Recensione: OS X 10.8 Mountain Lion

26 luglio 2012 ore 10:03 | di | 158 commenti

Schermata 07 2456134 alle 15 02 57

La risposta alla prima domanda che tutti fanno su Mountain Lion è: si, conviene aggiornare, e questo vale sia per chi utilizza il computer per piacere, sia per lavoro. E se avete un iPhone, iPod touch o iPad con voi quando lasciate il vostro computer a casa, allora vale ancora di più la pena installare il “leone di montagna”.

OS X 10.8 è forse il sistema operativo che offre la migliore integrazione con i social network e la sincronizzazione dei documenti che ho visto fino ad ora (l’integrazione con Facebook arriverà ad ottobre). Ma Mountain Lion ha anche il potenziale per sconvolgere il mercato dei videogiochi, perché grazie alla funzione AirPlay Mirroring, chiunque abbia un televisore HD e l’Apple TV di seconda o terza generazione, può trasformare il Mac in una potente console giochi (nota: AirPlay Mirroring funziona solo con: iMac, Mac Mini e MacBook Air metà 2011 e succesisvi; e  MacBook Pro inizio 2011 o più recenti).

Ho avuto modo di utilizzare intensamente Mountain Lion per più di una settimana prima del suo rilascio ufficiale e non c’è dubbio, è un sistema operativo eccezionalmente solido e stabile, si può evitare di aspettare il fatidico “primo aggiornamento”, quest’ultima una buona regola adottata dalla maggior parte degli utenti soprattutto pro, ad ogni rilascio di una nuova versione di OS X.

Sono rimasto fortemente impressionato per i nuovi livelli di comodità, funzionalità e sicurezza, i miglioramenti sottili dell’interfaccia, la sincronizzazione cloud dei file, e la compatibilità con il software scritto per le versioni precedenti.

Installazione

Per installare Mountain Lion occorrono due click, forse meno. Si acquista dal Mac App Store per €15,99 e si effettua l’aggiornamento direttamente su Lion o Snow Leopard (Guida all’installazione di OS X Mountain Lion) oppure è possibile fare una “installazione pulita” (Mountain Lion: come fare una “installazione pulita”) che richiede qualche passaggio in più. Io ho optato per la prima soluzione (Mountain Lion: conviene fare una “installazione pulita”?).

In ogni caso, se c’è qualche software che non è compatibile con Mountain Lion, appare un avviso con l’elenco, e tutte le applicazioni vengono spostate in una cartella chiamata “Software incompatibile” nell’hard disk.

Software incompatibile Facilità d’uso

L’ultima versione di OS X ha migliorato ulteriormente il sistema di creazione “in un click” degli account di posta elettronica, contatti, calendario, e servizi quali Gmail, Yahoo!, Microsoft Exchange, Twitter, Flickr, Vimeo. Ogni servizio che si configura in OS X opzionalmente viene aggiunto a Mail, Calendario, Contatti, e le applicazioni di messaggistica, e, se del caso, al menu del pulsante “Condivisione”” in altre applicazioni. Come di consueto, anche l’ultima versione di OS X offre una curva di apprendimento praticamente piatta. Se aggiornate da Lion a Mountain Lion, non dovrete imparare quasi nulla, infatti, le nuove funzionalità sono state integrate discretamente.

Pulsante condivisione Mountain Lion

Ad esempio, cliccando sull’icona in alto a destra della barra dei menu si apre il pannello del Centro Notifiche, che mostra un elenco degli impegni del Calendario (ex iCal), i messaggi di Messaggi (ex iChat), le e-mail appena arrivate, e le cose da fare programmate con Promemoria (il vecchi e cari post-it di Promemoria adesso si chiamano Memo).

Cliccando sull’icona con la freccia di Condivisione nella barra degli strumenti di Safari (presente anche in altre applicazioni di sistema) si apre un “menu di condivisione” con un elenco di servizi, in modo da poterci cliccare sopra e condividere il link della pagina in primo piano, più il vostro commento, sul l’account personale Twitter o in un messaggio chat/iMessage.

Integrazione iCloud

Come anticipato, Mountain Lion è fortemente integrato con l’intero ecosistema Apple che include i dispositivi iOS (iPad, iPhone, iPod touch) e il servizio gratuito di condivisione di iCloud. Tutte le applicazioni di sistema, inclusoTextEdit, offrono la possibilità di salvare i documenti direttamente sulla nuvola di iCloud, e ovviamente anche in locale.

Se si salva su iCloud, eventuali revisioni apportate con un altro dispositivo sono immediatamente disponibili su tutti gli altri computer e dispositivi iOS di Apple. Quando si seleziona la voce di menu Archivio/Apri (⌘-O), si aprirà una finestra del Finder tradizionale, con due nuovi pulsanti nella parte superiore, uno etichettato “iCloud,” l’altro “Sul mio Mac”. Se si fa click su “iCloud,” si passa da una finestra del Finder standard a una stile iOS che mostra le anteprime dei documenti che avete memorizzato su iCloud, ed è possibile trascinare nuovi documenti direttamente nel pannello e organizzarli con un semplice drag and drop (se non si utilizza la modalità vista elenco). Se si fa click su “Sul mio Mac”, si torna alla gestione standard dei file con la navigazione attraverso il Finder (nota: per poter salvare un documento su iCloud è necessario avere anche la corrispondente app per iOS).

Mountain Lion integrazione iCloud

Per utilizzare la sincronizzazione e lo storage iCloud si deve semplicemente inserire il dati del proprio account iCloud e la password, si può fare nella fase iniziale di impostazione di Mountain Lion oppure dal pannello iCloud delle Preferenze di Sistema, e tutti i vostri contatti, mail, messaggi, note, promemoria, preferiti di Safari e documenti iWork vengono automaticamente sincronizzati tra il Mac e dispositivi iOS. Se, come me, eravate infastiditi quando iCloud sotto Lion non offriva alcune funzioni integrate nel vecchio servizio MobileMe, come ad esempio la sincronizzazione degli account di posta, sarete felici di sapere che Mountain Lion reintroduce una parte di ciò che si era perso, magari a breve Apple reintrodurrà anche la comodissima sincronizzazione del Portachiavi.

