Cosa fare prima di installare OS X 10.10 Yosemite

16 ottobre 2014 ore 14:44 | di | 63 commenti

Installa OS X Yosemite

La prospettiva di dover aggiornare il sistema operativo viene sempre vissuta con un misto di eccitazione e paura. In realtà, un utente Mac ha poco di cui preoccuparsi perchè la procedura di istallazione di OS X richiede un paio di click, forse meno… ma è una buona idea preparare adeguatamente il proprio computer seguendo i consigli che trovate in questo articolo che dovrebbero contribuire a portare a termine l’installazione con successo.

Col tempo, la maggior parte dei computer accumulano file inutili, incluso software obsoleti, download mai finiti di scaricare e documenti non più necessari. Questa situazione non solo può determinare un rallentamento del Mac e rendere più difficile trovare le cose, ma può causare dei problemi al momento di effettuare un aggiornamento importante: conflitti di sistema in primis; ed in alcuni casi anche l’esaurimento dello spazio libero sull’hard disk.

In queste occasioni, è una buona idea eseguire gli aggiornamenti dei software installati e cancellare i file non più necessari. Ovviamente, accingendosi a fare numerose modifiche, il backup completo prima di installare OS X Yosemite deve essere effettuato solo dopo aver portato a termine queste operazioni, riavviato il proprio computer e verificato che tutto funzioni correttamente.

Controllare i requisiti hardware e software

Per sapere se il vostro Mac è compatibile con OS X 10.10 potete leggere quest’altro articolo OS X Yosemite: i requisiti di sistema e come verificare se il proprio Mac è compatibile. In ogni caso, andando a cliccare il relativo pulsante “Scarica” della scheda di Yosemite del Mac App Store, il download non parte e appare una avviso se il vostro modello di Mac non è supportato. Quindi, in questo caso è impossibile creare disastri.

C’è anche un requisito software per l’installazione di Yosemite: sul Mac deve essere installato almeno Snow Leopard versione 10.6.8 se non altro perché altrimenti non avreste modo di accedere al Mac App Store.

Anche se è possibile utilizzare qualsiasi mouse tradizionale con Yosemite, una serie di gestualità possono essere sfruttate solo con il trackpad dei più recenti MacBook Air e MacBook Pro, con il Magic Mouse spider-mac voto 3,5 o il Magic Trackpad 4 0. Io personalmente preferisco il Magic Mouse, ma ho aggiunto un Magic Trackpad per il mio iMac giusto per sfruttare queste gestualità.

Aggiornamento software di terze parti

Ogni volta che si effettua un aggiornamento da un sistema operativo ad un altro (da Mavericks a Yosemite in questo caso), molti software potrebbero risultare incompatibili oppure funzionare lentamente. Anche nella migliore delle eventualità, la maggior parte di noi dovrà aggiornare alcune applicazioni per farle funzionare sotto OS X 10.10. Come è avvenuto negli ultimi anni per Mountain Lion e Mavericks, anche per Yosemite la maggior parte delle software house hanno già rilasciato un update di compatibilità. Mancano all’appello sono Microsoft (per Office) e Adobe (per la Creative Cloud), che generalmente rendono disponibili update ad hoc per risolvere piccole incompatibilità dopo diverse settimane il rilascio di una major release di OS X.

Se utilizzate per studio o lavoro una applicazione in particolare, per non rischiare di compromettere la propria produttività è meglio consultare il sito RoaringApps, dove potete trovare un elenco di oltre 6.000 applicazioni già aggiornate per Yosemite o che funzionano senza problemi.

RoaringApps

Di solito, è preferibile eseguire gli aggiornamenti di software di terze parti prima di installare la nuova versione di OS X.

Se avete acquistato applicazioni sul Mac App Store, lanciare l’applicazione e fate click sul pulsante Aggiornamenti in alto a destra sulla barra degli strumenti, in questo modo è possibile aggiornare tutti i vostri software in un click.

