Accadde oggi: L’inizio della fine del Newton

| 22 maggio 2019 | 0 commenti

MessagePad 2000 PDA22 maggio 1997 La divisione Newton di Apple viene scorporata per creare una azienda separata sotto la guida del vice presidente del Newton Systems Group con la carica di Chief Operating Officer (COO).

L’obiettivo della nuova società è vendere il nuovo MessagePad 2000 PDA, e sviluppare nuove tecnologie:

“Abbiamo un solido business plan e un forte team manageriale in grado di ottimizzare il valore della tecnologia di Newton per utenti aziendali e potare la tecnologia Newton in una nuova era,” spiega Bennett.

Invece, è solo l’inizio della fine del Newton.

Il primo Newton era stato lanciato nel 1993, ma non aveva mai impressionato il mercato per via di alcuni difetti, il più grave riguardava la tecnologia per il riconoscimento del testo, al punto che il Newton fu anche preso in giro in una puntata dei Simpson.

Nel 1995 gran parte di questi difetti erano stati risolti con il rilascio del MessagePad 120 e di NewtonOS 2.0.

Nel 1997, il MessagePad 2000 era sicuramente un buon prodotto, indubbiamente il miglior Newton realizzato da Apple anche grazie ad una serie di miglioramenti hardware, come un display più grande ad alta risoluzione (480 per 320 pixel, rispetto al 320 per 240 del precedente modello), e un processore più potente e parsimonioso d’energia.

Applenewton emate300Nello stesso mese, Apple introduce anche l’eMate 300 uno dei prodotti più interessanti della linea Newton: un PDA di $800 con una tastiera incorporata e design a conchiglia colorata e sinuosa, un anticipo dei futuri iMac G3 e iBook, inizialmente destinato al mercato dell’istruzione.

Sempre nel corso del 1997, Steve Jobs  torna in Apple (anche se non ancora come CEO), e lo scorporo della divisione Newton è considerata da molti come una buona cosa, il Newton non era ancora una miniera d’oro per Apple, ma l’interesse per dispositivi mobili stava crescendo.

“Lo scorso anno, abbiamo visto il gruppo di sistemi Newton lanciare prodotti straordinari, basati sul sistema operativo Newton,” spiegava l’allora CEO di Apple, Gil Amelio. “Crediamo che il momento è giusto perché il gruppo sia un entità a parte. Questa decisione consente alla nuova filiale di svolgere la propria attività e generale vendite di cui ha bisogno per avere successo”.

Newton logoInsieme a Sandy Bennett come COO (nessun CEO verrà mai nominato), 130 dipendenti di Apple vengono trasferiti a lavorare presso l’azienda autonoma di Newton, che si dota anche di un proprio logo, Consiglio di amministrazione e una propria sede a Santa Clara.

Con il comunicato stampa del 22 maggio, Apple spiega che la transizione si sarebbe completata entro il 30 giugno 1997. Poiché Apple era ancora in rosso, l’ambizione era quella di guadagnare ulteriori investimenti per la divisione Newton e di diventare una azienda quotata in Borsa entro due anni.

La nuova società rilascia il Newton MessagePad 2100 alla fine del 1997, ma Steve Jobs torna alla guida di Apple sostituendo Gil Amelio, e all’inizio del 1998 annuncia la fine dello sviluppo del Newton.

“Questa decisione è coerente con la nostra strategia di concentrare tutte le nostre risorse di sviluppo software del sistema operativo Macintosh. Per realizzare i nostri piani ambiziosi dobbiamo concentrare i nostri sforzi in una direzione.”, spiegò Steve Jobs

Solo 30 di 130 dipendenti che erano stati spostati alla Newton Inc rimasero con la società. Gli altri erano stati spostati in un altro prodotto Apple top-secret, che arriverà solo due anni più tardi,  l’iBook prima generazione sullo stile dell’eMate 300e.

Steve jobs imac 1998

Secondo molti, a Steve Jobs il Newton non piaceva anche perché era una idea di John Sculley, il CEO di Apple che nel 1985 lo licenziò. Sebbene Sculley sia stato CEO di Apple solo all’inizio della commercializzazione del Newton, lo sviluppo iniziale del dispositivo era avvenuto sotto la sua guida.

La decisone di Steve Jobs non era sbagliata o irrazionale, infatti in quasi 4,5 anni di commercializzazione, il Newton aveva venduto meno di 300.000 unità, nonostante molteplici aggiornamenti hardware e software, e il continuo sviluppo. Come hanno dimostrato gli anni che seguirono, Jobs era interessato a prodotti più commerciali che avrebbero riscosso un grande successo.

Molto più tardi, Steve Jobs sviluppo l’idea di un dispositivo intelligente, basato su app mobile che cambierà la vita di tutti noi, l’iPhone.

Tag: , ,

Argomento: Accadde oggi

Aggiungi un commento