Il Mac in TV

Una delle funzioni più interessanti di Mountain Lion è Mirroring AirPlay, una versione potenziata dell’omonima opzione già integrata sui dispositivi iOS. Se avete una Apple TV seconda o terza generazione e un Mac prodotto nel 2011 in avanti, è possibile fare touch un’icona nella barra dei menu di OS X per attivare il mirroring sullo schermo di una TV HD collegata all’Apple TV (alcuni video commerciali saranno visualizzati su una sola schermata alla volta, per motivi di licenza, ma tutto il resto appare su entrambi gli schermi). Ciò consente di utilizzare la connessione wireless dell’Apple TV per condividere lo schermo del Mac senza bisogna di un apposito adattatore o cavo, e dal momento che Mountain Lion include il Game Center di iOS, si può utilizzare il proprio MacBook per  giocare ad Angry Birds sulla televisione.

In questo modo, il Mac diventa a tutti gli effetti una console giochi, e si può anche utilizzare il controller USB collegato al computer.

È un Mac, non uno smartphone

Apple e Microsoft hanno scelto modi molto diversi per integrare il computer con tablet e smartphone. Nel prossimo Windows 8 (Windows 8: le impressioni di un utente Mac), Microsoft ha deciso di utilizzare lo stesso sistema operativo per PC con processori Intel e ARM sui dispositivi portatili, e ha scelto l’interfaccia “Metro” di Windows Phone 7 come GUI predefinita di Windows 8, con la vecchia barra delle applicazioni desktop disponibile solo quando si avvia un’applicazione. Apple ha deciso di mantenere il sistema operativo OS X per desktop e portatili distinto da iOS per iPhone e iPad. Le versioni di OS X di Safari, Mail e altre applicazioni assomigliano a quelle per iOS, ma sono ovviamente più potenti.

Chiunque utilizzi per la prima volta OS X dopo aver usato un dispositivo iOS può accedere alle varie applicazioni utilizzando “Launchpad”, che simula la schermata iniziale iOS, ma gli utenti di OS X ignoreranno il Launchpad e continueranno a lanciare le applicazioni dal Dock oppure digitando poche lettere del suo nome nella finestra di Spotlight. La decisione di Apple di far correre OS X e iOS x su binari paralleli ma diversi sembra la scelta ottimale, sicuramente migliore rispetto a quella di Microsoft che ha insistito per fare un sistema operativo che finge di trasformare un tablet o un telefono in un computer.

Allineato con iOS

Se state usando un dispositivo iOS, non rimarrete sorpresi di trovare le eleganti applicazioni Messaggi, Promemoria, Note, Game Center anche su OS X.

Centro Notifiche Centro notifiche Mountain Lion

Per anni, gli sviluppatori di applicazioni per Mac si sono affannati a pensare ad un sistema efficace per attirare l’attenzione dell’utente quando una determinata azione o task veniva portata a termine. Il progetto open-source Growl ha contribuito a semplificare il lavoro degli sviluppatori creando un sistema di notifica generale, compatibile con numerose applicazioni. Ma con Mountain Lion, un vero servizio di notifiche per tutto il sistema operativo è finalmente disponibile.

Avvisi e notifiche appaiono nell’angolo in alto a destra dello schermo in un banner che ricorda molto quello di Growl. Le notifiche rimangono visibili per cinque secondi, per poi scomparire fuori dello schermo verso destra. Gli avvisi, invece, restano sullo schermo fino a quando si fa click sui pulsanti Mostra o Chiudi (o, nel caso di alcuni, Ritarda).

In iOS 5, si possono consultare tutte le ultime notifiche facendo scorrere il dito sul display dall’alto verso il basso per accedere al Centro notifiche. In Mountain Lion, l’elenco del Centro notifiche è una stretta fascia che appare solo sul lato destro dello schermo. Si può accedere al centro notifiche cliccando sulla nuova icona che si trova all’estrema destra della barra dei menu o facendo scorrere due dita partendo dal bordo destro del trackpad. In entrambi i casi, l’intero schermo del Mac scivolerà verso sinistra, rivelando l’elenco di avvisi e notifiche.

Centro Notifiche Mountain Lion

C’è anche un nuovo pannello Notifiche in Preferenze di Sistema, analogo al sottomenu Notifiche che si trova in Impostazioni di iOS. Da qui è possibile scegliere quali applicazioni devono apparire all’interno del Centro notifiche e anche il tipo di avviso. Si puo scegliere di abilitare le notifiche per tutte le applicazioni, e se si vuole che siano visibili per cinque secondi fino a quando non si clicca sopra. È inoltre possibile scegliere il numero di notifiche per ogni software e impostare o meno anche un suono.

Pannello Centro Notifiche Mountain Lion

Apple ha integrato le notifiche in molte delle applicazioni di Mountain Lion. Ovviamente, Calendario utilizza il Centro notifiche per segnalare tutti gli eventi. Messaggi invia l’avviso quando si riceve un nuovo messaggio. Promemoria segnala le cose da fare. FaceTime avvisa se è stata persa una chiamata. Game Center mostra le richieste di amicizia e gli inviti a giocare. Il Mac App Store notificherà gli aggiornamenti disponibili. Se si aggiunge il proprio account Twitter, è possibile ricevere le notifiche dei tweet e delle menzioni.

Mail consente di scegliere come si desidera essere avvisati quando arrivano nuovi messaggi selezionando l’opzione desiderata in Preferenze/Generali/Notifiche nuovi messaggi. È possibile impostare di visualizzare le notifiche per tutti i messaggi che appaiono nella Posta in arrivo, per tutte le email da parte di persone incluse nella Rubrica Indirizzi, per la posta di una pescifica casella Smart, per la posta in tutte le caselle, o per i messaggi solo da un contatto VIP, quest’ultima è una inedita opzione di Mail che permette di indicare che certe persone sono “speciali”. Dopo averlo fatto, Mail può inviare notifiche solo quando si riceve un nuovo messaggio da qualcuno che è contrassegnato come VIP. Inoltre dovrebbe essere possibile utilizzare le regole (filtri) per specificare esattamente quali messaggi meritano una notifica.

