Recensione: MacBook Air 2017, la migliore scelta per studenti, a €899

| 10 giugno 2019 | 17 commenti

MacBook Air 2017 A

Una domanda ricorrente che ricevo dai genitori è quale portatile acquistare per i loro figli che si apprestano ad iscriversi all’Università in autunno, oppure alle scuole superiori.

Come per ogni acquisto che riguarda la tecnologia, non c’è una sola risposta. Tutto dipende dalla persona che sta per usare il computer e di cosa ha bisogno. Fatta questa premessa, e ad eccezione degli studenti che scelgono di iscriversi a facoltà tecniche come ingegneria, il modello di portatile che suggerisco è il vecchio e caro MacBook Air 13” del 2017 ancora in listino o il MacBook Air Retina 13″ del 2018.

Porte legacy

Il MacBook Air 2017 non è sicuramente potente per i nerd dei computer, ma per la maggior parte degli usi va bene, soprattutto è l’ideale per un ambiente decisamente poco tecnologico come quello dell’istruzione italiana. Tutti i portatili Apple d’ultima generazione utilizzano solo porte Thunderbolt 3/USB-C, e per molti anni ancora sarà abbastanza difficile che in una scuola superiore, ma anche in una Università, studenti e professori si scambino i file utilizzando una pen drive o un hard disk USB-C. È vero che esistono gli adattatori, ed anche HUB USB-C con vari tipi di connessioni, ma vanno bene per usi sporadici, non nella quotidianità.

MacBook Air confronto

Ed è qui che entra in gioco il MacBook Air 2017 con le sue porte legacy: 2 USB 3.0, 1 porta Thunderbolt 2, 1 slot per schede SDXC, e il compianto alimentatore MagSafe che si stacca quando il filo del caricabatteria viene urtato evitando cadute rovinose.

Il display non-Retina retroilluminato LED da 13,3” con risoluzione 1440×900 pixel potrebbe sembrare un punto debole, ma è difficile che tra i compiti da fare a casa ci sia quello di girare e montare video-documentari 4K, e i filmati girati per divertimento generalmente vengono gestiti direttamente dallo smartphone. In ogni caso, con il MacBook Air 2017 si possono tranquillamente montare video o gestire file di grandi dimensioni, ma nell’utilizzo prolungato, ad un certo punto il processore Intel Broadwell di quinta generazione andrà più lentamente rispetto al Amber Lake di di ottava generazione.

MacBook Air 2107 porte

MacBook Air, MacBook Air Retina o MacBook?

Il MacBook Air 2017 è più grande rispetto all’Air 2018 e al MacBook 12″, ma pesa 1,35 kg, cioè 20 grammi in meno rispetto al MacBook Pro 13” senza Touch Bar, appena 100 grammi in più rispetto al MacBook Air 2018, e 430 g. In più rispetto al campione dei pesi piuma MacBook, e questo la dice lunga su quanto il progetto dell’Air 2017 fosse in anticipo sui tempi quando fu presentato da Steve Jobs nel 2008 (10 anni fa!).

A differenza del MacBook 12″ che punta tutto sulla leggerezza a discapito della funzionalità (ha una sola porta USB-C), il MacBook Air 2018 fornisce un migliore equilibrio tra dimensioni e funzionalità grazie alle due porte Thunderbolt 3/USB-C, in questo modo è possibile ricaricare il portatile quando l’altra porta deve essere utilizzata. Ma come anticipato, a scuola e all’Università è meglio poter disporre di tutte le porte legacy del MacBook Air 2017.

Per i genitori nerd che desiderano acquistare ai propri figli un Mac, ma sono titubanti per i prezzi, c’è una buona notizia, infatti al momento Amazon sta offrendo il MacBook Air 13” 2017 a €899 (-20%) invece di €1.129, in pratica si risparmiano €230.

Confronto MacBook Air MacBook

Tastiera a isola

Il MacBook Air 2017 è l’unico tra i portatili Apple ad non utilizzare la tastiera con meccanismo a farfalla (o butterflay), che ha numerosi pregi ma un difetto: è arrivata alla quarta generazione nel tentativo di risolvere il problema dei tasti appiccicosi o che non rispondo correttamente per via della polvere e dello sporco che ostacolano la corsa dei tasti. Il problema è meno grave di quello che sembra, Apple ha avviato un programma di sostituzione gratuito delle tastiere butterfly prolungando anche la garanzia, ma nessuno si è mai lamentato della tastiera del MacBook Air 2017 con il collaudassimo meccanismo “a isola” (island-style keyboard).