Per gli acquisti al di fuori del Mac App Store, fortunatamente quasi tutte le applicazioni hanno un meccanismo di aggiornamento interno. Purtroppo, non sempre funzionano allo stesso modo. Alcuni software quando vengono lanciati segnalano la presenza di un update, per altri, invece, bisogna procedere manualmente cercando la relativa opzione tra i menu. Determinati programmi possono scaricare e installare nuove versioni automaticamente, mentre altri effettuano il download di una immagine disco che contiene l’installer della nuova applicazione, altri ancora rimandano ad un indirizzo Web da dove scaricare il software aggiornato.

Come anticipato, la maggior parte delle applicazioni ha un sistema di aggiornamento interno. L’opzione va cercata generalmente nel menu Aiuto o in Preferenze.

Nel caso non si dovesse trovare l’opzione per l’aggiornamento, non rimane che verificare direttamente sul sito web del produttore.

Se l’update per Yosemite di un software non è stato ancora reso disponibile, è una buona idea spuntare l’opzione di verifica automatica degli aggiornamenti – se presente – impostando la frequenza più bassa (giornaliera).

Aggiornamenti

Oltre ai software, bisogna controllare se è presente un update anche per widget, menu extra, plug-in e pannelli di Preferenze di Sistema. Questo tipo di applicazioni generalmente non ha una funzione di aggiornamento automatico.

Un altro sistema per verificare se esiste una versione più recente di un software, è quello di di installare MacUpdate Desktop 6. Si tratta di una utility che anche nella versione gratuita permette di controllare se il software installato sul proprio Mac è aggiornato.

MacUpdate Desktop 6

Eliminare i file inutili Premessa: gli utenti di Lion e versione successive per visualizzare la cartella Libreria che si trova nella Home (la casetta) devono utilizzare uno dei 9 sistemi indicati in quest’altro articolo.

Col passare del tempo, inevitabilmente si finisce per archiviare nel proprio disco rigido documenti assolutamente inutili. Eliminarli significa guadagnare spazio libero per Mountain Lion e ridurre la possibilità di conflitti tra software.

Questo step può essere anche saltato da chi ha un Mac nuovissimo, ma effettuando ugualmente una verifica, si potrebbe rimanere sorpresi dalla quantità di documenti che non servono accumulati in pochi mesi d’utilizzo.

Non sempre è facile stabilire se un documento è meglio cestinarlo o meno. Nel caso si avesse un dubbio, è meglio conservare il file senza perdere molto tempo a riflettere. I documenti che sicuramente NON vanno cancellati sono quelli che si trovano nella cartella Libreria e System.

Dove cercare i documenti da eliminare:

– Home/Documenti spesso in questa cartella si trovano file di progetti incompleti o abbandonati. E’ una buona idea verificare tutte le sottocartelle e trascinare nel Cestino del Finder anche i file di supporto delle applicazioni che non si utilizzano più.

– i Mac user che effettuano numerosi download o ricevono e-mail con allegati di grandi dimensioni, devono controllare la cartella dove vengono archiviati i file scaricati da internet (di default è la cartella Download che si trova nella Home) e la cartella Home/Libreria/Downlad di Mail.

– Home/Applicazioni (e Home/Applicazioni/Utility) in queste due cartelle bisogna cercare qualsiasi software installato in passato e non più utilizzato (spesso si conservano ingombranti demo scadute). Non è una buona idea cestinare i software Apple anche se presenti in Yosemite (iCal, iTunes, Calcolatrice ecc.).

– Home/Libreria/Application Support e Computer/Libreria/Application Support bisogna individuare la cartelle con i nomi della applicazioni non più utilizzate e spostarle nel Cestino.

– Home/Libreria e Computer/Libreria contengono anche cartelle con componenti di utility di terze parti. Bisogna controllare in Application Enhancers, Bundles, Contextual Menu Items, InputManagers, e PreferencePanes alla ricerca di estensioni di sistema non più utilizzate e cestinarle.

