Recensione: iPhoto 8.0.2 di iLife ’09

| 30 aprile 2009 | 0 commenti

Rispetto alla versione iniziale di iPhoto 8.0 precedentemente esaminata,  Apple con l’aggiornamento 8.0.2 ha risolto alcuni “difetti di gioventù” che affliggevano la sua iApp.

 

Con iPhoto ’08, Cupertino ha cercato di semplificare l’organizzazione delle foto, introducendo il concetto di Eventi, che organizza automaticamente le immagini in base a quando sono state scattate. Con iPhoto ’09, Cupertino ha aggiunto Volti e Luoghi che aiutano ad individuare e archiviare le fotografie.

 

Volti

Perchè il riconoscimento facciale di iPhoto possa funzionare correttamente è necessario prima identificare correttamente i volti presenti in alcune fotografie (operazione nota anche come “taggare”). Selezionata una fotografia, click sul pulsante Nome nella parte inferiore dello schermo, quindi bisogna aggiungere almeno nome e cognome.

 

 

Rivelamento e ri-identificazione dei volti mancanti

Come si aggiunge una foto alla propria libreria, vengono scansionati i lineamenti dei volti e confrontati con quelli simili. Se viene trovato un viso (o più di uno), iPhoto cerca di abbinare le varie caratteristiche somatiche – occhi, bocca, naso, ecc. – con i volti che si trovano nelle altre foto nella libreria.

 

Uno dei problemi della tecnologia per il riconoscimento facciale di Volti nella sua release iniziale è che talvolta non riconosceva il volto di una persona. Questo inconveniente si verificava soprattutto nelle foto in cui una persona è di profilo o la foto è stata scattata in condizioni di scarsa illuminazione oppure l’immagine è po’ sfocata. Con l’aggiornamento 8.0.2, con ctrl-click su una foto dal relativo menu contestuale si accede alla una nuova voce Rivela volti mancanti che permette di dire ad iPhoto di riesaminare le immagini e di individuare i volti non identificati, questa volta però interpretando in maniera meno rigorosa l’algoritmo del riconoscimento facciale. Il risultato è che Volti sarà più incline ad individuare i volti delle persone.

 

 

Questa funzione introdotta con l’up-date 8.0.2 rappresenta un netto miglioramento per il corretto funzionamento del riconoscimento facciale. Ci sono state decine, se non centinaia, di volti contenuti nelle foto della mia libreria di iPhoto che Volti non è stato in grado di riconoscere quando ho provato per la prima iPhoto ’09. Un aspetto importante è che questa funzione lavora foto per foto, quindi si può utilizzare ogni volta che un volto non è stato riconosciuto. In questo modo non viene modificato l’algoritmo utilizzato per la scansione di tutta la libreria evitando gli errori di identificazione.

 

Allo stesso modo, se iPhoto aveva inizialmente identificato un volto e si è utilizzato la “x” per dire che non era in realtà una faccia da collegare alle foto mancanti di un volto, selezionando l’opzione Rivela volti mancanti, iPhoto procederà alla ri-identificazione di quel volto che era stato classificato non-volto.

 

Aggiungi volto mancante manualmente

Oltre alla scansione “automatica” dei volti mancanti, è ancora disponibile la possibilità di aggiungere manualmente un viso non identificato. Questa opzione permette di disegnare una riquadro attorno a una persona e di inserire un nome (tag) quando Volti non lo riconosce (anche con la nuova e migliorata opzione di scansione, iPhoto ancora non riesce a identificare tutti i volti). Sebbene questa opzione permetta di abbinare i volti delle persone con i rispettivi nomi, nella versione 8.0, Volti non estendeva il riconoscimento alle altre foto. Con l’ultimo aggiornamento, invece, Apple ha esteso questa opzione. Infatti, adesso quando si aggiunge manualmente un nome ad un volto non identificato in una foto, Volti effettuerà la scansione solo del contenuto del quadrato che si disegna attorno al viso della persona utilizzando algoritmi meno rigorosi rispetto a quelli predefiniti. Questo consente ad iPhoto 8.0.2 di imparare dai volti che sono stati aggiunti, migliorando sia il riconoscimento delle facce in generale, sia quelle delle persone già presenti nella propria libreria.

 

Allenare iPhoto a riconoscere i volti delle persone

Uno dei sistemi migliori per allenare Volti a riconoscere le persone è aggiungere il tag ad un certo numero di buone foto (soprattutto primi piani) per ogni persona. Poi, andando in Volti, iPhoto mostrerà un elenco di possibili visi da abbinare al volto identificato.

