Apple mette a tacere i complottisti: sostituire la batteria dell’iPhone ora costa €29

29 dicembre 2017 ore 08:34 | di | 29 commenti

Batteria iPhone AppleNelle settimane scorse, è stata scoperta una nuova funzione introdotta a partire da iOS 10.2.1 che, su iPhone 6 e iPhone 7, limita la velocità del processore per impedire lo spegnimento improvviso del telefono causato da un picco di richiesta energetica del chip, a cui non può far fronte una batteria vecchia, e così per evitare di compromettere l’hardware, il telefono si spegneva.

Apple ha fatto un mezzo passo falso non informando subito gli utenti di questa nuova funzionalità scoperta da alcuni intraprendenti proprietari di iPhone, e che secondo i “complottisti” è una precisa strategia di Cupertino per spingere i clienti ad acquistare un telefono nuovo, in più, come spesso accade in questi casi, in America, ma anche in altri Paesi, sono iniziate le “class-action”, una serie di cause collettive in Tribunale.

La soluzione al problema non è cambiare iPhone, ma cambiare batteria, che fuori garanzia costa €89.

Apple per placare le polemiche e per mettere a tacere i complottisti, ha deciso di offrire la sostituzione della batteria sugli iPhone 6 e successivi al prezzo speciale di €29, in più ha promesso una serie di novità software. Di seguito trovate il comunicato ufficiale di Cupertino tradotto in italiano.

Un messaggio per i nostri clienti su batterie iPhone e prestazioni

Abbiamo ricevuto feedback da parte dei nostri clienti per come abbiamo comunicato il modo in cui vengono gestite le prestazioni sugli iPhone con una batteria più vecchia. Sappiamo che alcuni di voi si sentono delusi da Apple. Ci scusiamo. Ci sono stati molti fraintendimenti su questa problema quindi vorremmo chiarire e farvi conoscere alcune modifiche che stiamo apportando.

In primo luogo, non abbiamo mai – e mai lo faremo – fatto nulla per ridurre intenzionalmente la vita di qualsiasi prodotto Apple, o peggiorare l’esperienza degli utenti per forzare i clienti ad aggiornare [ad un iPhone nuovo – n.d.r.]. Il nostro obiettivo è sempre stato quello di creare prodotti che i nostri clienti amano, e far durare gli iPhone quanto più possibile è sicuramente una parte importante per il raggiungimento di questo scopo.

Come le batterie invecchiano

Tutte le batterie ricaricabili sono elementi di consumo che diventano meno efficaci quando invecchiamo chimicamente e la loro capacità di mantenere la carica diminuisce. Tempo e il numero di volte che una batteria è caricata non sono gli unici fattori in questo processo di invecchiamento chimico.

L’uso del dispositivo influenza anche le prestazioni di una batteria per quanto riguarda la durata. Per esempio, lasciando o ricaricando una batteria in un ambiente caldo può causare invecchiamento rapido della batteria. Queste sono caratteristiche comuni a qualsiasi batteria agli ioni di litio del settore.

Una batteria chimicamente invecchiata diventa anche meno capace di erogare picchi di energia, specialmente se il livello di carica è basso, che può comportare lo spegnimento improvviso in determinate situazioni.

Per aiutare i clienti a conoscere meglio la batteria ricaricabile di iPhone e i fattori che influenzano le sue prestazioni, abbiamo pubblicato un nuovo articolo di supporto, Batteria e prestazioni di iPhone.

Va da sé che noi pensiamo che gli spegnimenti improvvisi siano inaccettabili. Non vogliamo che nessuno dei nostri utenti perda una chiamata, perda la possibilità di scattare una foto o qualsiasi altra cosa dell’iPhone possa essere interrotta, se noi possiamo evitarlo.

