto:

    Ciao Stefano,
    innanzitutto grazie per le preziose informazioni che ci dai quotidianamente, ti seguo sempre con particolare interesse.
    Volevo porti il mio problema che è alquanto strano: ho un iphone 4s (5.1.1) ancora in garanzia, da un paio di mesi ho notato un calo considerevole della batteria e un problema un po’ anomalo, in pratica non riesco più a spegnere il terminale. Ad ogni tentativo mi si riavvia in automatico.
    Ho cercato in rete ma non ho trovato nulla di interessante (soliti consigli tipo ripristino del firmware, etc… tutte cose che ho fatto).
    Da premettere che non ho mai fatto il jailbrack, e che per evitare consumi eccessivi di batteria ho disattivato tutto il disattivabile (3g, localizzazione, icloud, luminosità bassa). Ho verificato nei log ma non ho trovato nulla tranne che un errore relativo a SIRI (che ho poi disattivato).
    Volevo chiederti se secondo te questo problema potrebbe essere risolto con il “fai da te” lato software o se sono costretto ad andare all’Apple Store.
    In merito alla garanzia come funziona? Si trattengono il terminale per ripararlo, quanti giorni?
    Scusami per le troppe domande e grazie ancora di tutto 😉

    • Stefano Donadio ha detto:

      Hai già fatto tutto il possibile per risolvere con il “fai da te” il problema. Un unico dubbio: quando hai fatto il Ripristino, se hai importato il backup, hai importato anche il problema; se invece dopo il Ripristino hai creato un nuovo iPhone, allora non ti rimane che prenotare un appuntamento con il Genius Bar dell’Apple Store.

      Se il Genius Bar riscontra un problema non risolvibile nel corso stesso dell’appuntamento, ti daranno immediatamente un nuovo iPhone in sostituzione (ti diranno che è ricondizionato, ma in realtà e nuovo).

      • ivan ha detto:

        Grazie Stefano, in realtà avevo fatto un paio di tentativi prima di importare il backup (subito dopo la configurazione inziale) e il problema si presentava ugualmente. La cosa strana è che quando è in carica si può spegnere, ma appena gli tolgo la carica si riaccende, ci dovrà essere qualche falso contatto (problema che in rete hanno anche altri utenti). A questo punto contatterò il genius bar di Apple.

Aggiungi un commento