 

 

Premendo il pulsante in basso Conferma nome, con un semplice click su ogni foto si può confermare che quelle fotografie sono effettivamente di quella persona, due click per negare, in questo modo è più facile taggare rapidamente un gruppo di foto e allenare iPhoto a riconoscere meglio la persona.

 

Sebbene questa funzione non sia inedita, nella prima versione di iPhoto si poteva solo confermare o rifiutare. Ora è possibile utilizzare il menu contestuale (ctrl-click sulla foto), e selezionare Nome per aggiungere quello corretto. Potrebbe sembrare una piccola novità, ma in realtà è un enorme miglioramento perchè consente di addestrare più rapidamente iPhoto a identificare le persone.

 

Integrazione con Rubrica Indirizzi

iPhoto adesso si integra con Rubrica Indirizzi di Mac OS X e offre l’autocompletamento dei nomi in base ai propri contatti. Nella prima versione, invece, Volti limitava l’autocompletamento alle persone già identificate in iPhoto (ora vengono mostrati i nomi corrispondenti della Rubrica Indirizzi ed anche quelli già taggati). Inoltre, per distinguerli, i nominativi di Rubrica Indirizzi sono contraddistinti dall’icona della rubrica.

 

 

Anche in questo caso si tratta di un’ottima funzione, e in realtà Apple avrebbe fatto meglio ad inserirla fin dalla prima release di iPhoto. Infatti, se come me avete già taggato una serie di facce, non c’è modo di combinare i dati con quelli dei contatti di Rubrica Indirizzi (una bella seccatura). Ciò significa che chi hai già identificato una persona che è anche presente in Rubrica Indirizzi, si ritroverà due risultati andando ad aggiungere un tag in un’altra foto. Fortunatamente, il problema non si pone per le nuove fotografie.

 

C’è solo da augurarsi che Apple con il prossimo aggiornamento di iPhoto includa anche uno strumento per la gestione o la fusione dei nomi delle persone taggate in Volti.

 

Luoghi

La nuova funzione Luoghi di iPhoto ‘09 è stata progettata per permettere di individuare con precisione dove sono stati effettuati i propri scatti. Se si dispone di una fotocamera con GPS, Luoghi funziona senza alcun contributo da parte vostra. E’ sufficiente fare click sulla piccola “i” (Informazioni) che compare in basso a destra di ogni foto, l’immagine viene “ribaltata” e oltre al luogo viene mostrata una mappa con un segnaposto. Si possono visualizzare queste informazioni per una singola immagine o per un gruppo di foto che compongono un Evento

 

Chi è in possesso di una vecchia macchina fotografica o le immagini nella libreria non hanno un tag geografico (geotag), è comunque possibile utilizzare Luoghi. Tutto quello che bisogna fare è cliccare sulla “i” di una foto o di un Evento e digitare le informazioni relative alla località. iPhoto cercherà le informazioni nell’enorme database di Google.

Punti di interesse

Volti non è l’unica parte di iPhoto che ha beneficiato di cambiamenti con l’aggiornamento 8.0.2. Anche Luoghi ha ottenuto alcuni importanti miglioramenti, il primo e il più semplice è il supporto per lo zoom con la rotella di scorrimento (o con due dita sul trackpad) quando si utilizza la vista mappa.

 

Apple sembra aver ampliato i punti di interesse del database che consente di visualizzare non solo un luogo specifico, ma punti di riferimento, ad esempio “Piazza di Spagna”, quando si utilizza la vista luoghi e/o si aggiungono informazioni sulla localizzazione delle foto che non includono i geotag.

 

Sembra logico che Apple continuerà a sviluppare e perfezionare questa banca dati nel corso del tempo.

 

Ancora più importante: la finestra di dialogo utilizzata per gestire i luoghi, quelli che non fanno parte dei maggiori punti di interesse del database, adesso offre più opzioni. Vi si può accedere dalla finestra di dialogo Ottieni informazioni per qualsiasi foto e adesso consente di visualizzare i Luoghi per nome, modificarli e visualizzarli su Google Maps.

 

iPhoto 8.0 già consentiva agli utenti di gestire le località, ma era subito apparso evidente che l’accesso e l’utilizzo di questa opzione doveva essere rivista, soprattutto per quanto riguarda l’individuazione dei luoghi, cosa che è avvenuta puntualmente con l’aggiornamento 8.0.2.

