Auricolari BeatsX: unboxing e prime impressioni

11 febbraio 2017 ore 12:35 | di | 7 commenti

BeatsX confezione

Dopo una lunghissima attesa – dovevano essere disponibili subito dopo lo Special Event del 7 settembre insieme all’iPhone 7 e agli AirPods, i tanto attesi BeatsX si possono acquistare su Apple Store online o presso un negozio al dettaglio di Cupertino, e da 12 ore circa li sto provando con soddisfazione.

La confezione dei BeatsX è simile a quella di altri prodotti Beats, con gli auricolari in bella evidenza. All’interno c’è un cortissimo cavetto Lightning, una custodia in silicone per riporre gli auricolari, un set di quattro copriauricolari, due coppie di alette ergonomiche che dovrebbero garantire una maggiore stabilità all’interno dell’orecchio, ed evitare così che gli auricolari possano cadere.

Sorpresa: c’è anche un buono per Apple Music: tre mesi su 12 sono gratis per chi sottoscrive un abbonamento annuale.

BeatsX accessori

Abbinamento magico

L’abbinamento con l’iPhone 7 è magico proprio come quello degli AirPods, da cui ereditano il processore W1 realizzato da Apple. Senza neppure leggere le istruzioni, ho premuto il pulsante  di accensione che si trova lungo uno dei cavi, e subito sul telefono è apparsa la finestra di dialogo per l’abbinamento. È bastato toccare su “Connetti” e le BeatsX non solo si sono abbinate all’iPhone 7, ma via iCloud anche ai due Apple Watch e all’iPad collegati al mio ID Apple.

BeatsX abbinamento BeatsX abbinamento ok

Per le volte successive, quando si accendo i BeatsX, l’avvenuto abbinamento non viene segnalato con la comparsa di una finestra di dialogo sull’iPhone come invece avviene per gli AirPods, ma con un segnale acustico. Quindi, se non si indossano gli auricolari prima di premere il pulsante di accensione, l’unico sistema per sapere che sono abbinati al telefono è iniziare a riprodurre la musica.

I materiali utilizzati per i BeatsX sono di primissimo livello, a partire da cavo Flex-Form da far girare dietro al collo. Lungo il filo sinistro c’è un telecomando con microfono e con i pulsanti play, avanti, indietro per controllare la musica, richiamare Siri e rispondere alla telefonate. Premendo due volte play si passa al brano successivo, mentre con un triplo click si passa a quello precedente.

BeatsX Auricolari

Continuando lungo il filo di sinistra, c’è quello che può sembrare un altro telecomando, ma in realtà è la porta Lightning per ricaricare gli auricolari (a differenza di quanto riportato da altri siti, non è la prima volta che un prodotto Beats utilizza la connessione Lighting, il primo in ordine di tempo è stata la cassa BeatsPill+). Sul filo destro, esattamente nello stesso punto, c’è il gemello di questo “finto telecomando” con il pulsante di accensione.

Non cadono mai

BeatsX Custodia silicone

A differenza degli AirPods che si indossano appoggiandoli all’interno della cavità dell’orecchio, i BeatsX sono auricolari canalari “puri”, cioè che hanno il pregio di entrare nel canale auricolare dell’orecchio isolando i rumori esterni che potrebbero disturbare l’ascolto della musica. Però, l’incredibile isolamento acustico dei BeatsX può diventare anche il peggior difetto di questi auricolari per chi decide di praticare attività fisica all’aperto perché impedisce di accorgersi di un eventuale pericolo in arrivo. “Un uomo avvisato ne vale due”, dicono a Parigi.

Grazie ai copri auricolari disponibili praticamente per tutti i tipi di orecchie, ed anche alle alette di sicurezza, è praticamente impossibile che i BeatsX possano cadere dall’orecchio. Ho provato gli auricolari durante 45 minuti di corsa sul tapis louring e non ho avvertito alcun fastidio, sembra quasi di non indossarli. I BeatsX non sono caduti neppure durante il test più impegnativo dei sette minuti di ginnastica con l’app 7 Min Workout – Allenamento di 7 minuti, che prevede jumping jacks (salti a gambe divaricate) e step-up da fare con l’aiuto di una sedia, oltre ad altri esercizi che comprano inevitabilmente lo scuotimento dell testa.

1472751048 B282 3up right 940x940

I due auricolari sono magnetici, in questo modo quando non si indossano e si lasciando cadere sul petto, si uniscono evitando così di perderli e anche che i fili si possano aggrovigliare tra loro.