Messaggi

Dopo una onorata carriera, iChat va ufficialmente in pensione sostituito dal nuovo Messaggi di Mountain Lion. La funzione più importante è il supporto per il sistema di messaggistica iMessage di iOS, e anche sul Mac è del tutto simile agli SMS e MMS, ma a differenza di quest’ultimi, i messaggi inviati con iMessage sono gratuiti e inviati direttamente dal computer.

iMessage supporta alcune funzioni interessanti, come la possibilità di far sapere che un messaggio inviato o ricevuto è stato letto (è una opzione che non è abilitata di default), e quando si sta per inviare una risposta. Per spedire un messaggio a qualcuno che utilizza IMessage, è necessario conoscere l’ID Apple (che di solito coincide con l’indirizzo e-mail e anche con il nome utente iCloud). Utilizzando il sistema iMessage, è possibile inviare testo, immagini, e altre cose. Se avete bisogno di parlare con più di un amico, c’è anche il supporto per la chat di gruppo. È tutto criptato, e funziona, non importa se siete su un iPhone, iPad, iPod touch o un Mac. E se usate iMessage su più dispositivi, tutte le conversazioni saranno sempre disponibili, in pratica è possibile avviare una chat su un Mac e finirla su un iPhone, con lo storico dell’intera conversazione disponibile per essere consultato in qualsiasi momento.

Anche se il nome è ormai Messaggi, tutte le funzionalità di iChat sono sempre disponibili. L’applicazione supporta ancora i protocolli AIM, Yahoo, e Jabber (dal momento che il sistema di messagistica di Google usa Jabber, Messaggi supporta anche Google Talk).

Note

Come per la versione presente sui dispositivi iOS, l’interfaccia di Note per Mac si ispira al classico blocco note di carta di colore giallo. C’è anche un accenno di carta strappata nella parte superiore della finestra, e la barra del titolo dell’applicazione ha un effetto simil-pelle. Nell’angolo in alto a destra viene visualizzata la data in cui la nota è stata modificata l’ultima volta.

Note Mountain Lion

Nella parte inferiore dell’area dove is prendono gli appunti, ci sono solo due pulsanti. L’icona del Cestino elimina la nota, l’icona Condivisione permette di allegare la nota ad un messaggio in Messaggi

La versione Mac di Note supporta il formato RTF, si possono scegliere tra diversi font, è prevista una opzione per l’allineamento del testo, si possono inserire foto e allegati, creare elenchi puntati, e anche trascinare gli URL per creare collegamenti ipertestuali.

Il lato sinistro della applicazione Notes mostra un elenco delle note, nonché una casella di ricerca. Apple spiega che si potranno organizzare le note archiviandole in cartelle.

Se come me amate usare l’applicazione Promemoria lasciando dei post-it sullo schermo, Note è in grado di fare anche questo. Se si fa doppio click su una nota nell’elenco, questa si aprirà in una finestra separata.

Proprio come Note su iOS e Note in Mail di OS X, l’applicazione Note archiviare le note su un server di posta IMAP, in una cartella Note. Quindi, via la sincronizzazione tra tutti i dispositivi non avviene via iCoud, ma bisogna crerae un indirizzo email me.com (o utilizzare uno esistente) in modo da avere le proprie note sincronizzate su Mac, iPhone e iPad.

Promemoria

Il nuovo Promemoria di Mountain Lion è un’applicazione ancora più essenziale di Note. Se utilizzate un dispositivo iOS 5 vi risulterà familiare: c’è una finestra con l’elenco delle cose da fare che è possibile spuntare e ovviamente aggiungerne di nuove. Un pulsante per comprimere/espandere in basso a sinistra consente di attivare o disattivare una barra laterale che consente di navigare tra gli elenchi e di effettuare una ricerca. Quando la barra laterale non è visibile, è possibile navigare tra gli elenchi strisciando due dita sul trackpad o cliccando sui puntini nella parte inferiore della finestra di Promemoria. Promemoria di Mac OS X 10.8 utilizza iCloud per la sincronizzazione tra i vari dispositivi iOS e Mac.

Promemoria Mountain Lion

Come per la versione per iOS, Promemoria di Mountain Lion offre la possibilità di impostare un promemoria in base ad un luogo non è disponibile, ovviamente per poter funzionare questa funzione bisogna aver abilitato i servizi di localizzazione ed essere collegati ad intenet.

Contatti

Rubrica Indirizzi di Lion è stata una delle applicazioni più criticate dagli utenti Mac, sia per le l’interfacca dal discusso e inutile stile skeuomorfico, sia per la perdita di funzioni disponibili in Snow Leopard.

Con Mountain Lion, Rubrica Indirizzi è stato rinominato Contatti in virtù della convergenza in atto tra il sistema operativo desktop e quello mobile di Apple. Anche se non sono stati risolti tutti i problemi presenti nella versione di Lion, ci sono una serie di miglioramenti significativi.

Il più grande miglioramento introdotto con Contatti è il ritorno del layout a tre colonne. Non sarà più necessario fare click su un segnalibro in alto per accedere alle altre pagine virtuali, invece, è possibile scegliere tra tre modalità di visualizzazione: contatti (colonna singola), contatti e colonna (due colonne), o contatti, colonna e gruppi (tre colonne). Per mantenere il design della classica rubrica, scegliendo la visualizzazione a tre colonne viene ristretto l’elenco dei contatti, permettendo alla barra laterale di Gruppi di posizionarsi sulla sinistra della pagina. Inoltre, in aggiunta al pulsante Condivisione nella parte inferiore di ogni contatto, è possibile esportare la scheda (in formato vcf.) via e-mail o in un allegato iMessage, oppure AirDrop.

Contatti Mountain Lion Calendario

Oltre al nome, due modifiche di Calendario di Mountain Lion sono immediatamente evidenti. Dal punto di vista estetico, Apple ha deciso di eliminare le cuciture sgargianti dalla barra degli strumenti. L’interfaccia del programma tende ancora un po’ troppo ad assomigliare ad un calendario da scrivania “fisico”, ma il nuovo look è un po’ più sobrio.

Il cambiamento più grande è quello che sarà probabilmente il più gradito da chi ha aspramente criticato iCal di Lion: i calendari in Mountain Lion ritornano nella colonna laterale dedicata, proprio come nei sistemi pre-Lion. Invece di costringere l’utente a fare click sul pulsante calendari in alto a sinistra per visualizzare l’elenco dei propri calendari, Calendari del “leone di montagna” mostra sempre questo elenco, organizzato in base al tipo di calendario, proprio come avviene in Snow Leopard. Sotto questo elenco ci sono una serie di mini-calendari che di default mostrano il mese corrente e quello successivo (anche se è possibile trascinare il divisore del calendario verso l’alto o verso il basso per aumentare o diminuire, rispettivamente, il numero di mesi visibili).

Calendario Mountain Lion

Apple ha aggiunto anche il sistema di ricerca che ha debuttato con il Finder e Mail di Lion per trovare gli eventi di Calendario. Invece di avere una lista di risultati in base alla parola cercata, intelligentemente Calendario di Mountain Lion, durante la digitazione, suggerisce le categorie che sono organizzate in eventi, titoli, contatti o note associate a un evento. Anche la finestra che mostra i risultati della ricerca è stata modificata, non appare più in basso, ma direttamente sotto la casella di ricerca.

Per gestire le cose da fare (to-do) con Mountain Lion bisogna fare un salto nel nuovo Promemoria e a differenza di Contatti, non c’è alcun collegamento diretto con l’applicazione Promemoria in Calendario.

L’altro cambiamento importante introdotto con Calendario è che Apple ha completamente rinnovato gli avvisi e i promemoria degli eventi. Per tutti gli account, è ora possibile personalizzare gli avvisi di default individualmente, per eventi programmati per tutto il giorno e anche per i compleanni, ciascuno di questi può essere impostato minuti, ore o giorni prima dell’evento.

Ci sono anche alcune modifiche minori dell’interfaccia. Ad esempio, il menu Calendario non c’è più (per ovvi motivi), e i relativi comandi sono stati ridistribuiti tra i menu Archivio, Modifica e Vista. Ed è ora possibile disabilitare la “mappa di calore” nella vista anno.

Safari

Anche se Safari di Mountain Lion non introduce novità rilevanti come altre applicazioni incluse nel nuovo sistema operativo che sarà rilasciato questa estate, gli ingegneri di Apple hanno migliorato l’interfaccia utente generale del browser, ottimizzato l’integrazione e la condivisione, e aggiunto un sistema di gestione delle password memorizzate più chiaro.

Nuova barra degli strumenti

I sostenitori della “grande barra di ricerca” stile Chrome o Firefox, saranno felici di sapere la barra degli strumenti del nuovo Safari ha preso spunto proprio da quella dei browser concorrenti: ora c’è un unico campo lungo che può essere utilizzato per digitare un URL oppure una parola chiave e visualizzare i migliori risultati con il motore di ricerca preferito; o cercare nel Web, tra i preferiti e la cronologia, o all’interno della pagina stessa.

Safari ricerca Mountain Lion

Anche gli URL hanno assunto un aspetto simile a Chrome, rimuovendo automaticamente “http://” all’inizio e “schiarendo” tutto ciò che si trova dopo il dominio principale per meglio consentire all’utente di verificare che la pagina Web che si sta visualizzando è proprio quella desiderata (si tratta di un accorgimento contro le truffe internet o phishing).

Safari URL Mountain Lion

A sinistra di questa nuova barra degli strumenti c’è il nuovo pulsante Condividi. Condividi in Safari attualmente offre solo la possibilità di aggiungere una pagina Web all’Elenco lettura o ai preferiti, inviare la pagina via e-mail o il link con Messaggi oppure via Twitter; Apple sicuramente amplierà questo elenco di opzioni, ma attualmente non c’è alcun modo per personalizzarlo.

Pulsante Condivisione

Guardate a destra della nuova barra degli strumenti, e potrete notare che non c’è più la funzione RSS (Really Simple Syndication), che non sono più importanti per Apple, che li ha rimossi oltre che dal suo browser, anche da Mail, costringendo gli utilizzatori dei feed ad affidarsi ad applicazioni di terze parti come NetNewsWire o Reeder. Se si ha un lettore RSS installato e si tenta di fare click su un indirizzo “feed :/ /”, Safari automaticamente apre il programma, altrimenti, viene visualizzato un errore.

Al posto del pulsante RSS e della “vecchia” barra di ricerca, Safari ha un pulsante gigante per la funzione Reader, che evidenzia il testo in una pagina per una esperienza di navigazione migliore. Se in una pagina non può essere utilizzato Reader, il pulsante sarà di colore blu (per tutte le altre pagine è grigio).

Safari Mountai Lion Reader

Privacy

Molte modifiche apportate in questa versione di Safari riguardano la privacy degli utenti, un tema particolarmente caldo negli ultimi anni. C’è ora in Privacy una casella per non essere tracciati dai siti Web, insieme ad una impostazione “Consenti i suggerimenti del motore di ricerca”, che si riferisce alle funzione di ricerca di Safari. Una nuova sezione consente agli utenti di vedere le password per ogni sito web di cui si sono salvati nomi utente e password, che sono “oscurati”, e che è possibile visualizzare dopo essersi autenticati. È possibile eliminare le singole password memorizzate o rimuoverle tutte, se lo si desidera.

Ci sono altre due cose degne di nota: Safari non offre più la possibilità di impostare i font e le dimensioni predefinite (anche se è possibile caricare un foglio di stile o forzare il browser a non mostrare il font di dimensione inferiore a un certo numero). Dal momento che il Web si basa sempre di più sui CSS, questa scelta lascia un po’ perplessi.

L’altra novità è un po’ intrigante: sembra che i siti web in Safari saranno presto in grado di inviare notifiche al Centro notifiche. Ogni sito potrà chiedere l’autorizzazione di volta in volta, oppure è possibile negarla a titolo definitivo, c’è anche un elenco di siti approvati in passato, che si può modificare come per la sezione Password. Questa funzione sembra utilizzare l’API delle notifiche del Webkit HTML5. Stando al pannello delle preferenze, questi avvisi possono essere anche solo a comparsa (pop-up).

