Moof! Il lato oscuro si riavvia, continuamente

12 gennaio 2018 ore 09:05 | di | 37 commenti

Clarus Apple CampusIl caos è scoppiato nel lato oscuro dell’informatica.

Intel ha rilasciato una patch per chiudere le falle Meltdown e Spectre e i PC con processore Broadwell e Haswell si riavviano da soli senza sosta. Lo stesso accade per i PC con processori AMD, che ha dovuto addirittura ritirare l’update.

Microsoft ha fatto meglio. Dopo l’aggiornamento di Windows 10 “cumulativo” alcuni computer non si riaccendono proprio.

Infine, molti utenti che hanno installato Ubuntu sul proprio PC lamentano problemi simili.

Per contro, Apple ha fatto le cose come al suo solito. L’update per chiudere le falle Meltdown e Spectre sono arrivate con qualche giorno di ritardo rispetto a Windows & C. ma dopo aver atteso un quarto d’ora per il download, e un’altra manciata di minuti per l’installazione, il mio Mac si è riavviato normalmente ed ho potuto continuare ad utilizzarlo esattamente come prima.

Moof! è una rubrica di Spider-Mac in cui trovate brevi pensieri, URL cui andare per documentarvi meglio, un software da scaricare, insomma tante piccole cose che hanno sempre a che fare con il mondo Apple, ma raccontate in un articolo “leggero” che può essere uno spunto di riflessione o di polemica, una provocazione.

Approfondimenti: , , , , , , ,

Argomento: Moof!

Commenti (37)

RSS commenti

  1. Paolo ha detto:

    Probabilmente questo commento non verrà pubblicato ma, da utente e soprattutto sviluppatore OSX e iOS da un decennio, posso dire senza dubbio che sono questi i post che mi fanno passare la voglia di leggere il tuo blog. Non c’è bisogno di essere fanboy a tutti i costi secondo me.
    Il motivo è piuttosto evidente, poche piattaforme da testare contro miliardi di combinazioni possibili, è ovvio possano succedere queste cose, ma che paragone è scusa?

    Il mio è solo un consiglio, magari anche sbagliato ci mancherebbe 🙂

    Ciao e buon lavoro,
    Paolo

    • DariOSX ha detto:

      Pienamente d’accordo con te, che dimostri di essere una persona intelligente e che parla con consapevolezza. E nonostante i modelli di Iphone / Mac da testare siano pochi, ci sono stati e ci sono ancora diversi problemi software sia su Iphone che su Mac: sarei curioso di vedere Apple alle prese con la gestione di un numero di dispositivi e configurazioni pari a quelli Windows o Android che vengono chiamati “lato oscuro”… Ne vedremmo davvero delle belle, se già così siamo lontani dalla perfezione.

      • TheArrow ha detto:

        La filosofia di Steve Jobs e della Apple è sempre stata quella di combinare il proprio software con il proprio hardware proprio per evitare problemi di prestazioni e sicurezza come questo (e molti altri). La Microsoft ha sempre puntato a “darla a chiunque” (per dirla in maniera volgare) e perciò va ed andrà sempre in contro a problemi di “salute” più o meno gravi.
        È inevitabile, vista la scelta, ma non è assolutamente ne accettabile ne perdonabile.
        Perciò la tua curiosità di vedere la Apple alle prese con migliaia di dispositivi diversi non verrà mai soddisfatta.

    • Massimiliano ha detto:

      “Improvvisamente”, nel mondo dell’informatica non si possono più fare paragoni tra Windows e Mac, secondo te. Questa è bella.

      Continua così Uomoragno, questi articoli rendono unico e sopra la media questo blog.

    • Nicola ha detto:

      Scusate, ma non capisco. Nel “lato oscuro” sta accadendo quanto descritto nell’articolo, si o no? Si? E quindi chi ha un PC che si riavvia o peggio non si riaccede proprio si dovrebbe rallegare perchè ci sono “miliardi di combinazioni” di PC e quindi è stato solo sfortunato?