– widget di terze parti che non si usano più in Home/Libreria/Widgets.

– Le applicazioni utilizzano file di cache che incrementano la velocità e l’efficienza – se necessario la cache viene ricostruita automaticamente. E’ possibile eliminare alcuni di questi file:

1) Home/Libreria/Cache e Computer/Libreria/Cache spesso occupano diversi megabyte dell’hard disk. Questi file possono essere spostati nel Cestino.

2) svuotare la cache di Safari selezionando Safari/Vuota la cache

3) Safari conserva le favicon dei siti web visitati (la piccola immagine che appare a sinistra dell’URL nella barra degli indirizzi). Cestinare la cartella Home/Libreria/Safari/Icons.

– Alcuni software per poter funzionare in background richiedono l’installazione di un componente in Computer/Libreria/StartupItems. Nel maggior parte dei casi è bene non cancellare i file contenuti in questa cartella, però, se si dovesse riconoscere l’estensione di un software che non si utilizza più da tempo, si può spostarlo nel Cestino.

ATTENZIONE: in alcuni casi, gli elementi contenuti in StartupItems non recano lo stesso nome dell’applicazione. In caso di dubbio, è meglio lasciare tutto com’è.

– Alcune estensioni Kernel (file.kext) possono essere eliminate. Si tratta generalmente di driver per periferiche di terze parti, come mouse, tastiere che si trovano in Computer/Libreria/Extensions o Computer/System/Libreria/Extensions. Se il produttore non prevede una particolare procedura di disinstallazione, è possibile spostare questi file direttamente nel Cestino.

Qualsiasi software non più necessario può essere eliminato, ma bisogna prestare molta attenzione ai file contenuti soprattutto in Computer/System/Libreria/Extensions: la maggior parte di questi documenti è essenziale per Mac OS X. Se si nota un software obsoleto in questa cartella, è necessario lanciare l’installer e poi selezionare l’opzione Deinstaller (se prevista), altrimenti è meglio desistere.

– Alcune applicazioni effettuano un backup automatico. In alcuni casi, senza rendersne conto, si accumulano megabyte inutili che possono essere tranquillamente cancellati. Ad esempio, chi ha spuntato l’opzione Registra automaticamente la chat di iChat può valutare se cestinare la cartella Home/Documenti/iChat.

Terminata la fase di eliminazione, bisogna ricordarsi di svuotare il Cestino (Finder/Vuota Cestino). Se dopo aver eliminato tutto il superfluo serve ancora spazio, si può provare  a fare un backup su hard disk esterno dei file poco utilizzati ed eliminare gli originali presenti sul disco rigido. Dopo aver installato Yosemite è possibile trasferire questi documenti dal supporto utilizzato.

Consigli: è una  buona idea utilizzare un software di disinstallazione:

AppZapper ($13)

– AppDelete (€1,59)

CleanApp ($15)

– Spring Cleaning ($50)

Uninstaller ($29)

Inoltre, si può far ricorso a due utility che non disinstallano le applicazioni, ma servono ad individuare i file di grandi dimensioni che potrebbe convenire cancellare:

WhatSize (€12) 4 0

– GrandPerspective (freeware) 4 0

Infine, i Mac user che cercano una utility specializzata nel trovare file o cartelle duplicate per eliminarle facilmente, possono acquistare una licenza di Tidy UP! (€23).

Leggere anche Guadagnare spazio su Mac: 10 consigli facili da mettere in pratica

Utility Disco

Dopo aver eseguito le operazioni indicate ai punti precedenti, è bene procedere alla riparazione dei permessi e del disco. In Applicazioni/Utility lanciare Utilty Disco. Selezionare l’opzione Verifica permessi disco e nel caso la verifica dovesse evidenziare dei problemi, scegliere l’opzione Ripara Permessi.

