Accadde oggi: Steve Jobs presenta con uno “spettacolare” keynote l’Apple II

17 aprile 2018 ore 16:47 | di | 3 commenti

Apple II17 Aprile 1977 è una data che segna il debutto ufficiale dell’Apple II nel corso del 1° West Coast Computer Faire, un’esposizione nata per presentare al grande pubblico i prodotti emergenti dell’industria dell’informatica, e che diventerà la più importante del mondo fino al 1983. 

È opinione comune che in questa esposizione sia nata l’industria del personal computer grazie proprio all’Apple II.

Ma, questa data è importante anche perché si svolse il primo Keynote di Jobs, allora solo 21enne, che naturalmente non fu un Keynote come lo conosciamo oggi. 

Steve Jobs aveva capito fin dall’inizio che per il successo di un prodotto c’è anche bisogno di una buona presentazione. Così, fece in modo che gli fossero assegnate le prime quattro cabine del West Coast Computer Faire, a cui partecipavano ben 175 espositori, tra cui anche Intel, MITS e Digital Research.

La posizione scelta da Jobs era strategica perchè si affacciava direttamente sull’ingresso del Bill Graham Civic Auditorium che ospitava la manifestazione, in questo modo le 12.000 persone che visitano la fiera poterono ammirare l’Apple II (nel film “I pirati di Silicon Valley” è stato ben ricostruito il 1° giorno del West Coast Computer Faire).

In più, Steve Jobs fece realizzare una insegna in plexiglass retroilluminata con impresso il nuovo logo Apple multicolore realizzato da Job Janoff, che aveva rimpiazzato quello disegnato da Ron Wayne, il terzo co-fondatore di Apple.

Apple Computer 1977

E proprio come avviene oggi nel dopo Keynote di uno Special Event quando i partecipanti possono visionare i prodotti appena presentati, Steve Jobs si preoccupò di mettere a disposizione dei visitatori una dozzina di Apple II, ma in realtà nessuno di questi era funzionante perché la produzione iniziò solo qualche mese più tardi.

A differenza dell’Apple I, che in realtà era solo una scheda logica a cui gli acquirenti dovevano aggiungere il case, il monitor e la tastiera, l’Apple II aveva in dotazione un accattivante case in plastica ed era in grado di gestire grafica a colori, una vera e propria rivoluzione per quel periodo. Anche la RAM era cresciuta, “ben” 12Kb.

La dotazione dell’Apple II prevedeva anche due game pad. La leggenda vuole che l’idea dei pad fu di Wozniak che tempo prima aveva lavorato con Jobs al popolarissimo gioco Breakout, che si serviva appunto di contoller di quel tipo e aveva il Basic preinstallato nella Rom.

L’Apple II uscì fuori produzione nel 1980 dopo aver venduto oltre un milione di unità. Ebbe un enorme successo non solo nell’ambito home, ma anche in quello business.

L’Apple II fu apprezzato perchè era l’unico computer in grado di gestire il VisiCalc, il primo foglio di calcolo. Dopo l’Apple II seguirono l’Apple IIplus, l’Apple IIe e l’Apple IIc.

“Accadde oggi” è una rubrica di SPIDER-MAC che ha lo scopo di far conoscere un po’ meglio la storia di Apple.

Approfondimenti: , , ,

Argomento: Accadde oggi

Commenti (3)

RSS commenti

  1. Alessio Ferraro ha detto:

    L’insegna di cui parla l’articolo è visibile presso il Museo All About Apple di Savona, insieme alla cassetta per gli attrezzi di Steve Wozniak, come parte della collezione. https://bit.ly/2jo2r1Y

  2. iDonuts ha detto:

    Grande Steve Jobs!

Aggiungi un commento