Apple citata in giudizio per gli iPhone più lenti se la batteria è vecchia

22 dicembre 2017 ore 10:11 | di | 9 commenti

Batteria iPhone AppleA meno di 24 ore dalla conferma da parte di Apple che gli iPhone meno recenti vengono “rallentati” per evitare arresti improvvisi a causa di batterie degradate, è partita la prima class-action promossa da cinque persone negli Stati Uniti.

Secondo il quotidiano Chicago Sun-Times, nella giornata di ieri, giovedì 21 dicembre, cinque utenti iPhone provenienti da diverse parti degli Stati Uniti, hanno intentato una causa federale presso il competente Tribunale di Chicago, chiedendo un importo non specificato di denaro come risarcimento danni perché il gigante tecnologico di Cupertino ha volutamente rallentato i loro vecchi iPhone.

I querelanti, due dell’Illinois, e altri tre dell’Indiana, North Carolina e Ohio, rispettivamente, sostengono che le pratiche di Apple sono “ingannevoli, immorali e non etiche” e violano le Leggi di tutela dei consumatori. Il quintetto è rappresentato dall’avvocato James Vlahakis, secondo il quale Apple non offre tutta la trasparenza necessaria ai suoi clienti.

Le aziende devono rendersi conto che le persone sono sofisticati e che quando investono i loro sudati dollari su un prodotto si aspettano che debba funzionare come previsto”, ha detto l’avvocato James Vlahakis, aggiungendo “Invece, Apple sembra aver oscurato e nascosto il motivo per cui i telefoni più vecchi rallentano.”

Gli Phone 5, iPhone 6 e 7 sono oggetto della controversia contro Apple, che spinge “inutilmente i consumatori all’acquisto di iPhone più recenti e più costosi quando una batteria sostitutiva avrebbe potuto consentire agli utenti di continuare a utilizzare i loro vecchi iPhone.”, si legge nella citazione depositata in Tribunale

Secondo i complottisti, grazie proprio al rallentamento degli iPhone meno recenti, Apple è riuscita a dare una spinta notevole alle vendite dei nuovi iPhone 8 e iPhone X.

Da parte sua Apple ha spiegato, seppur tardivamente, che il rallentamento della velocità di clock del processore sugli iPhone con una batteria degradata è una funzionalità pensata per preservare l’integrità dei componenti hardware del telefono, ed evitare che picchi ri richieste energetiche del chip possano provare lo spegnimento dell’iPhone.

Approfondimenti: ,

Argomento: iOS, Notizie Apple

Commenti (9)

RSS commenti

  1. Gabby ha detto:

    Nessun commento da parte dei fans della mela??

    • Stefano Donadio ha detto:

      Fare una causa non significa necessariamente avere ragione…

      • Gabby ha detto:

        Condividi il comportamento di Apple??

        • Stefano Donadio ha detto:

          La funzione che limita la velocità di clock del processore degli iPhone serve per evitare lo spegnimento improvviso del telefono. Le attuali batterie hanno dei limiti, che naturalmente valgono per tutti gli smartphone, e con tutta probabilità Samsung & C. adottano lo stesso accorgimento.

          Del resto, ho qualche amico che usa i Galaxy, e nonostante l’assenza di aggiornamenti Android, il telefono dopo qualche anno è diventato molto più lento.

  2. Franco ha detto:

    Ma facciamola finita! Persino gli elettrodomestici a casa se cali la tensione funzionano meno…

  3. Massimiliano ha detto:

    Faccio causa ala Opel perché ma mia Zafira del 2005 con 350.000 km consuma olio e sono costretto all’acquisto di un’altra macchina. La Opel doveva informarmi che bastava sostituire il motore

  4. Experience ha detto:

    Io non ho ben capito una cosa. Chi ha aggiornato a iOS11 si lamenta che consuma più batteria del solito (rispetto 10.10.3) e non ch’è più lento, quindi cosa vuol dire che non hanno utilizzato contromisure ed abbassato il clock? Qualcosa mi sfugge.

  5. Marino ha detto:

    La batteria del mio iPhone va giù come il formaggio. Ho controllato con impostazioni /batteria e ho visto che la seconda voce (29%) è “Siri, segnale debole”. Peccato che abbia disattivato il mio Siri da qualche mese!

Aggiungi un commento