Utility Disco Verifica disco

Con Lion e successivi: riavviare il Mac tenendo premuti i pulsanti ⌘-R per accedere alla partizione Recupero (Recovery). Una volta completato l’avvio di Recovery HD, dovreste visualizzare la Scrivania con una barra dei menu di Mac OS X e la finestra dell’applicazione “Utility Mac OS X”. Selezionate Utility Disco, e dalla successiva schermata, nel riquadro di sinistra apparirà l’hard disk del proprio computer, evidenziatelo con un click e poi selezionate Verifica o Ripara disco.

Con Snow Leopard:

– boot esterno (avvio esterno): inserire DVD 1 installer di Snow Leopard e riavviare il Mac tenendo premuto il tasto C. Selezionare la lingua desiderata e da Installazione scegliere Apri Utility disco. 
Nel riquadro di sinistra appariranno due volumi, il DVD inserito e l’hard disk del proprio computer, click su quest’ultimo e poi Verifica o Ripara disco.

– Avvio modalità utente singolo: se non si dispone del DVD 1 installer, riavviare il Mac tenendo premuti command-S 
All’apparire della schermata nera, scrivere il seguente comando fsck -fy e premere Invio 
Verranno eseguiti gli stessi controlli di Utility disco. Al termine, per riavvaire il Mac digitare reboot e premere Invio
.

Test hardware

L’Apple Hardware Test (AHT) controlla tutte le componenti hardware del proprio computer, inclusa la RAM, il modem, la scheda AirPort e così via. Apple Hardware Test non ripara nulla, però individua le componenti hardware del Mac difettose che è poi possibile sostituire in seguito recandosi presso un centro di assistenza autorizzato di Cupertino.

L’Apple Hardware Test è una partizione invisibile dell’hard disk. Per lanciarlo basta avviare il computer  tenendo premuto il tasto ALT (sui Mac più vecchi l’AHT è incluso sul DVD di installazione, in questo caso bisogna inserire il DVD e riavviare tenendo premuto il tasto D).

A partire da Lion, i Mac supportano l’utilizzo di Apple Hardware Test su Internet. Se Apple Hardware Test non è presente nel disco rigido, il computer sarà avviato con una versione di AHT basata su Internet. Per utilizzare questa funzione, è necessaria una connessione a Internet.

Per i Mac prodotti dal giugno 2013, bisogna utilizzare Apple Diagnostics anziché AHT, avviando il computer prendo il tasto D fino a quando non appare una barra di progressione

Eseguire questo test prima di installare Yosemite può servire per sapere se sarà necessario riparre il proprio computer e se vale la pena farlo o è meglio comprarne uno nuovo.

Prima di effettuare il test, leggere attentamente le istruzioni allegate (che possono variare a seconda del modello di Mac).

Fare il backup del Mac e verificare che funzioni

Anche se il backup di Time Machine è valido. personalmente consiglio di creare un clone del disco di avvio con SuperDuper spider-mac punteggio 4,5 che preferisco al più noto Carbon Copy Cloner, che nel 2003 ebbe gravi problemi di affidabilità con Mac OS X 10.3 Panther, risolti solo dopo diversi mesi. All’epoca ci fu una migrazione di massa verso SuperDuper!, io stesso per questo motivo 11 anni fa ho abbandonato CCC per SuperDuper che utilizzo ancora oggi.

Per testare un clone avviabile di backup o altro, utilizzare il pannello Disco di Avvio nelle Preferenze di Sistema per l’avvio dal disco di backup. Per verificare un backup di Time Machine o altro non avviabile di backup, ripristinare alcuni file per accertarvi che il processo funzioni.

Approfondimenti: , ,

Argomento: Mac

Commenti (63)

RSS commenti

  1. Raffaele ha detto:

    Posso installare su un nuovo HD Yosemite e tenermi a parte l’attuale Mavericks? voglio dire quando rimetto l’HD con Mavericks funzionerà tutto normale con l’App store per esempio?
    iCloud non è un problema perché non lo uso, ma la ricerca del Mac spero funzioni.

