Phone Drive trasforma i dispositivi iOS in pen-drive wireless, gratis per poche ore

15 febbraio 2019 ore 14:41 | di | 11 commenti

Phone Drive IPhone pen drive

Se per molti un limite dei dispositivi iOS di Apple è l’impossibilità di collegarli ad un computer per importare e/o trasferire file, questa barriera cade grazie all’ingegnosità degli sviluppatori. Tra le numerose app disponibili su App Store che permettono di trasformare l’iPhone e l’iPad in un hard disk esterno, merita una menzione a parte Phone Drive, e non solo perché per alcune ore si può scaricare gratuitamente (abitualmente costa 2,29 €).

L’app si distingue per la facilità d’utilizzo perché è praticamente zero-configurazione, come si dice in questi casi. Infatti, dopo averla installata sul proprio iPhone o iPad, non bisogna fare altro che collegarsi alla stessa rete Wi-Fi del Mac (o PC) e da qui lanciare Safari, quindi digitare nella barra del browser l’indirizzo IP che trovate toccando il pulsante con l’icona di due freccette che si trova in basso a sinistra della schermata principale Phone Drive (dal menu a comparsa selezionate “Mac/PC File Transfer).

Da Safari su Mac non rimane che trascinare con un drag-and-drop i file che desiderate trasferire sul dispositivo iOS nell’apposito riquadro, e dalla stessa schermata è possibile anche scaricare sul computer quelli presenti sull’iPhone e l’iPad. Phone Drive supporta i documenti di Office, iWork, Text, PDF e HTML; i file audio in formato WAV, MP3, M4A, CAF, AIF, AIFF, e AAC che può perfino riprodurre in background; video MP4, MOV, MPV, M4V e molto altro ancora. Ovviamente, lo spazio d’archiviazione dell’app dipende da quella del vostro dispositivo iOS.

Phone drive desktop

La sincronizzazione tra dispositivi iOS è possibile se su entrambi è installato Phone Drive, e chi lo desidera può sincronizzare i file anche con il servizio cloud preferito (a pagamento).

Infine, toccando il pulsante Settings (ml primo in basso a destra della schermata principale), e poi selezionando File Sharing/Authentication è possibile proteggere con user name e password l’accesso Wi-Fi al dispositivo, e nascondere da occhi indiscreti i file archiviati nell’app con un codice o il Touch ID (Settings/Passcode Lock). Phone Drive, richiede almeno iOS 6.0

Approfondimenti: , ,

Argomento: iOS

Commenti (11)

RSS commenti

  1. Massimiliano ha detto:

    Ma quante cose deve fare il mio Iphone? Già gli rompo le scatole tutto il giorno con continue richieste.
    Scherzo… grazie Spider-Mac.

  2. Lostcat ha detto:

    Uso questa ottima app da alcuni anni. Tra le varie funzionalità è anche un archivio per files audio (comprensivo di riproduttore musicale) esterno ad iTunes/Apple music.

  3. dataghoul ha detto:

    L’ho appena scaricato e non è gratis, o meglio lo è la sola versione “lite”, che è quella che viene scaricata in automatico; se si vuole la versione completa (che ho comunque acquistato, perché il programma è ottimo), il prezzo è quello indicato nell’articolo, di 2,29 euro.

    • Stefano Donadio ha detto:

      Phone Drive Lite permette di salvare solo 10 file.

      Phone Drive (la versione dell’articolo) non ha questo limite, è senza pubblicità, e normalmente costa €2,29.

      Il prezzo di €2,29 come acquisto in-app sblocca i servizi cloud che non sono necessari per trasformare l’iPhone o iPad in una pen-drive wireless.

  4. Andrea Catoni ha detto:

    Peccato che il Cloud Service è a pagamento….

  5. Christian ha detto:

    Il punto è un altro: se passi da uno smartphone da 32GB di capacità, oggi è il minimo, al taglio superiore ti generi una spesa da 100 euro. Siamo al tempo in cui ti danno il cloud illimitato a 10 euro annui e con 6 euro di spesa mensile un traffico dati da 50GB. Secondo voi conviene?

  6. fra ha detto:

    “… che si trova in basso a sinistra …”
    Sul mio SE è in basso a destra 🙂

  7. Giacomo ha detto:

    Gli icloud sono una “buff@nata” mangia soldi. A parte il costo, ma i tempi biblici che occorrono a caricare e scaricare i files!!!

  8. Paoloo ha detto:

    Preferisco Documents di Readdle, fa lo stesso, è più curata, in più permette di accedere ai propri profili cloud storage.

  9. Tonino ha detto:

    Avevo già questa applicazione ma poi l’ho tolta perché probabilmente non la utilizzavo. Così su App Store mi è apparsa la nuvoletta con la freccia (forse quando, in precedenza, si è già scaricata l’app appare questo simbolo?) e l’ho riscaricata. Solo una curiosità: che differenza c’è tra fare il trasferimento di fie tra iPhone e Dropbox (ad esempio) e tra iPhone e Mac? Grazie

Aggiungi un commento