Accadde oggi: Psystar inizia la spedizione dei Mac cloni

| 27 aprile 2019 | 3 Comments

Mac clone27 aprile 2008 Psystar ha iniziato la vendita di un nuovo computer in grado di eseguire Mac OS X Leopard – in altre parole, un clone del Mac.

“Perché spendere $1999 per avare il più costoso computer Apple con una scheda video decente quando si può pagare meno di un quarto di quella di un equivalente elegante e piccolo desktop con lo stesso hardware”, spiega una nota sul sito web del produttore.

La configurazione base $399 per il clone del Mac denominato “Open Computer Smart” prevede un processore 2.2GHz Intel Core 2 Duo E4500; 2GB di memoria DDR2 667; scheda grafica integrata Intel GMA 950; unità ottica 20x DVD + /-R; e 4 porte USB.


Lo “Smart” così configurato è un diretto concorrente del Mac mini, che si presenta con un processore 1,83GHz Intel Core 2 Duo; 1GB di memoria, un disco rigido da 80GB e costa $599 (€599).


Psystar non è la prima azienda a fare un clone del Mac. Apple consentì la produzione di un numero limitato di computer con preinstallato Mac OS a metà degli anni ‘90, ma al suo ritorno dopo 10 anni di esilio, Steve Jobs pose fine ai Mac cloni.


Il 3 luglio dello stesso anno, tramite lo studio legale Townsend and Townsend and Crew, Apple ha citato presso il Tribunale di San Francisco la Psystar per violazione del Diritto d’autore.


“Prendiamo molto seriamente la cosa quando riteniamo che qualcuno abbia rubato la nostra proprietà intellettuale”, riferisce lapidario un portavoce Apple.


Un dipendente Psystar, identificatosi solo con il nome di Robert, risponde che Cupertino viola la Legge americana sui monopoli non consentendo l’installazione del suo software su hardware non Apple.

A metà dicembre del 2009 arriva la sentenza del Tribunale che vieta alla Psystar la commercializzazione dei Mac cloni o di aiutare in qualsiasi modo altre persone a violare il copyright di Cupertino, e stabilisce un risarcimento danni di $2,67 milioni in favore di Apple.

Tag: , , ,

Argomento: Senza categoria

Commenti (3)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Batman Vintage ha detto:

    Ma che speranze avevano quelli della Psystar di cavarsela?

    • Stefano Donadio ha detto:

      Infatti all’inizio si pensava addirittura ad una cospirazione, si era arrivati a sospettare che dietro la Psystar ci fosse qualche grossa azienda che voleva mettere in difficoltà Apple.

  2. iRicky66 ha detto:

    ma alla fine i $2,67 milioni la Apple li ha presi? E coma ha fatto la Psystar a pagarli?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *