Lavorare contemporaneamente con due account su un solo Mac

18 dicembre 2012 ore 11:17 | di | 4 commenti

A casa, tutti i Mac sono collegati in Rete tramite Wi-Fi, e quando utilizzo il MacBook Pro, a volte capita che mi occorre un documento che si trova invece sull’iMac, che però è diventato il computer preferito degli altri miei familiari e quindi è sempre occupato.

Lion e Mountain Lion  AF2F3DE2-7E0D-4523-BBC6-8F9DB9A27581.png permettono la condivisione dello schermo (è una opzione da abilitare nel pannello Condivisione delle Preferenze di Sistema) in modo da poter visualizzare la scrivania dell’account in uso.

La stragrande maggioranza delle persone utilizza questa funzione per controllare l’account in esecuzione su un Mac remoto. Ad esempio, Laura è seduta davanti al suo Mac, utilizzando l’account Laura. Stefano chiede a Laura il permesso di condividere il suo schermo del Mac in modo che lui possa mostrare come applicare un filtro ad una foto con iPhoto. Una volta terminato, si chiude la condivisione dello schermo e Laura prende il controllo del suo Mac.

Ma è anche possibile accedere a un altro Mac e condividere e controllare un account diverso da quello attualmente attivo. La persona seduta al Mac continua nel suo lavoro anche mentre si utilizza lo stesso Mac, ma con il proprio account.

CondivisioneFunziona così: aprite una finestra del Finder del Mac, nella barra di sinistra sotto Condivisi selezionate il Mac remoto su cui si desidera lavorare. Nella finestra che appare, in alto a destra c’è un pulsante Condividi schermo”, cliccandolo appare un’altra finestra di dialogo con due opzioni. La prima, chiamata “Condividi monitor”, serve se si desidera condividere e controllare il Mac utilizzando l’account in uso. Quindi, utilizzando l’esempio precedente, è possibile controllare l’account di Laura, che è davanti al Mac. 

L’altra opzione, Login, è quello che ci si sceglie per lavorare contemporaneamente con due account su un solo Mac. Fate click  e apparirà la schermata di login del Mac. Selezionate l’account che si desidera utilizzare, immettete la password per l’account, quindi premete il tasto Invio per effettuare il login all’account selezionato. In breve tempo, apparirà la scrivania. È possibile fare click sul pulsante Schermo intero nell’angolo in alto a destra per riempire schermo del Mac.

È quindi possibile utilizzare un account quasi come se ci si trovasse davanti a quel computer. E per “quasi” intendo dire che si può verificare un certo ritardo, si fa click su qualcosa e c’è un leggero ritardo prima che il Mac risponda, per esempio, o il cursore si muova correttamente.

Se Laura è un utente attento, l’icona di condivisione dello schermo che appare nella barra dei menu del Mac gli darà qualche avvertimento che qualcun altro sta utilizzando il Mac in quel momento, ma non dovrebbe notare differenze di prestazioni. Una volta terminato di lavorare in remoto sul computer, fate click su un’icona della condivisione dello schermo e scegliete Disconnetti indirizzo IP, dove indirizzo IP è, ovviamente, l’indirizzo IP del Mac collegato. L’icona di condivisione dello schermo scomparirà anche dal Mac remoto.

Approfondimenti: , , ,

Argomento: Mac

Commenti (4)

RSS commenti

  1. Ruppolo ha detto:

    Questo articolo è poco chiaro e andrebbe riscritto in molti punti. La colpa è principalmente dell’uso (anche da parte di Apple) del verbo “condividere”, utilizzato sia per offrire la gestione/visualizzazione del proprio monitor agli altri sia per chiedere agli altri la gestione/visualizzazione del loro monitor.

  2. Stefano Donadio ha detto:

    Non riesco a capire cosa non è chiaro, anche perchè la funzione per “offrire la gestione/visualizzazione del proprio monitor agli altri” è disponibile solo da Messaggi/iChat, e non è stata neppure accennata nell’articolo.

  3. fascox ha detto:

    a me la seconda schermata con le opzioni per il login non esce, va direttamente in condivisione monitor.
    Forse è necessario osx server?

  4. fascox ha detto:

    provo a rispondermi da solo.
    In pratica non è possibile aprire due sessioni con lo stesso account, la prima sull’imac fisico e l’altra sullo screen virtuale. Gli utenti devono essere diversi, se è lo stesso si condivide semplicemente lo schermo.
    ciao.

Aggiungi un commento