Recensione: SpamSieve 2.8.2

| 14 luglio 2010 | 3 commenti

SpamSieve 2.8.2 è senza alcun dubbio la migliore applicazione per combattere la posta indesiderata, tanto che si candida ad essere il termine di paragone per il raffonto con gli altri programmi antispam.

Il software prodotto da C-Command è compatibile praticamente con tutti i client di posta elettronica, incluso Mail di Apple, Entourage di Microsoft, Eudora di Qualcomm, GyazMail di Gyaz Square, Mailsmith di Bare Bones, Mozilla Thunderbird e PowerMail di CTM Development.

SpamSieve001.jpg

Anche se sono inclusi i plug-in per Mail, Entourage, Eudora, Thunderbird, è necessario configurare le regole del proprio client di posta per accedere agli AppleScript che aiutano SpamSieve a svolgere il suo lavoro. Selezionando Aiuto/Manuale di SpamSIeve (PDF) si accede ad un ottimo manuale (sfortunatamente solo in lingua inglese) che spiega passo-passo come configurare il software, però, sarebbe stato sicuramente meglio avere una utility ad hoc per la messa a punto. Una volta installato, i comandi per l’addestramento di SpamSieve appaiono nel menu AppleScript di Entourage e in Messaggio di Mail.

Se SpamSieve non classifica correttamente una e-mail, è possibile correggere l’errore selezionando il messaggio e poi Messaggio/Addestra come Buono o come Spam. Di default, SpamSieve colora i messaggi in Mail per indicare il livello di spam – viene attribuito un punteggio – rendendo più facile l’individuazione della posta al “limite” ,che può essere personalizzato.

SpamSieve002.jpg

Esattamente come altri software del genere, SpamSieve utilizza una varietà di tecniche per classificare la posta buona e quella indesiderata. In dotazione c’è una Lista Nera ed unaLista Bianca – indicando come spam un messaggio, l’indirizzo del mittente viene incluso nella Lista Nera. Tutti i contatti di Mail, Eudora o di Entourage sono automaticamente inclusi nella Lista Bianca. Per entrambe le liste è possibile aggiungere, modificare ed eliminare un indirizzo di posta elettronica, come anche creare dei filtri aggiuntivi.

SpamSieve utilizza un filtro Bayesian e Habeas Safelist. Quest’ultimo è un servizio che richiede ai propri membri di sottoporsi ad un rigoroso controllo per verificare che i loro servizi non vengano utilizzati per generare spam. I membri di Habeas Safelist includono nell’intestazione delle e-mail la certificazione loro rilasciata che SpamSieve analizza.

A differenza di altre utilty anti-spam, SpamSieve permette di classificare gruppi di e-mail. Ad esempio, se si hanno archiviate nel client di posta un centinaio di messaggi indesiderati, in un solo click si possono segnalare come spam (lo stesso si può fare per la posta buona). Questa funzione di SpamSieve permette di addestrare il filtro anti-spam in pochi minuti, mentre gli altri software concorrenti richiedono diversi giorni. SpamSieve supporta gli account POP e IMAP. Il grosso merito di SpamSieve è che lavora all’interno del client di posta, mentre gli altri programmi sono separati.

Considerazioni finali

SpamSieve è di facile configurazione e richiede solo pochi giorni di pratica per adattarlo completamente alle proprie esigenze. E’ l’ideale per il Mac user “bombardato” dalla posta spazzatura ed è da preferire agli altri software anti-spam – che pure eseguono il loro compito – per la trasparenza con cui viene eseguito il filtraggio delle e-mail.


Punteggio (da 1 a 5): 5-37.gif
Pro: integrato con il client di posta; addestramento filtro anti-spam con gruppi di e-mail; accurato; facile da utilizzare e configurare; indicazione colorata della posta spam; supporto account POP e IMAP.
Contro: manca il manuale in PDF in lingua italiana.
Compatibilità: Universal Binary.
Prezzo: $30 (è possibile utilizzare il software per 30 giorni senza limitazioni).
Produttore: C-Command, c-command.com

Tag: , ,

Argomento: Mac

Commenti (3)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Gabriele ha detto:

    Non ti avevo mai visto dare 5 ragni!..

  2. Stef@no ha detto:

    Ho provato vari anti-spam, ma nessuno si è rivelato così preciso. Veramente un ottimo software 😉

  3. KesPez ha detto:

    da quando ho provato Gmail non ho più avuto problemi, ha un filtro anti-spam formidabile! E gli altri indirizzi e-mail che uso li importo in Gmail, così, oltre la comodità di controllare solo una casella, non ho più spam da nessuna parte.

Aggiungi un commento