  2. Pondopapy ha detto:

    impostando la frequenza più bassa (giornaliera)

    Forse intendevi la frequenza più alta.

  3. Francesco ha detto:

    “Eliminarli significa guadagnare spazio libero per Mountain Lion…” 😉

  4. Buon Giorno, come ogni volta cerco di seguire le tue indicazione prima di procedere all’upgrade (con perizia maniacale), ma questa volta con YOSEMITE ho avuto problemi durante e dopo installazione. Non mi dilungherò più di tanto ma dopo aver installato Yosemite ed essere entrato in modalità protetta l’iMac non si è più riacceso mostrando dopo la mela un bel divieto..dopo il panico iniziale con cmd-r sono andato nella utility ed alla fine ho proceduto a riscaricarlo di nuovo con relativa nuova installazione, è ripartito… ti chiedo dipendeva da Trim enabler il blocco con divieto, posso fare ora un installazione pulita?

  5. antonio ha detto:

    Ho notato che nel menu mela elementi recenti alcuni file aperti recentemente non appaiono da quando ho aggiornato a yosemite capita anche a qualcun altro?

    • Pondopapy ha detto:

      Nelle Preferenze di Sistema, Generali c’è scritto “Documenti, App e Server”, bisognerebbe sapere quali file hai aperto che non viene visualizzato e se per il sistema operativo appartiene o no ad una di queste categorie…

      • antonio ha detto:

        Ho fatto diverse prove. se apro un .jpg o pdf. con Anteprima appare nel menu. Se uso Photoshop o acrobat non appare. Non appaiono i file di office e filemaker pro. Quelli aperti con app di apple appaiono tutti. Appaiono anche quelli di Parallels. Ho riparato i permessi ma non è servito a nulla. I server e le Applicazioni appaiono tutti.

  6. antonio ha detto:

    Ho fatto diverse prove. se apro un .jpg o pdf. con Anteprima appare nel menu. Se uso Photoshop o acrobat non appare. Non appaiono i file di office e filemaker pro. Quelli aperti con app di apple appaiono tutti. Appaiono anche quelli di Parallels. Ho riparato i permessi ma non è servito a nulla. I server e le Applicazioni appaiono tutti.

    • Pondopapy ha detto:

      Provato anch’io: se apro un pdf con Anteprima OK, se ne apro uno con Adobe Reader non lo mette in lista, mette in lista solo l’App: Adobe Reader.

      Quindi devo aprire l’App Adobe Reader, andare su “File” “Apri file recente” e lo trovo lì.
      assurdo

  7. Marcello Parenti ha detto:

    Yosemite provato e ripristinato mavericks dopo solo 2 giorni. Molto più lento: animazioni e scrolling a scatti, grafica bruttina e nessuna reale novità. Credo che abbiano fatto un bel passo indietro alla Apple: forse vogliono fare come con ios, obbligarci a cambiare il nostro Mac ancore performante?

  8. Salvo ha detto:

    Perchè dal disco principale con Snow Leopard 10.6.8, in Preferenze/Disco di avvio, NON vedo in lista il 2° disco con installato (inst. pulita) Yosemite? Il contrario va bene…da Yosemite vedo nei dischi di avvio SL.

  9. marco ha detto:

    ottimo, non ho mai avuto problemi in dieci anni di utilizzo di apparecchi Apple, ora, su un nuovissimo imac 27″ con yosemite non FUNZIONA NULLA…!!!!
    ho fatto la migrazione dal vecchio mac, per qualche giorno sembrava tutto a posto, oggi non si apre mail non si apre safari, appaiono messaggio che mi dicono di non disporre dei permessi necessari per modificare le cartelle…. lo rispedirei al mittente ma ho perso tutti i miei dati……

    • marco ha detto:

      preciso che ho già fatto tutto ciò che potevo, riparato permessi, applicata la funzione amministratore a tutto il mac, ecc., ecc…..