Suono stile Beats

Schermata 2017 02 11 alle 12 30 41

Ho provato i BeatsX con quasi tutti i generi di musica, tranne quella classica, e come tutti i prodotti Beats, anche questi enfatizzano maggiormente i bassi, anche se è il caso di sottolineare che le frequenze basse non vengono “sparate” come avviene per tante altre discusse cuffie Beats. Gli alti sono ben definiti, tuttavia mi aspettavo che gli auricolari suonassero ad un volume più alto. Sembra quasi che la preoccupazione maggiore di Beats, pardon Apple, sia stata di definire meglio il suono a tutte le frequenze piuttosto che assicurare un volume generale più alto.

Gli auricolari BeatsX suonano meglio o peggio rispetto agli AirPods? È praticamente impossibile rispondere a questa domanda perché dipende dai propri gusti. Sicuramente gli AirPods riproducano in maniera più equilibrata la musica rispetto ai BeatsX, ma come anticipato, è molto soggettivo.

Degli AirPods invidio l’intelligente sistema di mettere in pausa la musica quando si rimuove un auricolare. Con i BeatsX bisogna premere il pulsante Play/stop per interrompere la riproduzione di un brano.

BeatsX auricolare

Infine, mentre ascoltavo la musica ho ricevuto un paio di telefonate, e per rispondere è bastato premere il pulsante play. la qualità audio è ottima, il miei interlocutori sono rimasti sorpresi di sapere che stavo utilizzano un auricolare. 

Batteria

Dopo appena 12 ore non è possibile esprimere un giudizio sull’autonomia della batteria, che secondo Apple dovrebbe garantire ben 8 ore di autonomia, e con una ricarica rapida di soli 2 minuti si hanno fino a 2 ore di riproduzione interrotta. 

Considerazioni finali

Gli auricolari BeatsX hanno caratteristiche completamente differenti rispetto agli AirPods, anche se condividono il chip W1, e quindi non credo si possano considerare una alternativa a quest’ultimi. Più che altro potrebbero essere una alternativa economica alle costosissime cuffie Beats.

I BeatsX sono disponibili nelle tonalità nero, bianco, blu e grigio, e si possono acquistare su Apple Store online per € 149,95.

Nel corso della prossima settimana sarà pubblicata una recensione approfondita degli auricolari BeatsX, rimanete sintonizzati su Spider-Mac. 

Approfondimenti: , , , ,

Argomento: iOS

Commenti (7)

RSS commenti

  1. stefano ha detto:

    quindi posso provare apple music per tre mesi e poi fare abbonamento annuale pagando con altri tre mesi gratis?

  2. Power Geek ha detto:

    Pessima scelta quella di utilizzare la connessione Lightning.

    • Jena Plinsky ha detto:

      Francamente la trova una cosa assultamente irrilevante dal momento che in dotazione c’è il cavetto.

      • dataghoul ha detto:

        Io la trovo una buona idea, così per ricaricarli (li ho acquistati giusto questa mattina) posso usare lo stesso caricatore e lo stesso cavetto che utilizzo già per caricare iPhone e iPad. 😉

  3. Alessio ha detto:

    Questa recensione arriva proprio al momento giusto….sto valutando un acquisto del genere!

    Uso gli auricolari dati in dotazione al mio iphone6s plus, ed ero incerto per l’acquisto degli airpods.
    Come qualità sonora sono già soddisfatto, il problema è il filo, ovviamente.

    Comunque ho cercato di risolvere la caduta continua dall’orecchio comprando le spugnette piccole per auricolare.

    Quindi, la cosa che mi aiuterebbe molto è anche un paragone a tre, se possibile, con le specifiche tecniche. Auricolari in dotazione, vs airpods, vs beatsx.

    Nelle impressioni di ascolto, ho trovato molto utile la precisazione che il suono è enfatizzato leggermente sui bassi e che il volume sia non pompatissimo a vantaggio di una migliore risposta in frequenza. Ma vorrei saperne di più e, come dicevo, con l’ausilio dei dati tecnici, soprattutto per: risposta in frequenza, rapporto segnale/rumore, impedenza, gamma dinamica, carico massimo dei driver in mW.

    Se è possibile e ritenuto utile anche per altri, grazie.
    Alessio

  4. Ci sono anche i tasti per il volume?

Aggiungi un commento