Prevenire spegnimenti improvvisi

Circa un anno fa, con iOS 10.2.1, abbiamo introdotto un aggiornamento software che migliora la gestione di energia durante i picchi di lavoro al fine di evitare arresti inattesi su iPhone 6, iPhone 6 Plus, iPhone 6s, iPhone 6S Plus e iPhone SE. Con l’aggiornamento, iOS riesce dinamicamente a gestire le prestazioni di alcuni componenti di sistema quando è necessario prevenire uno spegnimento improvviso. Anche se questi cambiamenti possono passare inosservati, in alcuni casi, gli utenti potrebbero notare tempi di lancio più lunghi per le applicazioni e altre riduzioni di prestazioni.

La risposta degli utenti ad iOS 10.2.1 è stata positiva, in quanto risolveva con successo il verificarsi degli spegnimenti inattesi. Recentemente abbiamo esteso la stessa funzione agli iPhone 7 e 7 Plus con iOS 11.2.

Naturalmente, quando una batteria chimicamente invecchiata viene sostituita con una batteria nuova, le prestazioni dell’iPhone torna normale quando si opera in condizioni standard.

Recenti feedback degli utenti

Durante le ultime settimane abbiamo iniziato a ricevere feedback dai nostri utenti che si sono visti ridurre le prestazioni degli iPhone in determinate situazioni. Sulla base delle nostre esperienze, inizialmente pensavamo che questa situazione si verificasse per due fattori: una normale, impatto sulle prestazioni temporanee in caso di aggiornamento del sistema operativo, come iPhone installa nuovi software e aggiornamenti di applicazioni, e piccoli bug nella versione iniziale, che sono stati già risolti. 

Adesso crediamo che un altro contributo a questi rallentamenti provenga proprio dall’invecchiamento chimico della batteria, soprattutto iPhone 6 e 6s che vengono utilizzati ancora con la loro batteria originale.

Cosa faremo per gli utenti

Abbiamo sempre voluto che i nostri utenti fossero in grado di utilizzare i propri iPhone quanto più a lungo possibile. Siamo orgogliosi di poter dire che i prodotti Apple sono famosi per la loro longevità e per il fatto che riescono a mantenere un buon valore anche nel tempo, a differenza dei dispositivi concorrenti.

Per rispondere alle preoccupazioni dei nostri clienti, in riconoscimento della loro lealtà e per riguadagnare la fiducia di chiunque abbia dubitato delle intenzioni di Apple, abbiamo deciso di adottare le seguenti misure:

– Apple ridurrà il prezzo di della sostituzione della batteria di un iPhone fuori garanzia di $50 – da $79 a $29 – per chiunque abbia un iPhone 6 o versioni successive la cui batteria deve essere sostituita, a partire da fine gennaio e disponibile a livello mondiale fino a dicembre 2018. I dettagli saranno forniti presto su apple.com.

– All’inizio del 2018 pubblicheremo un nuovo aggiornamento software iOS con nuove funzionalità che consentiranno agli utenti di visualizzare e comprendere meglio lo stato di salute della batteria dei propri iPhone, in modo che possano verificare di persona se lo stato d’usura sta interessando le prestazioni. 

– Come sempre, il nostro team sta lavorando su come rendere l’esperienza dell’utente ancora migliore, perfezionando anche il modo in cui gestiamo le prestazioni ed evitare arresti inattesi come batterie vecchie.

Alla Apple, la fiducia dei nostri clienti significa tutto per noi. Non smetteremo mai di lavorare per guadagnarla e mantenerla. Se riusciamo a fare il lavoro che amiamo è soltanto grazie al vostro supporto, e non lo dimentichiamo mai e mai faremmo qualcosa per darlo per scontato.

Approfondimenti: , , ,

Argomento: iOS

Commenti (29)

RSS commenti

  1. Andrea ha detto:

    Chi ha un iPhone 5?

  2. luciano46 ha detto:

    Bella lettera quella della Apple, mi fa sentire sempre orgoglioso di usare prodotti di questa casa.

