Apple File System: i pro e i contro del nuovo file system di macOS High Sierra

13 novembre 2017 ore 10:35 | di | 8 commenti

Formattato APFS

Su un computer si archiviano migliaia se non milioni di file, e il file system gestisce come vengono scritti, letti, copiati, cancellati, il tutto in background. Il file system crea e memorizza un catalogo di tutti i documenti sul Mac, in modo che il Finder e le applicazioni possono trovare i file quando ne hanno bisogno.

Con macOS High Sierra, Apple ha introdotto un nuovo file system denominato APFS (Apple File System) differente dal quello precedente HFS + utilizzato per quasi 30 anni.

Cambiamento necessario

Per stare al passo con l’evoluzione dei computer, Apple non poteva continuare ad utilizzare un file system così datato, dal momento che HFS + è stato progettato in un’epoca in cui gli hard disk erano di piccole dimensioni, e perfino per i floppy. Inoltre, 30 anni fa non esistevano gli SSD, e i processori moderni sono decisamente più potenti, quindi era necessario un nuovo file system in grado di tenere il passo con la velocità con cui adesso vengono eseguite le operazioni sui Mac.

Prima del rilascio di High Sierra, Apple ha implementato APFS su centinaia di milioni di iPhone e iPad con il rilascio di iOS 10. Naturalmente, il modo in cui si utilizzano i file su un dispositivo iOS è diverso, non si hanno le stesse opzioni per la creazione, lo spostamento o l’eliminazione di file rispetto ad un Mac.

APF per molti, ma non per tutti

Al momento di installare macOS High Sierra, automaticamente il disco d’avvio verrà trasformato in APFS  se si utilizza uno SSD o un disco rigido, ma non se si ha un Mac con il Fusion Drive, che di conseguenza continuerà ad adoperare il vecchio HFS +. A riguardo Apple ha già fatto sapere che il supporto APS per il Fusion Drive sarà introdotto con un prossimo aggiornamento di High Sierra.

È possibile aggiornare qualsiasi SSD esterno o disco rigido in APFS utilizzando Utility Disco, ma in realtà non c’è nessuna vera ragione per farlo. Prima di tutto perché i vantaggi che porta in dote il nuovo file system si vedono per lo più sugli SSD, ma la vera ragione è un’altra: solo i Mac su cui gira High Sierra sono in grado di riconoscere il nuovo formato, quindi solo se tutti i vostri computer Apple sono stati aggiornati a macOS 10.13, e non si prevede di utilizzare tali unità su altri computer, allora vale la pena passare a APFS.

Utility Disco APFS

Quali tipi di dischi può leggere APF

Un Mac con installato High Sierra è in grado di leggere i dischi formattati con il vecchio file system HFS +, i file system utilizzati per Windows e Linux oltre ovviamente le unità nel formato APFS. La possibilità di leggere i dischi formattati con altri file system verrà mantenuta ancora per molto tempo, infatti Apple è consapevole che la transizione è appena iniziata e quindi in tanti continueranno ad adoperare unità formattate con il vecchio file system o di altri sistemi operativi.

Più sicurezza

La sicurezza è uno degli elementi chiave di APF, infatti la crittografia avviene a livello di file system, e non a livello del disco come era in precedenza, e sebbene questo può sembrare un punto controverso, significa che la crittografia è più “robusta”. Per garantire che i file siano protetti, bisogna sempre attivare File Vault.

APFS può anche fare snapshots o “istantanee” del disco d’avvio, registrando così lo stato di tutti i file in un dato momento. Le istantanee sono molto efficienti, dal momento che iniziano con una lista di base di file, e viene effettuato uno snapshots successivo solo nel caso venga aggiunto un nuovo file oppure se viene modificato uno esistente, cosa che ricorda molto il funzionamento di Time Machine quando esegue il backup dei documenti.

APF ha anche caratteristiche che migliorano l’integrità dei dati, impedendole la corruzione causata da errori hardware o crash.

APF ad gli altri dischi

High Sierra converte i dati archiviati su unità che utilizzano altri file system, quindi è possibile eseguire il backup dei file con Time Machine e altri software di backup su dischi che non utilizzano APF, del resto Time Machine continua a funzionare solo con dischi formattati in HFS +. E naturalmente non c’è alcun problema quando è necessario ripristinare un backup.

In sintesi il file system è solo un modo di organizzare i documenti, non pregiudica i dati contenuti nei file, ma piuttosto il modo in cui sono scritti e memorizzati. 

È inoltre possibile condividere dischi formattati APF su una rete; ancora una volta, è il sistema operativo che legge i dati e li converte in file che altri computer o sistemi operativi sono in ​​grado di leggere.

Utility Disk & C.

Se si desidera gestire unità formattate APFS, è necessario aggiornare ad High Sierra perché solo l’ultima versione di Utility Disco è in grado di farlo. Lo stesso discorso vale per utility simili di terze parti.

Per quanto riguarda i programmi di backup di sviluppatori terzi, dal momento che è possibile continuare ad utilizzare il vecchio file system, non è necessario alcun upgrade specifico, se non quello generale di compatibilità con macOS 10.13 High Serra.

Utility Disco002

Approfondimenti: , ,

Argomento: Mac

Commenti (8)

RSS commenti

  1. bear72 ha detto:

    Scusa una domanda non ho capito se mi conviene convertire il mio disco esterno che uso per il BackUp con Time Machine, da quello che ho capito non funzionerebbe più?!? un vero peccato perché sfruttando gli snapshots i backup incrementali sarebbero decisamente più contenuti (se effettivamente APFS lavora come lo ZFS).

    Grazie
    F.

  2. iAlex ha detto:

    tutto questo va a sostituire trim e simili?

  3. Marco ha detto:

    Ciao, l’attivazione di FileVault su APFS può comportare qualche problema?

Aggiungi un commento