Moof! L’iPhone senza fila è meno bello

| 22 settembre 2017 | 12 commenti

Stamattina quando alle 7:40 circa sono arrivato nel parcheggio del centro commerciale Campania dove si trova l’Apple Store, per un attimo ho creduto di aver sbagliato giorno. A differenza degli altri “day one” di commercializzazione di un nuovo modello di iPhone, c’erano un paio di auto.

Quando mi sono avvicinato all’ingresso in vetro dell’edificio ho pensato che doveva essere successo qualcosa oppure avevano spostato l’entrata. Infatti, c’ero solo io. Poi mi è venuto il dubbio di essere arrivato troppo tardi, e tutti erano già dentro ordinatamente in fila.

Nulla di tutto questo, la fila non c’era, a meno di non voler considerare tale quella creata da esattamente cinque persone, me compreso.

Dall’ingresso fino al secondo piano dove si trova l’Apple Store sono stato “scortato” da un gentilissimo impiegato di Cupertino, e quando ho esclamato “Non è venuto nessuno!’”, mi ha risposto che Angela Ahrendts, responsabile degli Apple Store, non vuole le file fuori ai negozi per ritirare l’iPhone.

Ed è un vero peccato! La prima volta che ho visto una coda chilometrica fuori un negozio è stato a Tokyo, nel dicembre del 1994, in occasione del lancio della PlayStation. Rimasi impressionato che così tanta gente fosse disposta a restare ore e ore in fila per poter acquistare una console giochi. Non ero presente al memorabile lancio dell’iPhone nel 2007, ma fu ugualmente impressionate vedere al telegiornale la folla fuori l’Apple Store della 5ª strada a New York.

Primo iPhone

La stessa scena si è ripetuta di anno in anno in tutto il mondo, per interrompersi oggi. Infatti, anche dall’Australia – il primo Paese a commercializzare l’iPhone 8 per via del fuso orario – giunge la notizia della totale assenza di file fuori i negozi di Cupertino.

Eppure proprio le file fuori gli Apple Store che iniziavano giorni se non settimane prima della data di commercializzazione di un nuovo iPhone, hanno fatto letteralmente impazzire la concorrenza. Come non ricordare le numerose pubblicità Samsung che deridevano i fan della Mela pazientemente in fila? Un leggenda metropolitana vuole che i dirigenti del colosso sudcoreano fossero arrivati al punto di infiltrate esperti di marketing tra le persone in coda fuori gli Apple Store per sapere cosa li spingesse a sottoporsi ad un simile stress.

Apple Store New York

Non ho mai fatto una fila dal giorno prima per acquistare un iPhone, mi sono limitato a prenotare il ritiro in negozio per le 8 del mattino, all’orario d’apertura. E devo dire che mi sono sempre divertito. Svegliarsi un po’ prima del solito per il timore di arrivare tardi, bere un caffè al volo, e stare in mezzo ad un folla animata dalla stessa passione è stato bello.

Iphone 10 years apple e1483969375264

Probabilmente Angela Ahrendts ha ragione. Un’azienda che viene considerata la più avanzata del mondo dal punto di vista tecnologico, nel 2017 non può  permettersi che gli utenti siano “costretti” a mettersi in fila dal giorno prima fuori i negozi per acquistare l’iPhone.

Tuttavia, le code chilometriche, e non solo quelle per l’iPhone, le ho sempre interpretate non come una incapacità organizzativa, ma come un successo così travolgente da sconvolgere qualsiasi organizzazione.

Non tutti pensano che l’assenza di file per l’iPhone 8 dipendano dalla perfetta programmazione di Angela Ahrendts, molti ritengono che in tanti abbiano deciso di comprare  l’iPhone X che si potrà prenotare solo alla fine dal mese prossimo.

Il 3 novembre, la data di commercializzazione del primo iPhone senza tasto Home, osservando cosa succede fuori gli Apple Store sapremo la verità, forse.

