Zuckerberg promette di far diventare Facebook una “piattaforma focalizzata sulla privacy”, e lo dice senza ridere

| 7 marzo 2019 | 3 commenti

Mark Zuckerberg pinocchio

“A privacy-focused vision for social networking”, questo il titolo di un lungo post pubblicato da Mark Zuckerberg, CEO di Facebook.

Facebook, Instagram e WhatsApp andranno a formare una piattaforma social focalizzata sulla privacy. L’indiscrezione fatta trapelare all’inizio dell’anno dal Wall Street Journal era quindi esatta.

“Renderemo possibile l’invio di messaggi ai propri contatti usando qualsiasi dei nostri servizi, e prevediamo di estendere questa interoperabilità anche agli sms” scrive Zuckerberg, che spiega: “ci sono vantaggi in termini di privacy e di sicurezza nell’interoperabilità”.

La nuova, e poco credibile svolta di Facebook, che ora si erge a paladino della privacy, si basa su “sei pilastri”: interazioni private (a tenuta stagna), crittografia (il sistema end-to-end che protegge le comunicazioni), riduzione del tempo di permanenza (la durata di messaggi e storie), sicurezza, interoperabilità (la possibilità di comunicare in modo sicuro da un network all’altro), archiviazione dati sicura (la protezione delle informazioni per evitare un uso improprio, in ottemperanza ai regolamenti vigenti a seconda del Paese).

“Credo che il futuro della comunicazione si muoverà sempre di più su servizi criptati e privati con cui le persone possono essere più fiduciose che quello che si dicono resti sicuro e che il loro messaggi e contenuti non resteranno in circolazione per sempre”, afferma il numero uno di Facebook.

P.S.

Il titolo di questo articolo è preso in prestito da un tweet di Paolo Attivissimo.

Tag: , ,

Argomento: Varie dalla Rete

Commenti (3)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Ivan ha detto:

    Possiamo ridere in coro? Stereo? Dolby? DTS?

    Oramai i dati non li ruba li prende con il consenso dei suoi navigatori.

  2. Nico ha detto:

    Ahaahahhaahahah

  3. Massimiliano ha detto:

    Facebook & C. e Privacy sono termini antitetici

Aggiungi un commento