Moof! Android O, e O sta per zero come gli utenti che l’utilizzeranno

18 maggio 2017 ore 07:47 | di | 0 commenti

Android O

Sundar Pichai, CEO di Google, in occasione della conferenza I/O che si è svolta presso lo Shoreline di Mountain View, in California, ha annunciato un nuovo record per il sistema operativo del robottino verde: 2 miliardi di dispositivi Android attivi in tutto il mondo, contro 1 miliardo di dispositivi iOS (il dato fornito da Apple risale al 2016).

Il numero uno di Mountain View ha anche annunciato la prima beta di Android O che dovrebbe essere disponibile quest’estate. Tuttavia, quello che non ha detto Pichai è che nonostante Google rilasci ogni anno uno nuovo sistema operativo mobile, ci sono sempre meno utenti che lo utilizzano.

Infatti, stando ai dati pubblicati da Big G relativi alla diffusione delle varie versioni di Android, a quasi un anno dal rilascio, Nugat ha il 7,1% della quota di mercato, quindi significa che dei due miliardi di dispositivi Android attivi, solo 142 milioni utilizzano l’ultima versione:

32% Lollipop (2014) = 640 milioni 

31,2% Marshmallow (2015) = 624 milioni

18,8% KitKat (2013) = 376 milioni

9,1% Jally Bean (2012) = 182 milioni

7,1% Nugat (2016) = 142 milioni

Per la cronaca, iOS 10 è installato sul 79% del miliardo di dispositivi iOS attivi, che equivale a 790 milioni.

Android O presentato oggi, sarà disponibile tra qualche mese sui Pixel e Nexus di Google, ma solo l’anno prossimo di questi tempi si troverà pre-installato su una manciata di altri modelli di smartphone, e considerata l’attuale tendenza di adozione, non è una battuta chiamare il nuovo sistema operativo Android 0 o meglio Android Zero, come la percentuale dei dispositivi che lo utilizzeranno. 

Moof! è una rubrica di Spider-Mac in cui trovate brevi pensieri, URL cui andare per documentarvi meglio, un software da scaricare, insomma tante piccole cose che hanno sempre a che fare con il mondo Apple, ma raccontate in un articolo “leggero” che può essere uno spunto di riflessione o di polemica, una provocazione.

Approfondimenti: ,

Argomento: Moof!

Aggiungi un commento