Probabilmente il miglior SSD per Mac, al prezzo più basso di sempre

7 gennaio 2019 ore 07:56 | di | 2 commenti

Se state cercando un SSD di qualità per portare a nuova vita il vostro Mac (occorre almeno una connessione SATA II), e contemporaneamente desiderate anche avere un occhio al portafoglio, allora potrebbe fare al caso vostro il SanDisk SSD Plus da 480GB di Western Digital che grazie all’Offerta del giorno di Amazon si può acquistare a €68 invece di €143(- 42%), il prezzo più basso di sempre.

In realtà, sempre per questa giornata speciale di sconti ci sono in offerta anche alcuni SSD di Samsung, ma a differenza di quelli prodotti da SanDisk non sono compatibili al 100% con TRIM, una tecnologia fondamentale per mantenere il disco sempre efficiente e veloce.

Fino a qualche anno fa, SanDisk forniva SSD esclusivamente ad aziende come Apple, ma recentemente ha deciso di dedicarsi anche al mercato “al dettaglio” con prodotti che si distinguono per la buona velocità, e soprattutto per l’affidabilità nel tempo.

Rientra tra questi l’SSD Plus che utilizza la collaudata tecnologia nCache di SanDisk. Senza entrare troppo nei tecnicismi, è un sistema che permette a ogni SSD con memoria MLC NAND di comportarsi come se avesse memoria SLC, garantendo così maggiori prestazioni, e una migliore affidabilità nel lungo periodo.

SanDisk Plus MacBook Pro

L’importanza di TRIM
TRIM è importante perché consente a OS X di indicare i blocchi che non sono più in uso in un’unità a stato solido, come ad esempio i blocchi liberati dopo l’eliminazione di uno o più file. Generalmente, l’operazione di cancellazione di OS significa che i blocchi data vengono contrassegnati come non in uso. TRIM permette al sistema operativo di passare questa informazione al controllore dell’SSD, il quale altrimenti non sarebbe in grado di sapere quali blocchi eliminare. Senza TRIM, un drive SSD può diventare progressivamente più lento nel tempo, e più lento a scrivere i nuovi dati.

A partire da OS X 10.10.4 Yosemite, Apple ha aggiunto il supporto TRIM anche per le unità a stato solido di terze parti, che però deve essere abilitato manualmente seguendo una facile procedura che trovate in quest’altro articolo click qui.

Tuttavia, c’è un bug in alcuni SSD di una manciata di produttori che possono causare la perdita di dati se TRIM è abilitato, e nell’elenco figura tutta la serie Samsung SSD 8*, incluso anche l’EVO 850, che come anticipato è in sconto per il Black Friday.

Gli svantaggi di Garbage Collector
La maggior parte dei produttori di SSD, come Samsung, utilizza una tecnologia equipollente chiamata Garbage Collection, che aiuta a mantenere prestazioni ottimali liberando settori di memoria che non sono più in uso. Garbage Collection fa parte integrante del firmware dell’SSD, quindi il suo funzionamento non dipende dal sistema operativo del computer.

L’unica “seccatura” di Garbage Collector è che non solo bisogna disabilitare lo Stop del Mac perché questa tecnologia funziona solo quando l’SSD è inattivo, ma per portare a termine il lavoro di “pulizia” sono necessarie 6-8 ore, e in molti lasciano il computer accesso di notte per questo motivo. Per questo motivo è decisamente più pratico ed efficace abilitare TRIM.

Tutorial per sostituire l’hard disk
Per sostituire l’hard disk del vostro Mac potete seguire le istruzioni del famoso sito americano iFixIt, che ha pubblicato dei tutorial fotografici facili da seguire per la maggior parte dei computer Apple.

Approfondimenti: , , , ,

Argomento: Mac

Commenti (2)

RSS commenti

  1. Jax ha detto:

    Scusa ma dall’elenco citato non si capisce bene quali sono gli SSD con questo problema, oltre ai samsung serie 8 quali altri? dove trovo un elenco piu comprensibile?

Aggiungi un commento