Accadde oggi: Apple II è disponibile sul mercato

| 5 giugno 2019 | 3 commenti

Original Apple II 1997

5 giugno 1977  Il primo Apple II, il personal computer che farà grande Apple, è in vendita.

Precedentemente l’Apple II era stato mostrato con uno spettacolare Keynote di Steve Jobs a poche migliaia di fan scatenati nel corso del West Coast Computer Faire (un’esposizione nata per presentare al grande pubblico i prodotti emergenti dell’industria dell’informatica, la prima si è svolta nel 1977 e l’ultima nel 1983).

L’arrivo di Apple II significa che “le masse” possono finalmente mettere le mani sulla macchina. Un’unità base costa $ 1.298, l’equivalente di $ 5.237 di oggi.

Anche se Apple aveva realizzato in precedenza l’Apple I, l’Apple II è stato il primo computer importante per l’azienda fondata dai due Steve. L’Apple I non generò enormi volumi di vendita, del resto era stato pensato da Steve Wozniak per condividerlo con i suoi amici del Homebrew Computer Club, anche se in seguito si dimostrò una miniera d’oro grazie all’intraprendenza di Steve Jobs.

Apple II 02 780x500

L’Apple II era diverso. Sebbene gli utenti dovevano ancora procurarsi un monitor, il computer vantava molte caratteristiche delle macchine successive di Apple. Il case, considerato all’epoca di pregio, era stata disegnato da Jerry Manock, che in seguito ha contribuito a realizzare il primo Macintosh.

In anticipo sui tempi

La dotazione dell’Apple II: processore MOS 6502 da 1MHz, tastiera integrata, un ambiente di programmazione BASIC, memoria espandibile (da 4K a 48K), scheda audio, otto slot di espansione.e soprattutto era in grado di visualizzare grafica a colori, 

Nel 1977 un computer delle dimensioni dell’Apple II con tutte queste caratteristiche era considerato altamente innovativo, ed anche per questo motivo è considerato il primo personal computer.

Inoltre, sebbene oggi possa sembrare “bizzarro”, l’Apple II veniva offerto anche come semplice scheda madre, senza tastiera, alimentatore, o case, per accontentare lo spirito hobbystico e hacker dell’epoca.

A disposizione degli utenti c’era anche una interfaccia per le cassette audio per lanciare applicazioni e archiviare dati. Poi, circa un ano dopo, in sole due settimane, lavorando anche il giorno di Natale, Steve Wozniak realizza praticamente da solo l’unità floppy disk Disk II, che permette agli utenti di rimpiazzare le lentissime cassette audio con i più veloci floppy disk.

Un paio di anni più tardi, grazie al primo esempio di “killer app”, il VisiCalc, il primo foglio di calcolo, l’Apple II si diffonde come personal computer anche tra gli utenti business. Questo improvviso successo della “home computer” spiazzò letteralmente le aziende di tecnologia mondiali, e costrinse IBM ad una corsa frenetica per sviluppare il proprio PC IBM.

Tag: ,

Argomento: Accadde oggi

Commenti (3)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Giancarlo ha detto:

    Il primo mac pro modulare

  2. Daniele ha detto:

    si…. solo che il primo mac sarebbe arrivato dopo… non ricordo bene la time line apple, forse all’uscita dell’apple II c’era o stava per uscire il Lisa, la mamma dei Mac…
    Il bello della serie della serie Apple II erano gli slot d’espansione, anche se poi uno era occupato dalla scheda/controller del lettore dei floppy, il disk 2 (una scheda che poteva comandare fino a 2 lettori), che in genere era lo slot 6…. ricordo che se volevi far partire il lettore senza riavviare la macchina, la stringa di comando era “pr#6″…. e se avevi 2 floppy disk dovevi digitare “pr#6,d1” per il primo floppy e “pr#6,d2” per il secondo… idem se avevi il DuoDisk, il cassettone unico con i 2 floppy
    Io sono diventato un Apple User muovendo i primi passi con l’Apple //e… l’ho ancora, ed ogni tanto lo accendo e ci gioco ancora 😉

Aggiungi un commento