Più sicurezza

Fino ad ora, OS X è stato praticamente immune a qualsiasi minaccia virus, ma Mountain Lion aggiunge una nuova potente linea di difesa contro i futuri pericoli. Un sistema chiamato Gatekeeper impedisce ad un malware di funzionare anche se deliberatamente scaricarlo sul computer il giorno stesso che il pirata informatico l’ha scritto. Funziona in questo modo. Di default, Mountain Lion esegue solo le app che ritiene sicure perché o si è scaricata l’applicazione da Mac App Store o perché il software è stato scritta da uno sviluppatore autorizzato Apple e contiene una firma digitale che sarebbe stata distrutta se un hacker malintenzionato avesse modificato il codice originale.

Gatekeeper Mountain Lion

Ma cosa succede se si desidera eseguire un’applicazione non del Mac App Store o scaricare un programma che è stato scritto da qualcuno che non è “certificato” come sviluppatore Apple? Se avete un account amministratore, ctrl-clic sul App, e scegliete Apri dal menu a comparsa, immettere la password e “dite” al leone di montagna di fidarsi di questa applicazione in futuro. Questa opzione non è disponibile per account standard, in modo da poter impostare la macchina di vostro figlio senza preoccuparvi che possa installare software dannoso.

Mountain-Lion-sicurezza

È inoltre possibile controllare questa funzionalità di protezione dalle Preferenze di Sistema/Sicurezza e Privacy, che offre un’opzione, “Dovunque” che consente di eseguire qualsiasi applicazione scaricata.

Gatekeeper è implementato in modo intelligente, è possibile lasciare le impostazioni di sicurezza di default e continuare a eseguire qualsiasi applicazione installata, non importa da dove è stata scaricata, mentre OS X si rifiuta di eseguire qualsiasi altra nuova applicazione provenienete da fonti non attendibili. È anche possibile rafforzare questa impostazione di protezione per consentire di utilizzare solo le applicazioni scaricate da Mac App Store e respingere anche le applicazioni “certificate” scaricate altrove, anche se a me questa sembra una cautela eccessiva. Eppure, se il Mac viene affidato ad un utente “meno sofisticato” che sembra intenzionato all’autodistruzione, tramite il vostro account amministratore è una buona idea innalzare il livello di sicurezza al massimo.

Cosa manca

L’unica nota dolente di Mounatin Lion riguarda la funzione di Dettatura vocale, che non è disponibile in italiano.

Dettatura vocale Mountain Lion Considerazioni finali

Ancora una volta, OS X prende il primo premio come migliore sistema operativo consumer del mondo, ed ha tutte le carte in regola per sfidare Windows 8 anche nel settore “pro”.

Punteggio: spider-mac punteggio 4,5
Pro: funzioni di condivisione e sincronizzazione cloud; nuove applicazioni stile iOS; funzioni di sicurezza rafforzate; Game Center, Airplay Mirroring trasforma il Mac in una potente console giochi.
Contro: Dettatura vocale non disponibile in italiano; per la condivisione documenti iCloud sono necessarie le corrispondenti app iOS.
Prezzo: €15,99, disponibile esclusivamente sul Mac App Store.
Produttore: Apple.

Approfondimenti: , , ,

Argomento: Mac

Commenti (158)

RSS commenti

  1. Alfi ha detto:

    Ho un sito che aggiorno e manutengo con iWeb.
    Ci sono controindicazioni a passare a ML?
    In tal caso è indifferente fare un aggiornamento o una installazione pulita? Sono uno di quelli che passando a Lion ha visto molto peggiorate le prestazioni dell’iMac e mi ero Fatto una idea (illusione?) che con una installazione pulita si rimetteva tutto a posto. Però non potrei permettermi diiperdere iWeb

  2. Garfrak ha detto:

    Salve, desideravo sapere se con ML si è risolto il problema di freeze del sistema al risveglio dallo stop cliccando su un dispositivo bluetooth. Attualmente ho disabilitato questa funzione e, quando “stoppo” devo usare il tasto accensione e poi aspettare che si ripristinino i collegamenti. Possiedo Tastiera, Magic mouse e trackpad.
    Grazie

    • Stefano Donadio ha detto:

      Il problema che hai descritto, a me non l’ha mai fatto, e come te ho Tastiera, Magic Mouse e Magic Trackpad Bluetooth. Vai in Home/Libreria/Preferences ed elimina tutti i file che iniziano con com.apple.Bluetooth(nome).plist

      Rifai gli abbinamenti di tutte le periferiche Bluetooth dal pannello delle preferenze e usa OnyX per vuotare la cache di sistema.

      • Garfrak ha detto:

        Grazie, fatto. Adesso controllo per qualche giorno e poi si vedrà.

        • Garfrak ha detto:

          Scusa Stefano, ma dopo aver testato l’uscita dallo stop con successo un paio di volte, dopo la notte stamattina ho cliccato sulla tastiera e Lion si è frezzato di nuovo! 🙁
          Stesso problema di sempre. A questo punto credo di avere un problema io, non credi?

  3. David ha detto:

    Qualcuno può spiegarmi come mai NOTE non sincronizza le note del mio iphone? ho sincronizzato varie volte, ma le note dell’iphone non si copiano in NOTE app del mac… :S
    Altra domanda, PROMEMORIA app, perché non sincronizza i compleanni e le note di iCal, ora CALENDARIO (che ha sincronizzato le date dell’iphone).?
    non ho nessun account icloud, sarà per questo? spero si possa sincronizzare senza pagare l’ennesima quota ad apple.. :S
    grazie! 🙂

  4. Marco ha detto:

    Ho appena scaricato Mountain Lion e ho provato imessage. Come si fa a proseguire una conversazione iniziata sul mio Mac Book Pro sul mio iPhone 4?

    • Stefano Donadio ha detto:

      Quando invii un messaggio con l’app Messaggi da un account iMessage ad un altro account iMessage, ti ritrovi tutti i messaggi su tutti i Mac e dispositivi iOS che supportano iMessage, e puoi continuare con il dispositivo che preferisci.

      Ovviamente, se invii un semplice messaggio di chat con Messaggi da un account AIM, Jabber, iChat, ecc, la conversazione può continuare solo con Messaggi su Mac.