 

Utility di terze parti che consentono di aggiungere i geotag alle foto sono disponibili per Mac OS X, anche per le immagini che sono state già importate in iPhoto. Quando iPhoto è stato rilasciato per la prima volta, aggiungendo i dati relativi ad una foto già presente in Luoghi, le nuove informazioni non venivano aggiornate. Cerca posizione, una nuova voce del menu contestuale (ctrl-click su una foto) consente di scansione i dati aggiunti dopo l’importazione o se si è scelto di non eseguire la scansione per i dati sulle località quando è stata aggiornata la libreria iPhoto. Anche se non è qualcosa di cui tutti gli utenti avranno bisogno, si tratta di una preziosa funzione per i Mac user che fanno uso di applicazioni di terze parti per aggiungere i geotag.

 

Luoghi ora supporta anche l’immissione diretta dei dati di latitudine e longitudine quando si inseriscono le informazioni sulla localizzazione per le foto esistenti. Servizi come FlickriTouchmap permettono di recuperare queste informazioni, e possono risultare particolarmente utili se si utilizza un dispositivo GPS separato dalla fotocamera quando si scattano le foto. Con l’ultimo aggiornamento, iPhoto può accettare l’aggiunta diretta di dati e include il supporto per gli indirizzi via Google Maps o con i punti di interesse esistenti.

 

Strumenti per il fotoritocco

Per quanto riguarda le funzioni per migliorare le immagini (fotoritocco), Apple ha trasferito alcune opzioni direttamente da Aperture, come ad esempio i controlli Nitidezza e Definizione. Quest’ultima regola il contrasto in un modo più raffinato rispetto alla barra Contrasto (è simile all’omonima funzione che si trova anche in Adobe Lightroom). Anche le opzioni Punti luce e Ombre sono stati “ereditati” da Aperture. Inoltre, il pennello Ritocca è migliorato grazie ad una maggiore precisione nell’individuazione del bordo, il modo da evitare di sfocare un particolare quando si eliminano macchie o imperfezioni su bordi di colore uniforme.

 

Infine, adesso quando si utilizza l’opzione Migliora di Modifica, le correzioni apportate vengono mostrare nel pannello Regola, così da poter vedere esattamente quali regolazioni sono state modificate (in precedenza, le impostazioni rimanevano al centro, come se non fosse stata apportata alcuna modifica alla foto). Questa aggiunta è utile per capire esattamente cosa è successo.

 

Condivisione

iPhoto ’09 migliora (se possibile) la già ottima funzione Presentazione grazie a nuovi temi. Inoltre, la tecnologia del riconoscimento facciale assicura che i visi delle persone siano centrati nello slideshow. La presentazione, che può essere personalizzata in vari modi, si può esportare come filmato, inviarla ad iTunes e sincronizzarla con iPod, iPhone o Apple TV.

 

I nuovi pulsanti Facebook e Flickr permettono in un click di condividere foto o presentazioni sul proprio social network.

 

Le foto delle persone con i nomi di Volti vengono taggati automaticamente su Facebook. Inoltre, gli amici presenti nella foto pubblicata che hanno un account Facebook ricevono un avviso e possono a loro volta aggiungere un tag alle altre persone non identificate nella fotografia. I tag aggiunti dagli amici, poi, compaiono nella foto della libreria di iPhoto.

 

Considerazioni finali

iPhoto da solo vale l’intero costo di iLife ’09. Le due nuove funzioni Volti e Luoghi facilitano la gestione soprattutto di librerie di grandi dimensioni. Ero già un fan di iPhoto, e molti di questi inaspettati aggiornamenti lo rendono ancora più interessante, in particolare i miglioramenti introdotti per il riconoscimento facciale e la geolocalizzazione delle immagini.

 

Punteggio (da 1 a 5): 4.5.gif

Pro: Volti e Luoghi rendo più semplice organizzare le proprie foto; buona integrazione con Facebook e Flickr per la condivisione delle foto; buoni strumenti per il fotoritocco delle immagini; l’aggiornamento 8.0.2 ha migliorato notevolmente il funzionamento di Volti e Luoghi.

Contro: Volti e Luoghi non sono facilissimi da usare; nessun miglioramento per Effetti.

Requisiti di Sistema: Mac OS X 10.5.6 o successivo.

Compatibilità: Universal Binary.

Prezzo: incluso nella suite iLife ’09 (€79).

Produttore: Apple, www.apple.com/it

 

Tag: , ,

Argomento: Mac

Aggiungi un commento