      Passate al Mac, questi problemi non ci sono.

    • Alessandro ha detto:

      Ebbè caro Paolo, non posso fare a meno di darti ragione. L’uomoragno si è permesso di fare un confronto tra Mac e PC, e come si è permesso? Inaudito.

    • Michele Stival ha detto:

      Per quanto sia d’accordo con te sul tono da fanboy utilizzato spesso in questo blog, oggettivamente però quanto descritto nell’articolo è vero.
      Apple ha da sempre seguito la filosofia del “if you care about your software you should build your own hardware”. E questi sono i frutti, c’è poco da fare. Hai maggior controllo e minori rogne.
      Il fatto che ci siano gozzilioni di combinazioni hardware differenti nel mondo PC e che questo si ritorca contro la user experience di chi li acquista non è un’attenuante bensì un’aggravante.

    • MasterMac ha detto:

      parli come se fossero solo quelli i continui problemi di windows, il post in questione mostra solo come le cose stiano andando con la solita “normale amministrazione” . Anche i mac con high sierra hanno diverse cpu, ci si aspettava un calo di prestazioni ed invece gli utenti windows si trovano con il computer inutilizzabile, a me pare che il fanboy qui sia tu che non accetta l’evidenza. Comunque si era capito che è pieno di persone che preferiscono un prodotto instabile che si spegne e con altri problemi piuttosto che un prodotto che continua a funzionare nonostante tutto, nonostante falle hardware, nonostante batterie andate, nonostante l’usura conseguente all’uso.

      • cbdj79 ha detto:

        Premetto che utilizzo da poco più di un anno MacBook Pro di cui sono stra soddisfatto, gestisco una piccola rete aziendale di una decina di pc Windows tutti aggiornati al Windows 10 (pc di 1 anno e anche di 10 anni) e non ho avuto alcun problema con questo aggiornamento o altri nel recente passato.
        Chi utilizza Windows non è un povero idiota come sembrerebbe da quello che dici tu.., magari per quello che deve fare non vuole spendere migliaia di euro ma con un pc da € 500,00 ha una configurazione che al 90% delle persone e/o aziende è sufficiente.
        In ogni caso sebben in passato alcuni Windows fossero veramente scarsi …, Windows 10 (come lo fu anche Xp) è un sistema discreto e in certi aspetti, tipo il ridimensionamento automatico dellle finestre, è migliore dei Mac….
        Questa è la mia esperienza da uno che apprezza molto il livello di qualità hardware e software dei Mac ma non sono un fanboy.
        Riguardo all’articolo essendo inserito nella rubrica “Moof” non l’ho trovato di cattivo gusto, ci sono situazioni in cui essere obbiettivi altre in cui fare i fan.
        Questo blog secondo me è il migliore sui MAC a livello italiano.

    • Enrico ha detto:

      Ciao Paolo,
      sono d’accordo e mi permetto di estendere la tua riflessione anche al di là dei confini di questo blog: da appassionato di tecnologia seguo diversi siti per tenermi informato su Android, iOS, Linux così come su MacOS – sistemi che quotidianamente utilizzo.
      Non ho potuto far a meno di notare quanto, ormai, l’oggettività sia smarrita: è necessario quindi schierarsi e difendere una fazione a spada tratta (anche quando questa sia talvolta indifendibile), schernendo chi la pensa diversamente.
      E’ questo, lo dico a malincuore, l’internet del 2018.
      Non ci resta che sperare le cose cambino: che si diventi più elastici e meno rigidi, più aperti sia nei confronti di chi la pensa diversamente sia nei confronti delle nostre stesse opinioni – imparando anche a metterle in discussione, se necessario.
      Con questo mio commento ho voluto semplicemente dare al supporto al tuo intervento, in particolare quando scrivi “Non c’è bisogno di essere fanboy a tutti i costi secondo me”.
      No, non ve ne è bisogno e voglio continuare a sperare, per il in futuro, in un’inversione di tendenza.
      Un saluto a tutti,
      Enrico.