  5. Pondopapy ha detto:

    1)
    Trascinando un file sull’icona del Finder nel Dock parte un impulso, spariscono le icone sulla scrivania, si oscura un po’ lo schermo ma non si apre la finestra del Finder; cartelle ad impulso funziona solo nella finestra del Finder se aperta.
    Funziona anche con le cartelle presenti nel Dock ma non sull’icona del Finder

    2)
    C’è modo di modificare il volume dal BANG al login? Ho installato Startup Sound che su SL va benissimo ma su ML non funziona.

    3)
    Dalle preferenze della barra laterale del Finder hanno tolto le comode cartelle di Ricerca preimpostate.

    4)
    Con SL potevo portare un widget dalla Dashboard alla Scrivania e anche riportarlo indietro a lavoro finito (ad es. un rettangolo con il TG che posso seguire mentre lavoro, il traduttore ecc.).
    Ora con ML non riesco a spostarli da lì.

    5)
    Ho dovuto esportare alcune centinaia di foto da importare in un nuovo Mac, purtroppo non non c’è modo di esportare le foto con i nomi dei volti, bisogna rimetterli tutti!!

    Suggerimenti?

    • Stefano Donadio ha detto:

      1) trascinando una cartella sull’icona del Finder a me si apre la cartella Scrivania, come è normale che sia.
      2) prova a vedere se StartNinja funziona con Mountain Lion.
      4) segui le istruzioni di quest’altro articolo.
      5) per i widget, vai qui.

      • Carlo52 ha detto:

        Ciao Stefano, ho provato a trascinare un file nell’icona del finder e non si apre la cartella scrivania, praticamente riscontro gli stessi problemi dell’utente Pondopapy, altra cosa che voglio segnalare è che importando in Icloud file formato PDF dentro una cartella se li apro con anteprima tutto ok invece se tento di aprirli con il formato PDF li rende illeggibili.
        Hai qualche dritta da darmi
        Grazie

      • Pondopapy ha detto:

        1)
        A me non funziona;

        2)
        StatNinja è perfetto, peccato sia ON/OFF e non si possa regolare il volume

        4)
        Per i Widget Su ML non funziona

        5)
        Per iPhoto sto facendo come dici tu, sposto tutta la libreria

        Grazie per le risposte, prontissime!

  6. lorenzo ha detto:

    Buongiorno, istallato ieri ML, tutto bene per quanto riguarda sincronizzazioni e posta, ma non funziona il bluetooth, le periferiche (tastiera e Magic Trackpad) sono riconosciute ma non è possibile accedere alle impostazioni avanzate o collegare altri dispositivi… il sistema operativo sembra con riconoscere la presenza di una porta bluetooth… qualcuno ha riscontrato lo stesso problema?

    grazie

    • Ghost Rider ha detto:

      Non ho riscontrato nessuno dei problemi che hai descritto. Se non l’hai già fatto, prova a rifare gli abbinamenti delle varie periferiche Bluetooth, vuotare la cache con OnyX e ad eliminare le preferenze Bluetooth che si trovano in Home/Libreria/Preferences.

      • lorenzo ha detto:

        Grazie per il suggerimento, ma purtroppo il sistema non ne riconosce proprio la presenza, tanto che nel pannello delle Preferenze di Sistema è scomparsa l’icona per la configurazione del bluetooth… l’assurdo è che nonostante questo tastiera e Magic Trackpad funzionano, ma se cerco di configurare quest’ultimo sempre dal pannello delle Preferenze di Sistema me lo segnala come non presente… ho trovato alcuni blog americani che segnalano lo stesso problema, ma nessuno da risposte risolutive…

  7. dennis ha detto:

    Anche a voi la batteria dura molto con Mountain Lion?

  8. Pondopapy ha detto:

    Con SL quando clicchi su una icona del Dock e tieni cliccato ti mostra tutte le finestre aperte di quell’applicazione, su ML non lo fa più

  9. Pondopapy ha detto:

    Sto configurando un iMac 21 acquistato (è di mia cognata9 da pochi giorni, quindi ho subito aggiornato con ML;
    io ho un mio iMac 21 core 2 DUO fine 2009, li ho entrambi vicini, ho provato ad avviare Skype ed anche Facetime ed in entrambi i casi l’immagine che trasmette il “vecchio 2009” e che arriva sul “nuovo 2012” è di gran lunga migliore di quella che il “Nuovo 2012” trasmette sul “Vecchio 2009”, non so se sono stato spiegato…

    Com’è possibile? Ci sono impostazioni per la iSight?

  10. Alfredo Manicardi ha detto:

    …all’inizio sembrava tutto Ok. Poi, man mano che ho provato le varie applicazioni me ne sono successe di ogni colore immaginabile. Sul mio sito http://www.scattinaturali.com gestito da Weebly, in versione Pro, non mi è più possibile caricare le nuove immagini direttamente selezionandole: devo letteralmente trascinarle nella finestra di Upload, cosa che prima non era necessaria. Ma, vabbè, non è la fine del mondo.
    Stasera, lavorando su Photoshop cs6 appena aperta una immagine da Bridge…Ps Cs6 va in crash…dopo 2 secondi circa. Ho riaperto il programma, aspettato che si visualizzassero le finestre degli strumenti sul secondo monitor…3 secondi e, crash di nuovo! Devo precisare che uso diversi Plugins di rango, come Perfect Suite onOne e varie collection filtri della Nik Software, tutto aggiornato alle ultime versioni dichiarate compatibili con Mountain Lion…Ho installato anche, (per fortuna e da tempo), la Cs5 che sembra non avere problemi. Io dò sempre troppa fiducia, e mi auguro che alla Apple sappiano quel che fanno quando propongono un nuovo sistema operativo…ma stavolta mi sono pentito di aver aggiornato!!!! Ma davvero di brutto. Dimenticavo, ho un MacPro early 2008, con Ati Radeon 4770 e 14 Gb di Ram…non mi pare del tutto una ciofeca! Ed infatti prima di aggiornare tutto filava liscio e velocissimo:-) …Mamma mia!!! Ma perchè l’ho fatto????

    alfredo

  11. Francesco ha detto:

    Ciao Stefano help!! con ML appena installato su un macbook pro fine 2010 15 pollici, lo schermo tende al bluastro all’apertura di alcuni programmi (spesso con iPhoto). Ho provato di tutto, .. installazione pura; installazione come aggiornamento da lion; come aggiornamento da snow leopard… niente il problema si ripresenta sempre.
    la cosa cessa se riavvio il mac, ma e’ un rimedio che dura poco..
    il disagio e’ davvero forte.. hai un consiglio? devo sperare solo in un aggiornamento firmware? nel frattempo meglio ritornare a lion???