  3. Mirko ha detto:

    maaaa e per chi l’ha appena cambiata a 89 Euro? Resta una presa in giro?

    meglio 89 che cambiare il telefono ma è stata decisamente gestita male da Apple, questa ammissione è solo una pezza e dimostra, o malafede o stupidità e la seconda da teste di quel genere è poco credibile, di conseguenza la prima non è accettabile, per i principi che sbandierano da sempre che rivelano invece una azienda come le altre pronta a spremere in ogni modo chi le da fiducia.
    Che tristezza

    • Stefano Donadio ha detto:

      Errare è umano, e Apple è fatta di uomini. In più è una azienda che commette un errore 1 volta ogni 10 anni, e quando lo fa offre soluzioni più che accettabili con in questo caso.

    • Dario ha detto:

      Concordo pienamente con quello che hai scritto… tutta la faccenda sembra chiaramente riconducibile ad un’azienda che ha tentato di fare la furba, ma una volta beccata con le mani nella marmellata è corsa ai ripari per salvare la faccia.. Bene così, la sostituzione della batteria negli Iphone 6 e successivi a 29 $ è un prezzo onesto, cosi come l’ottimizzazione del software che deve impedire richieste eccessive di risorse sui processori dei devices più datati (con conseguente richiesta di picchi energetici alle batterie).
      A mio personale parere, sarebbe meglio ottimizzare gli aggiornamenti del sistema operativo fornendo ai telefoni più recenti tutte le nuove features, che chiaramente richiedono un maggiore impiego di risorse hardware, e fornire ai dispositivi più datati solo ed esclusivamente le funzioni che sono in grado di gestire senza calo eccessivo delle prestazioni o stress del processore e della batteria; piuttosto fornire semplicemente aggiornamenti di sicurezza e bug fix, sempre meglio che ritrovarsi con un upgrade del sistema operativo che pianta il telefono.

      • Gianluca ha detto:

        Io avevo un Galaxy S5, che dopo due anni e mezzo si spegneva improvvisamente. Samsung non mi avvisato che era colpa della batteria e non ha neppure introdotto con un aggiornamento una soluzione al problema, e così ho comparto il Galaxy S7, ma francamente mi sono già pentito.

      • Francesco ha detto:

        Io non capisco dove ci sia la furbizia. È stato esplicitato sin dall’inizio che questo espediente è finalizzato a rendere l’esperienza d’uso migliore ed evitare spegnimenti improvvisi che sono dannatamente fastidiosi. Ho ancora il mio vecchio 5S con una batteria usurata che a stento regge una mattinata fuori casa, senza questo espediente non so come sarebbe andata a finire, probabilmente avrei cambiato il telefono molto prima (perché non ho cambiato il telefono solo perché lento, i telefoni con il tempo si usurano, non sarebbe di certo stato conveniente per me riparare un 5S..).

        Questo modo di agire a me fa pensare piuttosto ad un’azienda che ha capito con chi ha che fare, dei complottisti come sono stati definiti nell’articolo, e sappiamo tutti i complottisti come si comportano, non sempre sono aperti alla ragione. E mi rendo conto che sia anche un’informazione difficile da divulgare per un’azienda.. ora non so che faranno, se introdurranno la possibilità di monitorare lo stato della batteria o se introdurranno delle sorte di avvisi che comunicano quando la batteria comincia ad essere usurata e necessita di essere sostituita. Non a caso hanno risolto il problema, a differenza della concorrenza che ha lasciato il mondo come sta.

