Accadde oggi: Apple rilascia il PowerBook 540c con il rivoluzionario trackpad

16 maggio 2018 ore 23:37 | di | 4 commenti

PowerBook 540c

16 maggio 1994 Apple annuncia la nuova linea di PowerBook 500 “Blackbird” e il top di gamma 540c ($5.539, che corrispondono a $9.139 di adesso) è unanimemente ancora oggi considerato il miglior portatile mai realizzato da Cupertino, e naturalmente è stato a lungo un termine di paragone per l’industria dei computer dell’epoca.

Velocissimo e pieno di funzionalità innovative, il PowerBook 540c è stato il primo portatile Apple ad essere considerato perfino superiore ai Mac desktop di allora. La precedente serie, i PowerBook 100, avevano riscosso un enorme successo commerciale, tuttavia nel 1994 le vendite cominciavano a rallentare per via dell’anzianità del progetto, sia dal punto di vista hardware, sia da quello estetico. I PowerBook 500 arrivano nel momento giusto per rilanciare il settore dei portatili di Apple.

Anche se è offriva una risoluzione di 640×400 pixel, li display 9,5 pollici a matrice attiva era in grado di mostrare migliaia di colori, facendo sembrare preistorici i computer portatili rivali. In più, in software QuickTime per l’editing dei video incluso con il portatile sembrava arrivato da una civiltà extraterrestre, così come le casse che garantivano un suono stereo.

Il PowerBook 540c era anche straordinariamente veloce, essendo il primo portatile Apple ad utilizzare una CPU Motorola 68LC040 @ 33MHz, e con 4MB di RAM (espandibile fino a 12 MB). Nel test di benchmark, risultò l’80% più veloce rispetto al più potente PowerBook precedente. Inoltre, il PowerBook  540c supportava schede PC, Ethernet 10BT e monitor esterni fino a 20 pollici.

il PowerBook 540c è stato il primo computer portatile ad includere:

– suono stereo a 16 bit @ 44,1 kHz (contro lo standard di 8 bit mono @ 22 kHz);

– altoparlanti stereo (posizionati negli angoli superiori dello schermo);

– Ethernet 

– uno slot su cui si potevano inserire delle periferiche aggiuntive oppure delle schede di espansione

– Batterie “intelligenti” NiMH (includevano circuiti per monitorare la salute della batteria);

– CPU su una scheda figlia.

Ma, la funzionalità realmente rivoluzionaria è il trackpad, che verrà utilizzato da tutti gli altri produttori di computer sui rispettivi portatili.

Approfondimenti: , ,

Argomento: Accadde oggi

Commenti (4)

RSS commenti

  1. Ilfolle ha detto:

    A me il mondo dei retro computer piace un sacco…e questi aneddoti ancora di più.

  2. Massimiliano ha detto:

    Anche a me. Uso i computer da anni, ma solo ora, da quando seguo Spider Mac mi rendo conto delle straordinarie innovazioni introdotte da Apple

  3. Gaetano ha detto:

    E già, prima c’era la pallina…
    Costosissimo oggetto di desiderio per un allora studente di dottorato.

  4. Stefano Ragazzi ha detto:

    Letta così è affascinante, ma non rende ancora l’idea di quando lo sguardo abituato ai display a matrice passiva si posava sul display del 540c, forse come se prendessimo una signora negli anni ottanta e gli mettessimo davanti uno schermo oled 4k. L’impatto era fortissimo [così come l’invidia!]

Aggiungi un commento