  10. ELENA ha detto:

    Buongiorni Stefano, ho aggiornato il mio MacPro, ma non l’iMac per paura dei problemi ad iPhoto… adesso però non riesco più a condivedere i documenti su iCloud!!! e NON ho aggiornato a iCloud Drive… sbaglio qualcosa?

  11. Utenteincercadiaiuto ha detto:

    Aiutatemi, è da 5 ore che continua a darmi la schermata configuro il mac ma non va avanti

  12. Lele ha detto:

    Ciao a tutti ho installato yosemite…ma ogni volta che accendo il pc mi dice “aggiornamento necessario” inserisco la pwd, la barra si riempie ed accedo…poi se controllo dall’App store se ci sono aggiornamenti mi dice che non ci sono…quale può essere il problema? Grazie a tutti!

  13. Giorgio Mancini ha detto:

    Ritorno un attimo sul problema “Elementi recenti”: noto che può anche essere vero che le app non supportate come Word ed Excel potrebbero essere state escluse, però mentre tra i Documenti non compaiono più, fra le Applicazioni ci sono, sia Word che Excel!
    Mistero?

  14. emanu ha detto:

    Domanda da principiante:
    E’ possibile installare Yosemite senza effettuare il backup?
    Cosa succede?

  15. emanu ha detto:

    Grazie per la risposta!
    Ora sorge il problema allora: come faccio a fare un backup dato che non ho hard disk esterni? Devo partizionare il mio hard disk del pc?

  16. emanu ha detto:

    Oooook!
    Vada per l’acquisto!
    Grazie ancora per l’aiuto!!

  17. FlavioG ha detto:

    Ciao a tutti, premesso che il mio hw è il seguente iMac 27” (metà 2011) OS X 10.10.2 con AirPort TimeCapsule 2TB, rilevo un blocco totale del sistema ogni volta all’uscita da TimeMachine per il quale è necessario lo spegnimento forzato della macchina. Ho già reinstallato ex novo Yosemite ed effettuato positivamente l’hardware test, resettato PRam, analizzato con UtilityDisk i dischi ma il problema permane. Se qualcuno ha esperienze in proposito, grazie!

    • Stefano Donadio ha detto:

      Dalla descrizione, il problema sembra essere l’hard disk utilizzato per il backup di Time macchie. Se ne hai la possibilità, provai utilizzarne un altro e nel caso riformata quello che stai utilizzando adesso. Utilizza anche una porta differente per collegare il disco di Time Macine.

      Nota di Spider-Mac: per la prossima volta, tieni presente che non è possibile pubblicare commenti non attinenti al contenuto dell’articolo. Per qualsiasi domanda relativa al mondo Apple, è possibile far ricorso al gruppo di discussione ufficialmente riconosciuto da Apple Spider-Mac Apple User Group (l’iscrizione è gratuita e non comporta alcun obbligo).

  18. nontelodico ha detto:

    sinceramente, ho letto molti commenti negativi riguardo questo aggiornamento e io stesso ho notato che la grafica di questa nuova versione è orrenda quindi credo che ne aspetterò una migliore.
    è un peccato perché avevo veramente bisogno di aggiornare per delle app di cui ho bisogno

  19. misabella63aury ha detto:

    ciao spidermac ho da poco aquistato un imac 5k 27° e mi sono accorto che non mi ha creato la partizione Recovery HD …….. mi sai dire qualche cosa al riguardo….?
    Saluti Dal Ticino
    ciao e grazie

  20. Maury ha detto:

    Strano ma vero non …..si trova soltanto il disco HD ma non il Recovery HD …. mi sai delucidare un po’ di più……
    ciao e grazie

  21. Maury ha detto:

    reistallando da Apple Store , Yosemite crea la partizione Recovery HD ? Grazie di tutto, ciao.