        • Dario ha detto:

          Ripeto il concetto per me più importante: a mio personale parere, sarebbe meglio ottimizzare gli aggiornamenti del sistema operativo fornendo ai telefoni più recenti tutte le nuove features, che chiaramente richiedono un maggiore impiego di risorse hardware, e fornire ai dispositivi più datati solo ed esclusivamente le funzioni che sono in grado di gestire senza calo eccessivo delle prestazioni o stress del processore e della batteria; piuttosto fornire semplicemente aggiornamenti di sicurezza e bug fix: sempre meglio che ritrovarsi con un upgrade del sistema operativo che ti pianta il telefono.
          Che poi è già quello che avviene su MacOS: se vuoi scaricare l’upgrade dall’App Store (es. da Sierra ad High Sierra) lo scarichi ed installi a tuo rischio e pericolo (al massimo torni indietro al sistema operativo precedente), ma se non fai l’upgrade il tuo computer continua comunque a ricevere almeno gli aggiornamenti di sicurezza, ed alcune funzioni aggiuntive (es. Safari ed Itunes).
          Su Iphone questo non è possibile, perché gli aggiornamenti sono uguali per tutti, quindi non sarebbe possibile mantenere 10.3.3 e ricevere ugualmente aggiornamenti di sicurezza e bug fix: per averli devi per forza aggiornare ad IOS 11, ma chiaramente il sistema è più esigente in fatto di risorse e quindi la batteria dura meno (anche una batteria che ha solo di un anno di vita) ed il processore fatica di più rispetto all’ultimo modello uscito (per cui occorre rallentare il telefono).
          Ecco perché bisognerebbe che personalizzassero gli aggiornamenti per i vari modelli di Iphone in commercio.
          Questo significa ottimizzazione VERA degli aggiornamenti

        • Claudio ha detto:

          Esperienza migliore?
          Siccome la mia Ferrari tra dieci anni sarà usurata e non andrà come nuova, se oggi ho il serbatoio in riserva l’auto va il 20% in meno…
          Se per te questo significa avere una esperienza migliore…
          Pago una macchina anche in base alle sue prestazioni, poi sarà compito mio avere un caricabatteria sempre in tasca ma non voglio certo una strozzatura delle prestazioni se sono in riserva.
          Io penso che hanno semplicemente cercato di ovviare al noto consumo esoso della batteria degli iPhone con questa soluzione, non riuscendo/potendo ottimizzare il software e non volendo usare batterie più capienti perchè avrebbe significato un peso e dimensioni maggiori.
          Farlo di nascosto invece di inserire un “risparmio energetico” a scelta dell’utente è stato un pò dubbio.

          • Matteo ha detto:

            Il paragone con un auto a benzina non regge. Il carburante non si degrada a differenza di una batteria, e quindi le prestazioni sono sempre al massimo. E che ci azzecca il consumo della batteria… gli iPhone si spegnevano improvvisamente con il 40% di carica perchè la batteria non riusciva ad erogare la potenza necessaria richiesta dal processore.

            E poi secondo te sarebbe una esperienza migliore andare in giro con una powerbank in tasca?

            Maaaaahh.

    • Giancarlo ha detto:

      e chi compra un iphone con 300€ in meno al day one, quello che l’ha pagato di più che fa?

  4. francesco ha detto:

    io ho cambiato la batteria del mio 6 a dicembre… bella li…

  5. Experience ha detto:

    La sola cosa che non mi e’ chiara se prevedono la sostituzione di tutte le batterie da iPhone 6 in poi, o solo quelle che rientravano prima nella sostituzione, dando un codice e controllando se quest’ultimo e’ presente nel loro range.

    • Fabio ha detto:

      Non credo ci saranno codici, conta l’usura della batteria. In ogni caso sta scritto che daranno i dettagli sul sito a breve.

