Storico sorpasso: Apple Music ha più abbonati di Spotify in America

| 6 luglio 2018 | 3 commenti

Apple Music integrazioneQuando Apple Music ha fatto il suo debutto nel mercato dello streaming musicale nel 2015, la differenza con il leader di settore Spotify sembrava incolmabile, ma adesso è avvenuto lo storico sorpasso, anche se solo in America: Apple Music ha oltre 20 milioni di abbonati paganti a stelle e strisce, e Spotify segue con una cifra leggermente inferiore.

Non si tratta di una notizia ufficiale, ma quasi, perché la fonte, che è rimasta rigorosamente anonima, è una persona di primissimo livello del settore, ed ha accesso ai dati ufficiali dei vari servizi di streaming musicale. La cifra esatta degli abbonati non è stata rivelata per proteggere sempre la riservatezza della fonte.

All’inizio dell’anno, il Wall Street Journal aveva riferito che negli Stati Uniti, Apple stava guadagnando abbonati ad un ritmo superiore rispetto a quello di Spotify, il 5%, contro al 2% dell’azienda svedese, andamento che se fosse continuato avrebbe permesso ad Apple Music di superare il suo più grande rivale proprio in estate.

Naturalmente, Cupertino ha un vantaggio rispetto a Spotify: la perfetta integrazione tra Apple Music, Mac,  Watch e i dispositivi iOS, e l’enorme popolarità soprattutto di quest’ultimi ha sicuramente dato una mano decisiva a questo storico sorpasso.

Nel mese di maggio, il numero uno di Apple, Tim Cook, aveva fatto sapere che Apple Music aveva più di 50 milioni di utenti in tutto il mondo tra abbonati pagati e ancora utenti ancora in fase di prova gratuita di 90 giorni. Da par suo, Spotify aveva risposto che i suoi abbonati erano 75 milioni.

Tag: , , ,

Argomento: Apple Watch, iOS, Mac

Commenti (3)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Emperor Zurg ha detto:

    Io mi trovo bene con Spotify, secondo me i suggerimenti delle playlist sono migliori. Tu quali usi Uomoragno, e perchè?

    • Stefano Donadio ha detto:

      Secondo me, i due servizi si equivalgono, ho preferito Apple Music per l’integrazione con iTunes, e forse perché indovina un pelino meglio i suggerimenti musicali in base ai miei gusti.

    • Azafuserock ha detto:

      Anch’io ho provato Apple Music ma infine ho deciso di rimanere con Spotify: le playlist sono migliori ed aggiornate meglio. Anche la catalogazione degli album è migliore: su Spotify ogni band ha le sue categorie: album, singoli, compilation, live…. su Apple Music è tutto assieme senza nessuna distinzione. Equivalendosi per qualità musicale (per un ascolto normale) e per brani proposti (con entrambe ho trovato o NON trovato quello che cercavo) alla fine ho scelto Spotify per i motivi suddetti.

Aggiungi un commento