  22. Lorenzo ha detto:

    Ciao!
    Ho installato il 10.10 ma non funzionandomi vari programmi audio, ho provato a ripristinare il backup da time machine con il vecchio sistema 10.6.8 (stabilissimo nel mio macbookpro). Dopo 5 ore per copiare i dati, riavvio e mi trovo davanti alla schermata con divieto d’accesso… Ho provato a installare anche un backup precedente ma niente. Non riesco a tornare al 10.6.8 da time machine.
    Avete qualche idea in merito?
    Grazie mille!!

    • Stefano Donadio ha detto:

      Devi riformatore l’hard disk. Riavvia il Mac dal DVD di installazione di Snow Leopard fornito con il computer. Nella schermata che appare, dopo quella per la selezione della lingua, dalla barra in alto scegli Utility/Utility Disco e poi riformata. Installa Snow Leopard e quando te lo chiede importa i dati dal backup di Time Machine.

  23. Romano ha detto:

    Avresti idea di come mai non si riesca a partizionare un disco per installare windows 7 su yosemite? Premetto che ho ripulito un’iMac del 2008 in ottima forma. Formattato 2 volte prima veloce 2 lenta (4 ore). Ho installato osx originale, ho aggiornato a snow leopard, ho aggiornato alla 6.6 per poter installare yosemite. Ora tutto va benissimo, ma non riesco a fare funzionare boot-camp. Gia fatto altre volte con successo su Mac Pro ad esempio, ma sull’iMac mi da problemoni. Sai di cosa si tratta?

  24. Barbara ha detto:

    Si è impallato su configuro il
    Mac.
    Come faccio per uscire??

  25. Alvaro ha detto:

    premetto che avevo Yosemite installato su un iMac 2008.
    All’avvio il Mac è rimasto bloccato con la mela e la barra di caricamento a metà.
    Così sono entrato con Recovery per riprendere da un backup da Time Machine, ma non sono riuscito e ha accettato solo di recuperare i backup di quando avevo Maverick.
    Fin li tutto ok si riavvia ma impiega molto tempo.
    Ho tentato di reinstallare Yosemite ma alla fine prima di riavviare il Mac appare la scritta “si è verificato in errore riprova ad installare di nuovo” e se cerco di scegliere un disco di avvio mi dice impossibile selezionare disco di avvio lo strumento bless non è in grado qualcosa del genere e comunque se cerco di installare osx su altri dischi mi da lo stesso errore.

    • Stefano Donadio ha detto:

      Per poterti aiutare, era fondamentale riportare correttamente il messaggio d’errore (per la prossima volta, annotalo da qualche parte oppure scatta una foto) e poi non è chiaro come hai tentato di installare Yosemite.

      Per risolvere il problema, previo backup, devi fare una installazione pulita seguendo le istruzioni di quest’altro articolo click qui

  26. Alvaro ha detto:

    ma avevo Yosemite installato da molto tempo non è che ho tentato di installarlo la prima volta un giorno ho acceso il mac e la barra si è bloccata a metà io ho tentato di fare il backup con time machine ma infelicemente mi dava errore e sono solo riuscito a fare un backup retrodatato da tempo quando avevo maverick
    ora se tento di installare Ypsemite mi appare la scritta si è verificato un errore installare di nuovo ma non mi dice che errore
    e se tento di scegliere un disco di avvio mi dice impossibile selezionare disco avvio lo strumento bless non è riuscito a impostare il disco di avvio attuale

  27. Alvaro ha detto:

    ho provato a reinstallare yosemite seguendo le tue istruzioni ma purtroppo quando apro preferenze di sistema per selezionare il disco di avvio( la chiavetta usb con yosemite) appare solo il disco fisso e nessuno altro disco removibiile nonostante il sistema li legge

Aggiungi un commento