  6. Massimo ha detto:

    Io ci vedo un po’ di approssimazione e/o malafede leggendo attentamente il comunicato ufficiale: “per chiunque abbia un iPhone 6 o versioni successive la cui batteria deve essere sostituita”. Chi decide se il mio iPhone 6 (le cui prestazioni e durata batteria sono talmente degradate che ho acquistato il X – ora arrivo a sera con minimo 50% mentre con il 6 al 10-20%)? La Apple? Dopo il casino combinato sono poco credibili e se facessero un programma che lo stabilisce, indovino già cosa direbbe… Insomma hanno avuto coraggio ad ammettere l’imbroglio di iOS 11, ma se fossero stati più lungimiranti – e corretti – non avrebbero creato i presupposti per le class action e tutto quello che si è generato. Vedremo, però questa volta a mio giudizio da possessore di cose Apple dal 1990, hanno toppato alla grande e comunque hanno preso tempo e se usassi ancora il 6 dopo quanto saputo, sarei incazzato non poco per i quasi 800€ buttati tre anni fa!

  7. Steva ha detto:

    si ma io che l’ho già sostituita la batteria del mio iPhone 6?

    • Stefano Donadio ha detto:

      È probabile che Apple estenda retroattivamente lo sconto per chi a effettuato già la sostituzione rimborsando la differenza. Ne sapremo di più a breve.

      • Steva ha detto:

        Non l’ho cambiata da Apple Store per spendere meno ma a saperlo aspettavo o come dici tu in ottica di un rimborso lo avrei fatto li. Così mi sa che l’ho presa in quel posto come tanti altri come me

  8. Massimo ha detto:

    Dunque, al netto del fatto che a me Apple ha cambiato gratuitamente la batteria su due iPhone 6 qualche mese fa (entrambi largamente fuori garanzia) probabilmente perché ho avuto il *culo* di sfruttare il momento di imbarazzo di Apple all’inizio dei problemi proprio sui 6/6s, trovo però che a questi tre punti ne manchi un quarto molto importante: permettere SEMPRE si poter tornare a QUALUNQUE versione di iOS (ovviamente da quella con cui è stato rilasciato il dispositivo in poi) garantendo degli update di sicurezza, almeno per qualche anno. Questo è quello che accade su qualunque Mac o Pc. L’iPhone 6 regge veramente male ios11. Per fortuna uno dei due sono riuscito a downgradarlo al 10. E le batterie sono state cambiate a settembre/ottobre, quindi il calo di performance non c’entra nulla con questo problema. Per contro ora vi sto scrivendo da un ignobile iPad 3 (il primo retina) che oggi, arrivato a iOS 9 è lento come un tablet Android da 50€, e quando l’ho comprato era, non un fulmine, ma un tablet più che dignitoso. Ora qui non è un problema di batteria, ma quali picchi, qui passano anche 20/30 sec tra il tap su un icona e l’apertura di una app, e non vi dico che pena digitare questo messaggio. Ecco se potessi riportarlo all’8 forse potrei usarlo ancora. Adesso ho imparato e so che i dispositivi iOS reggono Max una versione in più di iOS rispetto a quella di rilascio, ma meglio sarebbe lasciarli con l’ios originale,

  9. mimmocicero ha detto:

    e per chi ha un iphone 6 plus come me?

  10. MarianoF ha detto:

    Quindi, ho un Iphone 6 che va abbastanza bene…tuttavia ha ormai sul groppone 3 anni pieni di vita. Sostituire la batteria male non fa…29€ anche in Italia presso un apple Store o centro convenzionato Apple?

    • Stefano Donadio ha detto:

      Al 99%, si a tutte le domande. In ogni caso. Come anticipato da Apple, a breve saranno forniti i dettagli su come usufruire di questa promozione, e naturalmente sarà pubblicato un articolo ad hoc su SPIDER-MAC.

  11. Michele ha detto:

    Scandaloso e ripeto scandaloso non estendere la promoZione al 5s che non può essere considerato vintage perché ancora aggiornabile al nuovo os. Ma qui si esalta sempre la Apple….

    • Lostcat ha detto:

      Non è una promozione.
      È una sostituzione mirata ai modelli di iPhone che presentano un rallentamento di prestazioni (stabilito da Apple) dopo una significativa usura della batteria.
      Il 5s non è tra questi.

Aggiungi un commento