Steve Wozniak lascia Facebook: “Apple fa i soldi sui buoni prodotti, non sulle persone”

9 aprile 2018 ore 16:43 | di | 2 commenti

Apple co founder steve wozniak

Dopo Elon Musk e il fondatore di WhatsApp, Brian Acton, un altro nome illustre del mondo della tecnologia ha deciso di aderire alla campagna #DeleteFacebook chiudendo il proprio account Facebook: Steve Wozniak, co-fondatore di Apple.

L’eccentrico Woz ha annunciato la sua intenzione di lasciare il social network blu nella tarda serata di domenica, durante una intervista al quotidiano USA Today. Naturalmente, alla base di questa decisone c’è lo scandalo di Cambridge Analytica che ha raccolto ed utilizzato illegalmente i dati personali dei oltre 80 milioni di utenti:

“I profitti sono basati sulle informazioni degli utenti ma questi non ne ottengono nulla in cambio. Apple, al contrario, guadagna su buoni prodotti, non su di te. Su Facebook, invece, sei tu il prodotto.”, una dichiarazione che fa il paio con la linea di pensiero di Tim Cook, CEO di Apple.

Più tardi, Woz ha ufficializzato la chiusura del suo account Facebook con un ultimo post:

“Sto per lasciare Facebook, mi ha portato più svantaggi che vantaggi. Apple ha modi più sicuri per condividere i dati personali. Posso ancora restare con email e messaggi di testo alla vecchia maniera.”

Approfondimenti: ,

Argomento: Varie dalla Rete

Commenti (2)

RSS commenti

  1. sauro ha detto:

    Mi domando .. “ma quante persone non hanno letto le informative quando si attiva un accaunt in questo caso di facebook…?” Ho un accaunt facebook ma ci scrivo poco o nulla e pubblico foto o condivido poche cose. Se poi per magia il “sistema facebook” pubblica cose non di mio pugno é un altra cosa.

    • TrueApple ha detto:

      c’era scritto che avrebbero venduto i tuoi dati e rubato quelli dei tuoi amici passando attraverso i permessi del tuo profilo? C’era scritto che avrebbero registrato e avuto accesso ad ogni messaggio e telefonata di messenger?
      C’era scritto che ti avrebbero riempito di pubblicità di cui non te ne frega nulla a forza in ogni parte delle schermo o dell’app?
      C’era scritto che avrebbero fatto propaganda mirata per farti il lavaggio del cervello e spingerti in direzioni di ideali, di politica, di fake news create ad hoc e così via?

      Leggere o non leggere non fa differenza, sicuro non c’erano scritte cose del genere e anche se ci fossero state scritte, un’informativa non ha potere assoluto.

Aggiungi un commento