Moof! è una rubrica di Spider-Mac in cui trovate brevi pensieri, URL cui andare per documentarvi meglio, un software da scaricare, insomma tante piccole cose che hanno sempre a che fare con il mondo Apple, ma raccontate in un articolo “leggero” che può essere uno spunto di riflessione o di polemica, una provocazione.

Tag: , , , ,

Argomento: iOS, Moof!

Commenti (12)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Raoul Filippi ha detto:

    Avrà ragione Angela o i presunti detrattori? Se il 3 novembre ci sarà fila o meno si scioglierà l’arcano (…o forse no)

  2. Raoul Filippi ha detto:

    “Il 3 novembre, la data di commercializzazione del primo iPhone senza tasto Home, osservando cosa succede fuori gli Apple Store sapremo la verità, forse”

    Esatto, hai detto bene, magari non ci sarà fila perché non ci sarà vendita sufficiente a formarla

  3. fra ha detto:

    “Non ero presente al ‘moderabile’ lancio dell’iPhone…” 😉

  4. Antonio ha detto:

    Bisogna, a mio avviso, considerare che in questi ultimi è crollata un pò per tutti la disponibilità economica o, quantomeno, la propensione alla spesa e questo fattore è avulso dalla fede o meno verso il brand Apple.

  5. matteopisano ha detto:

    Ciao, in pratica c’eri in fila tu e i ragazzi di un altro blog campano. 😉
    Detto questo, verrebbe da pensare che fosse quasi un lancio organizzato per voi giornalisti.
    Così non era. E allora… è proprio finita l’era delle code notturne (anche nell’enorme OrioCenter fuori Bergamo, a due passi da dove vivo, code non ce n’erano, stamattina).

  6. Xopotl ha detto:

    Per principio non faccio mai la coda. Non per un prodotto Apple, e ne ho tanti, non per qualsiasi altra cosa.
    Ho visto le code nel DDR e l’Unione Sovietica solo per avere il pane o il latte. E in quei giorni ho giurato che non farò coda per un prodotto di consumo. Compero di sicuro l’iphone X ma solo quando sarà disponibile senza dover fare la coda.

  7. Mario ha detto:

    Finalmente fra mancanza di soldi e mancanza di idee son finite le ridicole file per spendere 900 euro per un telefono. Stessa cosa accadrà per X e accetto scommesse.

  8. Edgardo ha detto:

    Caro Stefano, siamo sicuri che si tratti di una politica deliberata? Dal resto del mondo giungono notizie di negozi vuoti per assenza di interessati all’iphone 8, come quella che trovi a questo link click qui

    Secondo me, aver lanciato un telefono privo di innovazioni essenziali insieme ad uno che si presenta come una svolta epocale e poi mettere in vendita prima il primo è stata una scelta sbagliata. Nessuno probabilmente ha urgenza di cambiare il suo iPhone, chi ha intenzione di farlo vorrà prima vedere l’iphone X per farsi almeno la domanda se valga la pena spendere la differenza di prezzo con l’8. Io la vedo così, inoltre non capisco come possano continuare a tenere in vendita le ancora efficientissime serie precedenti abbassandone il prezzo. Sono scelte che possono rivelarsi dannosissime.
    Grazie per il tuo lavoro!

  9. DrPeople ha detto:

    Contrariamente a quanto letto in altri commenti penso proprio che ci sarà la coda per l’iPhone X… e ci saranno una valanga di critiche …

  10. francesco ha detto:

    meno male che non ci sono code iniziavo a pensare che la gente fosse impazzita, per un po’ di silicio assemblato quattro righe di codice che poi in futuro t’inchioderanno, penso e spero che le priorita’ siano altre d’ora in poi, troppa enfasi per un cell..

  11. Marco ha detto:

    Probabilmente chi ha i soldi per l’iPhone vuole il X. Non ha senso spendere un sacco di soldi per un prodotto inferiore.

Aggiungi un commento