Time Machine: la “regola del pollice” per scegliere la dimensione dell’hard disk e come risparmiare spazio libero

30 maggio 2016 ore 11:12 | di | 9 commenti

Time Machine Yosemite

Una volta presa la decisone di utilizzare Time Machine (Come configurare Time Machine), il sistema di backup di “mamma Apple” disponibile a partire da OS X 10.5 Leopard, si pone il problema di acquistare un disco di backup con una capacità d’archiviazione adeguata.

In questo caso, la “Rule of thumb” (Regola del pollice) è quella di scegliere un hard disk di Time Machine da 2 a 4 volte più grande rispetto allo spazio occupato dai file sul disco d’avvio. Quindi, se sul vostro Mac, 250GB sono occupati dai dati, il disco di Time Machine deve essere almeno di 500GB, ma l’ideale sarebbe da 1TB (non è necessario comprare un hard disk esterno che copra l’intera dimensione del disco d’avvio). Questa regola, dovrebbe garantire di avere uno storico del backup sufficiente ampio prima che Time Machine inizi ad eliminare i backup più vecchi una volta esaurito lo spazio sul disco di backup.

Naturalmente, come tutte le regole del pollice, anche questa è derivata dall’esperienza e va bene nella maggior parte dei casi, ma non in tutti perché molto dipende dall’uso che si fa del Mac. 

Risparmiare spazio libero sul disco di Time Machine

Se il vostro hard disk non rispetta la regola del pollice, prima di valutare l’acquisto di un nuovo hard disk esterno più capiente (leggere anche Spostare il backup di Time Machine), è possibile escludere da Time Machine alcuni tipi di file per risparmiare spazio sul disco di backup.

Dal menu Apple () selezionate Preferenze di Sistema, poi il pannello Time Machine, e cliccate sul pulsante Opzioni.

Time Machine opzioni

Click sul segno più (+) sul lato sinistro della finestra chiamata “Escludi questi elementi dai backup”. Da qui, selezionate e scegliete quali elementi si desidera lasciare fuori, quindi fate click su “Escludi” quando avete finito. Vedrete le cartelle o singoli file selezionati nella lista di esclusione con l’indicazione delle relative dimensioni. È possibile cambiare idea in qualsiasi momento selezionando il file e cliccando sul segno meno (-).

Time Machine escludi

Dal momento che secondo la Legge di Murphy non appena si esclude una cartella dal backup di Time Machine si avrà bisogno di questa, escludere dal backup di Time Machine la cartella Applicazioni dovrebbe comportare i rischi minori. Infatti, per i programmi acquistati sul Mac App Store è sempre possibile riscaricarli gratuitamente dalla sezione Acquistati, mentre per quelli distribuiti al di fuori del negozio di Cupertino, dovrebbe essere sempre possibile effettuare il download dal sito dello sviluppatore a patto di avere conservato il seriale.

Approfondimenti: , ,

Argomento: Mac

Commenti (9)

RSS commenti

  1. FabrizioC scrive:

    Ciao Stefano, non avevo escluso la cartella Applicazioni in precedenza, grazie per la dritta.

    Adesso che l’ho disabilitata lo spazio sul backup sarà liberato automaticamente subito, quando sarà obsoleto (in caso di mancanza di spazio, se sarà più vecchio di altri dati) o devo/posso liberarlo a mano?

  2. Luca scrive:

    Come al solito, Stefano, caschi a puntino!!!!
    quali altre cartelle consigli di non includere nel backup? in modo da avere, in caso di riprisino post-installazione, solo le cartelle necessare e non un’immagine completa del vecchio sistema.

    Grazie ancora.

    • Stefano Donadio scrive:

      L’unica cartella che permette di non correre troppi rischi e fa guadagnare notevole spazio è Applicazioni.

      • FabrizioC scrive:

        Secondo me dipende anche da come si usa il computer, il mio desktop ad esempio è un punto di transito in cui passa di tutto e poi rimane lì, come la cartella download… quindi sono entrambi nella mia blacklist di Time Machine.
        Un’altra cartella che ho nella blacklist è il raccoglitore delle macchine virtuali per due motivi in questo caso, il primo è per la loro natura ed il secondo è che in momenti significativi ne faccio un backup a parte con un semplice zip copiato altrove, risultato: centinaia di Gb che non finiscono nel backup.

      • Luca scrive:

        Grazie mille Stefano.

        ho escluso anche le cartelle di Google Drive e Dropbox.
        Ho sbagliato?

Aggiungi un commento