Qualcomm blocca le vendite di iPhone 7 e iPhone 8 in Germania

| 4 gennaio 2019 | 7 commenti

Ban iPhone 8 7 GermaniaQualcomm ha depositato la cauzione di 1,5 miliardi di Euro richiesta da un Tribunale tedesco per poter rendere esecutivo il divieto di vendita degli iPhone 7 e iPhone 8 in Germania, blocco stabilito in seguito ad una sentenza del 20 dicembre scorso con la quale è stata stabilita la violazione di alcuni brevetti di Qualcomm da parte di Apple.

In un primo momento, Tim Cook & C. avevano sperato di aggirare il divieto apportando delle modifiche alla versione di iOS destinata al mercato tedesco, un po’ come è accaduto in Cina per un’altra causa sempre contro Qualcomm. Tuttavia, questo espediente avrebbe risolto il problema solo in parte dal momento che uno dei brevetti di Qualcomm riguarda una tecnologia che aiuta a risparmiare la batteria durante l’invio e la ricezione di segnali wireless, funzionalità integrata in un componete fornito da Qorvo, quindi si tratta di un problema hardware non risolvibile via software. 

Apple ha rifiutato di commentare quest’ulteriore mossa di Qualcomm, ma in occasione della sentenza del 20 dicembre e anche per quella cinese ha rilasciato il seguente comunicato:

“Lo sforzo di Qualcomm di vietare i nostri prodotti è un’altra mossa disperata da parte di una società le cui pratiche illegali sono sotto inchiesta dalle autorità di regolamentazione di tutto il mondo.” 

I legali di Cupertino hanno già fatto ricorso contro la sentenza, e in caso di vittoria la cauzione versata da Qualcomm sarà girata ad Apple. 

La battaglia legale tra le due aziende è iniziata nel gennaio 2017, quando Cupertino ha fatto causa a Qualcomm per aver riscosso indebitamente royalties su tecnologie di cui non deteneva i diritti. Qualcomm da parte sua ha trascinato Apple in Tribunale accusandola di aver passato informazioni riservate sulle sue tecnologie ad Intel, chiedendo un risarcimento danni miliardario.

Tag: , , , , ,

Argomento: iOS

Commenti (7)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. MelaVerde ha detto:

    le mazzette ai governi perché non riescono a fare concorrenza nel mercato in modo normale?

    Pensassero a spendere quei soldi in ricerca e sviluppo visto che Apple, Samsung e pure Huawei fanno di meglio con i loro chip.

    • fra ha detto:

      Mazzetta a un governo? Ma cosa dici???
      Leggi l’articolo di Stefano, è una cauzione a garanzia di Apple che la intascherà nel caso in cui dal ricorso (di Apple) risultasse l’infondatezza della richiesta di blocco (di Qualcomm).

      • Stefano Donadio ha detto:

        Credo che si riferisca ai $700 milioni che Qualcomm ha dato a Taiwan per chiudere un occhio sulla concorrenza sleale fatta nel Paese per quanto riguarda alcune tecnologie. Concorrenza sleale per cui Qualcomm è sotto indagine in USA e in numerosi altre Nazioni.

      • MelaVerde ha detto:

        Fra mi riferisco anche a questo, è facile dire “nel caso di perdita da parte di Qualcomm i soldi vanno ad Apple”. Qualcomm sta facendo l’occhiolino al governo, intanto mettendo soldi nelle loro casse e già c’è un giro di speculazione di banche come una bistecca lanciata in un branco di zombie, ma poi il fatto che dando questi soldi non mi stupirei se ci fosse una tacita intesa ed uno scambio (anche parziale visto che quel miliardino è tanto) di favori come una vera mazzetta.

        Nessuno si ricorda i problemi in Giappone con Apple e Samsung? NTT Docomo (maggior carrier in giappone) vendeva e faceva contratti di prodotti Samsung ai clienti, chi è azionario di NTT Docomo? Il governo Giapponese, chi voleva quindi instradare i giudici per favorire Samsung e quindi i contratti di NTT Docomo? il governo Giapponese.

        Non è complottismo è realismo contro l’idea che i governi siano tutti sempre in buona fede.

        Comunque infatti, Qualcomm non è nuova in questi giochi, dubitare con forza è altamente lecito, con quella cifra possono comprarsi un’azienda o creare nuove divisioni e tecnologie, quindi o sono dei giocatori d’azzardo oppure sono abbastanza sicuri di non perdere quella cifra. Ma anche se fosse tutto in buonafede, davvero Qalcomm per “vincere la guerra dei chip” vuole usare questi mezzucci di bloccare le vendite della concorrenza? Dovrebbero pensare invece a fare prodotti migliori… Un’azienda così mi dimostra soltanto quanto poco importino i clienti e quanto invece tanto importino i soldi e l’aspirazione al monopolio, e con intel come terzo “incomodo”. Mi ricorda il Re leone XD altro che buonafede.

        • CLAUDIO ha detto:

          “… davvero Qalcomm per “vincere la guerra dei chip” vuole usare questi mezzucci di bloccare le vendite della concorrenza? Dovrebbero pensare invece a fare prodotti migliori… Un’azienda così mi dimostra soltanto quanto poco importino i clienti e quanto invece tanto importino i soldi e l’aspirazione al monopolio”.

          Mi pare che Apple stessa abbia intentato in passato azioni legali per bloccare competitor che a loro dire stavano giocando sporco.
          Non potevano fare cose ancora migliori invece che andare in tribunale? Che sciocchezza!
          Per quanto riguarda l’interesse ai soldi e al monopolio mi pare che i filantropi di Cupertino possano fare scuola agli altri… vedi i prezzi e il dedalo di modelli che ci sono in commercio oggi.
          Credo tu sia l’unico a vedere ancora Apple come azienda che vuole bene all’umanità contro tutti gli altri cattivi e pericolosi.

          • MelaVerde ha detto:

            per te è uguale? Apple ha portato in tribunale Samsung per le scopiazzature estetiche e software, nulla a che vedere con un patent troll come Qualcomm che vuole bloccare le vendite di due telefoni in varie parti del mondo.

            Classica frase di un “hater Apple perché si”, senza Apple ci sarebbe il monopolio Android e Windows, persone come te fomentano lo schiavismo tecnologico “hai la vasta scelta di un cavolo”. I prezzi alti per un android invece sono ottimi vero? Tu non hai nemmeno idea di cosa davvero offre Apple, lascia perdere che non ne capisci nulla, per te una Panda e una Rolls Royce sono ugali perché hanno quattro ruote.

            Apple non è una onlus ma di certo non è subdola e ridicola come altre aziende, nel mercato intero solo Xiaomi si distingue per delle particolarità più interessanti che vanno oltre il mero denaro.

          • Stefano Donadio ha detto:

            La situazione in questo caso è un po’ diversa. Qualcomm è proprietaria di alcuni brevetti per le comunicazioni senza i quali non esisterebbero i cellulari, ed infatti sono brevetti FRAND, cioè che devono essere rilasciati in licenza alle altre aziende in base a condizioni eque, ragionevoli e non discriminatorie.

            In Corea del Sud, Qualcomm è stata multata dall’antitrust, grazie anche ad Apple che ha collaborato con le autorità locali. Da allora per ritorsione Qualcomm ha applicato ad Apple prezzi fuori mercato per questi brevetti FRAND, cosa che ha innescato una serie di cause.

Aggiungi un commento