Video VR e gaming: Hackintosh o Windows dedicato? No, Mac Pro 2009

20 aprile 2017 ore 17:09 | di | 4 commenti

Daniel Pasco

Daniel Pasco, CEO di Black Pixel, una azienda che si occupa di sviluppo software, utilizza per lavoro un iMac 5K ed era interessato alla produzione VR e al “gaming”. Alcuni amici gli avevano suggerito un PC-Windows con hardware dedicato o al massimo un Hackintosh, ma ha trovato una terza soluzione nettamente migliore.

Su eBay, Pasco ha acquistato un vecchio Mac Pro del 2009 per $1.300, e l’ha trasformato in una “eccellente workstation professionale”, e piattaforma per i giochi e per la realtà aumentata semplicemente aggiungendo un’unità SSD e una nuova scheda video.

Mac pro 2009

Le specifiche del Mac Pro di Pasco:

– Mac Pro (4,1) 2009, flashed a 5,1

– Intel Xeon 12 core a 3,3 GHz

– 32 GB di RAM

– SSD PCIe SATA 3 da 980 GB come disco d’avvio

– SSD 480GB

– Scheda grafica NVIDIA 1080 Ti

– Dual boot macOS 10 Sierra/Windows

Daniel Pasco avvia il Mac Pro da macOS Sierra quando deve lavorare, e fa il boot da Windows per utilizzare HTC Vive e giocare a Fallout 4 in modalità “Ultra” senza alcun intoppo.

“Questa macchina di otto anni è una bestia. È tutto quello che cercavo. Essa incarna lo zenith della progettazione hardware industriale. È letteralmente zeppa di porte, ha quattro alloggiamenti per unità interne e supporta due delle maggiori schede grafiche all’avanguardia disponibili sul mercato oggi” spiega Daniel Pasco.

Infine, Pasco fa un appello ad Apple che recentemente ha annunciato di essere al lavoro su una nuova versione di Mac Pro: di rimettere in produzione il Mac Pro del 2009 con alcuni “aggiornamenti”, come USB-C, una scheda madre più veloce, SATA e PCIe aggiornati e l’ultima versione di Bluetooth che supporti Continuty, che è poi è l’unica cosa di cui sente la mancanza.

Approfondimenti: , ,

Argomento: Mac

Commenti (4)

RSS commenti

  1. Ilfolle ha detto:

    Ecco un motivo per cui ritengo che la politica “no upgrade hardware” di Apple sia sbagliata.

  2. Diego ha detto:

    Praticamente è un “hackintosh” brandizzato Apple 😀
    io da proprietario di un Mac Pro del 2013 (macchina in sé fantastica) son comunque deluso della mancanza di schede nVIDIA e upgrade ufficiali di processori ed SSD. Oltretutto manca un modello bi-processore.
    In ogni caso come mostra barefeats è possibile far qualcosa prendendo un box TB2 (ahimè non TB3 dato che non ha questa porta).

Aggiungi un commento