    • luca ha detto:

      avevo anch io i tuoi problemi, poi ho risolto facendo un reset della PRAM e un bel SAFE BOOT cancellando vecchi driver che mi facevano problemi…ora va che è una bellezza… prova e dimmi…

  12. Andrea ha detto:

    Ciao a tutti: un dubbio sull’opportunità di aggiornare a ML.. Avendo un iMac i5 2011 ed un MB late 2008 con Snow l’aggiornamento a ML quanto può rallentarmi (consumapiù risorse, ecc.) o rendermi instabile il sistema, se eventualmente lo fa?

    Avevo provato Lion, ma aveva diversi problemi di lentezza, per cui sono ritornato a Snow. Faccio questa domanda perché mi interessano nell’ordine stabilità e velocità (basso consumo di risorse dell’OS, o comunque simile a Snow) e mi devono funzionare la CS 5.5 (il punto critico è photoshop), Vectorworks 2011 e Office 2011 senza intoppi o rallentamenti.

    Grazie in anticipo

    Andrea

  13. danilo ha detto:

    ciao a tutti, ho scaricato OS X Mountain Lion e quando ho provato a inviare una email tramite il tasto condividi ho scoperto che l’icona delle email no è presente, mi offre solo la possibilità di inviare il file con Messaggi o AirDrop. Potete aiutarmi a inserite Outlook e Mail nel tasto condividi?

    grazie

    Danilo

    • Stefano Donadio ha detto:

      Se hai configurato correttamente un account di posta (magari prova ad eliminarlo e poi a riaggiungerlo), potrebbe dipendere dal tipo di documento o applicazione da cui stai tentando di condividere il file. Prova con un altro documento e/o applicazione.

      Per modificare il software di posta preferito, lancia Mail, vai in Preferenze/Generale/Lettore e-mail di default e dal relativo menu a tendina scegli l’applicazione che preferisci.

  14. iGigigi ha detto:

    Domanda che non trova risposta sul web:
    ML è più reattivo e scattante di Snow Leopard?
    Io ho un Macbook Pro 5,1 cpu 2,4 GHz e 4 Gb Ram ma siccome ritengo fondamentale che l’OS sia molto reattivo (come adesso lo è SL) ho un po’ paura ad aggiornare anche se sarebbe un peccato rinunciare ad alcune delle nuove comode funzione di ML.
    Grazie

    • Pondopapy ha detto:

      Stesso dubbio mio con iMac fine 2009

    • Nicola ha detto:

      Non so se può esservi d’aiuto, ma io sono passato direttamente da Snow Leopard a Mountain Lion e mi sembra che il nuovo sistema operativo sia un po’ più scattante sul mio iMac metà 2008 con 4GB di RAM.

    • Andrea ha detto:

      Ciao, io ho il tuo stesso imac (i5, 2.50GHz, 2011). Ho deciso d’installare ML per prova per ora su una piccola partizione del disco. Oggi ho fatto alcuni test (boot, apertura safari e di alcuni siti web, apertura lightroom e di un paio d’immagini in modulo sviluppo, apertura skype, apertura word excel e pp, apertura indesign ps e illustrator cs5.5, ed altri che ora non ricordo. Tutto con gli stessi programmi aperti al login ed impostazioni quanto più possibile simili.
      La mia opinione è questa (su 10.8.1 su partizione inizializzata):
      – i tempi vari sono stati simii a snow, a volte migliori, a volte peggiori, ma tutto nell’arco di max +-6″.
      – non noto un uso eccessivo di ram, anzi mi pare (ma devo approfondire) +- sui livelli di snow.
      – istatmenu mi da però un uso al 100% di vram anche a imac appena avviato e senza programmi aperti (gli sviluppatori di bjango dicono sia un problema noto di driver.. vedremo.. infatti istatmenu mi sta dando problemi anche con snow nell’ultima versione.. per cui non saprei..)
      – le temperature sono simili a snow con però 200/300 rpm in pù impostati rispetto a snow
      – l’aspetto peggiore per un utente pro è che bisogna smanettare un po’ di più per personalizzarlo ed inoltre (ma devo valutarlo bene ancora) sembra che questo OS abbia imboccato la strada di un sistema “più chiuso”, meno unix oriented e più consumer rispetto ai precedenti
      – il peggior difetto: la tendenza ad update annuali dell’OS, se confermata, sarà un guaio per gli sviluppatori terzi (e utilizzatori) di programmi di un certo livello..
      – concludo dicendo che per l’uso lavorativo che ne faccio prevalentemente, snow un po’ meno esoso di risorse e lo preferirei.. mi preoccupa però che apple ne abbia di fatto abbandonato il supporto, da ciò il test su ML. Notate che nel test tutti gli effetti e nuove caratteristiche (di tipo consumer) disattivabili li ho disattivati cercando di alleggerire più possibile l’OS. Nel complesso non è male, ma nemmeno niente di rivoluzionario (a parte qualche effetto speciale che non mi interessa.. perdonate il termine, non saprei come esprimermi).. potevano tranquillamente distribuirlo come update gratuito di Lion

      Spero dìesser stato utile.

  15. Fulvio ha detto:

    Stefano potresti far chiarezza,magari con un articolo apposito, sulle nuove funzioni Cloud? Mi spiego, Promemoria e Note ad esempio, si sincronizzano sì su Cloud ma solo se hai un account me.com. Per chi ha un account iCloud ma non (me.com/mac.com) cosa deve fare?
    Ed ancora, spostare documenti diversificati (.doc,xls,zip,jpg…..) su iCloud come fanno ad essere accessibili anche da altri computer, anche windows, in ufficio,da un Internet point visto che non c’è più la funzione iDisk?
    Riterrei utile un chiarimento per tutti, grazie.