    • Andrea ha detto:

      Scusate tanto ma io frequento questo blog da qualche anno e, oltre alla professionalità e rapidità nel reperire informazioni di chi lo gestisce, ho notato , e apprezzo l’ironia che si ritrova di tanto in tanto nei post. non credo sia in atto alcuna caccia alle streghe , poi i numeri sono numeri . Ma una sezione che si chiama “moof” e che ha come avatar il nostalgico cagnolino di os pre-X NON VOLETE CHE SIA IRONICO, ANTI-Windoze e svisceratamente per fan-boys ????

  2. fascox ha detto:

    e che lo dici a fare, è una battaglia persa.
    probabilmente anche questo non verrà pubblicato… LoL

    • Stefano Donadio ha detto:

      Hai lasciato 36 commenti, tutti critici e con il chiaro intento di dimostrate (invano) che avevo sbagliato qualcosa. Sono anni che leggi questo blog, ma non ti sei mai sprecato a lasciare un grazie perchè nulla di quello che ho scritto ti è mai servito, vero?

      Se avessi una suocera, ti direi che assomigli a mia suocera.

  3. Monster ha detto:

    Vedo che ci sono alcuni lettori arrabbiati perchè il PC-Windows è diventato inutilizzabile. E perchè ve la prendete con l’Uomoragno? Solo perchè da “cronista” ha raccontato fedelmente quello che succede?

    • DariOSX ha detto:

      Per @Monster
      1) I due PC che utilizzo (uno in ufficio e l’altro a casa) hanno entrambi installato le patch e funzionano perfettamente come prima (nessun impatto sulle prestazioni), quindi non sono arrabbiato
      2) il mio Imac mid 2010 (secondo computer di casa) quando ho cercato di aggiornare ad High Sierra ha cominciato proprio a riavviarsi continuamente, tanto che ho dovuto ripristinare da backup di Time Machine (premetto che a parte qualche programma scaricato da Store ufficiale Apple non ho altro installato sopra e che il computer viene trattato con grande attenzione).
      3) Il mio Iphone 6s periodicamente rompe le balle tanto da dover ripristinare le impostazioni di rete (ultima volta ieri sera) in quanto non si connette tramite dati cellulare (Vodafone), oltre al fatto che parecchi utilizzatori con IOS 11 hanno non pochi problemi di autonomia… Basterebbe ottimizzare gli aggiornamenti per ogni singolo modello di Iphone (che poi sono 4 in croce) quindi per adesso mi tengo 10.3.3
      4) Un “cronista” si limiterebbe a riportare i fatti senza ironizzare.
      5) Per @Nicola: utilizza già un Mac e tutta sta meraviglia non la riscontro, per parecchie cose sono ancora obbigato ad utilizzare il mio PC (esempio semplice semplice: gli ambienti di sviluppo per python sono decisamente superiori in ambiente Windows)

      Detto e premesso questo, io apprezzo per parecchi aspetti questo blog quando riporta notizie tecniche su Iphone e Mac che, da utilizzatore, trovo molto utili… Non per questo, quando si scende nel tifo da stadio, devo per forza apprezzare le cose buttate li tanto per fare ironia.

      Cheers
      Dario

      • Max ha detto:

        Allora hai sbagliato articolo per fare queste riflessioni, infatti alla fine è specificato.

        “Moof! è una rubrica di Spider-Mac in cui trovate brevi pensieri, URL cui andare per documentarvi meglio, un software da scaricare, insomma tante piccole cose che hanno sempre a che fare con il mondo Apple, ma raccontate in un articolo “leggero” che può essere uno spunto di riflessione o di polemica, una provocazione.”

      • Emperor Zurg ha detto:

        @DariOSX

        A proposito di paragoni insensati.

        Non riesci ad installare High Sierra su un iMac del 2010, ma non è un problema diffuso, quindi è un problema locale, dovuto ad una cattiva gestione tua,

        e questo caso lo paragoni alle centinaia di migliaia di segnalazioni di problemi sui PC dopo l’ultimo update?