  16. francesco ha detto:

    grazie luca!!!! sei un grande.. le ho provate un po’ tutte.. reset PRAM, reset SMC… Niente.. ieri ho letto la tua risposta ed oggi , al telefono con l’asistenza apple, ho fatto presente il tuo consiglio del safe boot… sembra magicamente tutto risolto!!!
    grazie mille davvero… spero di non farmi piu’ sentire per questo problema.. (video bluastro all’apertura di applicaziioni che usano la scheda integrata)

  17. giada ha detto:

    ho installato Mountain Lion in questi giorni…qualcuno saprebbe dirmi dove vengono salvate le conversazioni di Skype che nella versione Leopard venivano salvate in nome_utente/Library/Application Support/Skype?
    Attendo risposta!
    Grazie!

  18. Maurizio ha detto:

    Ho notato da qualche gg che quando cestino qualcosa mi appare un messaggio che lo eliminerebbe immediatamente e l’azione è irreversibile. Ho controllato nel Finder ed spuntata l’opzione in avanzate “avvisa prima di svuotare il cestino” ed ho provato anche di riavviare il mac ma niente, avete qualche suggerimento? Grazie

    • Stefano Donadio ha detto:

      Segui le istruzioni di quest’altro articolo (fammi sapere se risolvi).

      • Maurizio ha detto:

        Innanzitutto grazie per l’aiuto. Ho provato a seguire le istruzuioni ma ho scoperto che non esiste .trash ed ho anche cercato di ricrearlo da terminale sempre come da istruzioni successive ma la risposta è “.Trash: No such file or directory”.
        Tra l’altro oggi pomeriggio ho preso appuntamento al Genius Bar ed hanno provato a riparare i permessi con utility ma niente e dopo mi hanno consigliato di scaricare Onyx sempre per riparare i permessi ma il problema non si è risolto. Non hanno utilizzato il terminale perchè non sono autorizzati ad usarlo…

  19. AlfredoSan ha detto:

    Ma avere tutti questi account integrati non rende il tutto più pericoloso? Ovvero se aggiungo i miei account (gmail, flicker etc…) nel portachiavi saranno presenti diverse informazioni sensibili (tutte le password).

  20. Giovanni ha detto:

    Salve …Oggi ho aggiornato il mio Imac 27 pollici Intel Core i7 a Lion e Mountain quasi tutto mi pare che va bene ..l’ unica cosa che è subito evidente è l’aumento del rumore della ventola ..prima era silenzioso ..adesso dopo un po’ comincia a dare fastidio, il rumore è abbastanza forte.. qualche soluzione???
    Grazie

    • Pondopapy ha detto:

      intanto le solite… apri Utility Disco, nella colonna a sinistra clicca sul tuo hard disk e a destra clicca su “Ripara permessi disco”

      alla fine riavvia facendo RESET PRAM

      io lo faccio sempre prima e dopo gli aggiornamenti

  21. Giovanni ha detto:

    ok fatto ..grazie milioni di milioni ..dopo il riavvio e facendo reset PRAM la ventola è tornata silenziosa come prima …..grazie ancora

  22. Andrea ha detto:

    Ciao a tutti,

    A me sembra manchi una funzione molto comoda, la condivisione schermo tra due computer su network differenti. Da quando ichat é diventato imsg sembra si possa fare solo con mac nella propria rete.

    • Pondopapy ha detto:

      se usi Team Viewer puoi farlo anche tra Mac e pc

      • Andrea ha detto:

        Grazie per la risposta, pero un sistema operativo successivo dovrebbe implementare funzioni, non toglierle.

        • Pondopapy ha detto:

          Con Team Viewer puoi usare anche un iPad o un iPhone per prendere possesso dell schermo di un computer, Mac o pc non fa differenza, ovunque ti trovi, basta scaricare l’App.

          Anche da un oc puoi prendere possesso dello schermo di un Mac.

          Inoltre se aprì un account (gratuito), puoi abbinare tutti i tuoi computer in modo da poter interagire tra di loro a distanza; quando lanci l’applicazione puoi subito vedere quali dei tuoi computer sono in linea e cliccare su quello che ti interessa per condividere lo schermo.

          Impagabile, tanto piú che é aggratisss

    • Sara ha detto:

      Andrea devi aver qualche problema di configurazione del modem, perché io riesco a condividere lo schermo con il Mac di mio fratello in America. Entrambi usiamo Mountain Lion.

      • Andrea ha detto:

        Grazie sara, e cosa usi per la condivisione?

        • Sara ha detto:

          Uso Messaggi. Dalla finestra “Amici” seleziono il contatto e poi clicco sul pulsante “Avvio condivisione schermo” in basso a destra, come ho sempre fatto da Snow Leopard in avanti. Ovviamente, perchè la cosa funzioni bisogna aver abilitato la Condivisione schermo in Preferenze di Sistema > Condivisione 😉

  23. Piero ha detto:

    avevo comprato, un paio di anni fa, Photoshop CS5 e Microsoft Word e lavoravo benissimo.
    Quest’anno ho installato ML 10.8.2 e non mi funziona più niente.
    Posso risolvere il problema?
    oppure debbo farmi rimborsare dalla Apple?
    Grazie a tutti.

    • Alan ha detto:

      Al limite dovresti prendertela con Adobe e Microsoft che non hanno aggiornato i loro software al nuovo sistema operativo Apple. L’unica soluzione è tornare al Mac OS X precedente oppure acquistare i nuovi Photoshop e Office.

      Una cosa non la capisco: prima di aggiornare a Mountain Lion, non ti sei preoccupato di verificare se i software che, presumo, utilizzi per lavoro, erano compatibili?

  24. e.d. ha detto:

    ciao a tutti
    ho appena installato 10.8.2 però ho un contratto con una chiavetta internet Huawei E169G e scopro ora che è compatibile solo con mac 10.4 o 10.5, qualcuno ha consigli prima che io cambi la chiavetta?
    grazie

  25. andrea ha detto:

    salve a tutti, ho istallato ml OS X 10.8.2, da allora ho problemi di connessione, che prima non avevo, qualcuno potrebbe aiutarmi o indicarmi una chiavetta compatibile con il sistema operativo aggiornato.
    grazie in anticipo

  26. marcela ha detto:

    dove trovo colloca frecce di scorrimento con OSX 10.8.5

Aggiungi un commento