        Avevi accenato a non fare i fanboy, o sbaglio?

        • DariOSX ha detto:

          Appunto… I modelli di Imac non sono tantissimi e quelli esistenti hanno tutti la stessa configurazione, quindi dovrebbero testare meglio gli installer sui vari modelli.
          Ripeto che le combinazioni tra processori, PC e personalizzazione dei vari produttori sono infinite, quindi molto più difficili da ottimizzare (ci possoo stare quindi alcuni intoppi, anche se non dovrebbe succedere)… E ripeto che non sono fanboy in quanto a casa uso un solo PC e come 2° computer appunto Imac, mentre come telefono ho Iphone 6s.. è solo una riflessione obbiettiva, a differenza della tua.

          • Stefano Donadio ha detto:

            Dario… te l’ha spiegato. Non ci sono segnalazioni di problemi come il tuo. Quindi c’è qualcosa che non va sul tuo iMac, una partizione fatta male, troppe installazioni di macOS sulle vecchie e così via.

            Risolvi facendo una installazione pulita.

          • MasterMac ha detto:

            i mac hanno tutti la stessa configurazione? ahahaah ridicolo trova meno scuse per favore, ti meriti i widnows che non si accendono e gli android che si riavviano

  4. Carlo ha detto:

    Ahahaha, che rosiconi quelli con Windows. Addirittura in ufficio la mattina la prima cosa che facciamo è vedere se ci sono articoli come questi nel nostro amichevole Spider-Mac di quartiere.

    Vai così Stefano

  5. Matteo ha detto:

    Dai primi commenti winzzoziani vedo che ancora una volta il nostro arrampicamuri ha colto nel segno. Ahahahahahhahaha

  6. ppcaric ha detto:

    Come sempre: Windows, il sistema che “ributta”! 🤢

  7. Ilfolle ha detto:

    Un pc con ubuntu 16.04 LTS Lenovo thinkpad L412 tutto ok,MacBook late 2009 tutto ok,pc dell vostro serie 3000 del lavoro con seven tutto ok.
    Questo è il mio feedback

  8. michele ha detto:

    un ipad pro 10,5 2017 tutto ok ! iphone 6 plus tutto ok! iphone 6s plus tutto ok ! imac 2010 tutto ok ! macbook pro 2014 tutto ok ! pc a lavoro non aggiornato per ora!

  9. Raffaele ha detto:

    Stefano,
    sai se ci sono novità circa gli aggiornamenti di sicurezza per Sierra (o macOS precedenti)?

    Grazie,
    Raffaele

  10. Tonino ha detto:

    Un pc Windows è utile solo quando non si accende più. Almeno non fa danni. Chiaramente, per stare ancora più sicuri (mai fidarsi di un pc), staccate anche il filo che la porta la corrente, non vorrei che un corto circuito possa causare qualche incendio anche da spento 😂😂😂

  11. Sauro ha detto:

    Noto con immensa e vibrante soddisfazione che ancora ci sono discussioni trite e ritrite.
    Quello che credo di aver capito queste due “falle” hardware riguarda una determinata “ scorciatoia” sul calcolo eseguita con macchina virtuale e uno Xeon… almeno da un blog trovato. Quel tipo di “scorciatoia” viene applicata sin da determinate cpu, ogni sistema ha una sua politica; tenare di chiudere immediatamente una falla per poi aprirne inevitabilmente una subito dopo, oppure testare per prevenirne una subito dopo. Errare é umano……
    Tenere un sistema impastato é inevitabile, sul mio iMac upgrade a gogò con rallentamento video su software risolto con spianata, installazione e migrazione utente da tm. Apple Inc in questo la trovo avanti, in quanto questa possibilita su win$ la trovo troppo elaboriosa ( backup e importo account con tutto, ripeto tutto…. ). Da come la vedo queste falle sono problema/non problema sui miei sistemi Osx, GNULinux e …..Windows , come sempre basta non usare software pirata in quanto si potrebbe celare la ….sorpresaaaa…..

Aggiungi un commento