MacBook Air Mojave

SPIDER-LAB Benchmark

I test del laboratorio di Spider-Mac confermano una certa anzianità del progetto per quanto riguarda il MacBook Air 2017, che tuttavia è nell’elenco dei Mac compatibili con la prossima versione di macOS Catalina che sarà rilasciata in autunno.

Finder: il test è costituito da tre prove. La prima consiste nella duplicazione di 2GB di file, il secondo prevede la compressione (ZIP) di una cartella con 6GB di documenti, e l’ultima prova la decompressione (unZIP) dell’archivio della cartella di 6GB. I test di duplicazione e di decompressione permettono di valutare la velocità della memoria interna del sistema. Naturalmente, i Mac dotati di memoria flash, sono molto più prestanti rispetto a quelli con hard disk tradizionali. La compressione di una cartella sforza più la CPU rispetto alla velocità del disco. 

MacBook Air benchmark 2017

Foto: che sostituisce il test di iPhoto, comporta l’importazione di 500 foto in formato JPEG. Questa prova mette sotto stress la velocità del disco e quella del processore.

Lightroom: il test di Lightroom, che sostituisce quello che veniva effettuato con Aperture, prevede l’importazione 200 foto RAW, che poi vengono processate. La prova serve per verificare la velocità dell disco rigido e quella del processore.

Photoshop Creative Cloud: il test consiste nell’eseguire una serie di script e azioni con varie fotografie che in totale pesano 100 MB. La velocità dei processori, della RAM, e dell’hard disk entrano in gioco in questo test.

MacBook Air 2007 test 2

iMovie: per il test è stato utilizzato un filmato registrato in Time Lapse con iPhone 8 Plus, a cui è stato applicato la funzionalità Migliora di iMovie, e poi esportato il progetto come filmato QuickTime 720p.

iTunes: è stata convertita una playlist di 14 brani in formato AAC/iTunes Plus in MP3 alta qualità (160 kbps). Anche in questo caso il test mette alla prova la capacità del processore e la velocità d’accesso al disco.

HandBrake: il test prevede la codifica di un video da formato standard a quello specifico per iPad utilizzando le impostazioni di default dell’applicazione. HandBrake è una delle poche applicazioni che sfrutta appieno tutti i vari core del processore. 

Cinebench R15: il test permette di isolare la CPU del Mac. Come HandBrake e MathematicaMark, il test Cinebench CPU può sfruttare appieno tutti i thread del processore del Mac.

Mathematica Mark: come Handbrake e il test della CPU di Cinebench, MathematicaMark sfrutta tutti i core del processore disponibili.

MacBook Air 2007 test o3

Heaven e Valley: sostituisce il test che veniva effettuato con un gioco specifico di riferimento. Inizialmente, è stato utilizzato Doom, il cui motore grafico veniva adoperato anche per altri videogame. Divenuto obsoleto Doom, è stato utilizzato Portal 2. Tuttavia, con la rapida evoluzione dei giochi, per avere un unico e costante riferimento nel tempo, la scelta è ricaduta su quest’altro tipo di test, che consiste in varie prove eseguite con differenti risoluzioni. I test servono per misurare quanto una scheda grafica sia in grado di gestire i moderni videogame 3D. La potenza della CPU ha solo un ruolo marginale in termini di prestazioni in questo caso, perché i test sono stati studiati per mettere sotto stress la velocità della GPU. I punteggi di questi test sono espressi in frame rate (in fotogrammi al secondo).

MacBook Air 2007 test 04

Considerazioni finali

Uno studente delle scuole superiori ha bisogno di un portatile nuovo? Certamente no. Generalmente in famiglia si tramandano portatili e iPad per diversi anni, quindi un computer che può non andare più bene per un adulto, invece potrebbe fare al caso di un liceale o di un universitario. In alternativa si può comprare un portatile usato, ad esempio un vecchio MacBook Pro non Retina con un SSD al posto del lento hard disk meccanico e con un po’ di RAM in più dovrebbe essere in grado di assolve al suo scopo per molti anni ancora. Ma, come sempre, dipende dai bisogni di ogni studente. Se si utilizza Google Documenti oppure Microsoft Office si ha tutto ciò che è necessario, i requisiti di sistema sono terribilmente bassi.

MacBook Air test

Ma, preferendo acquistare un Mac nuovo per uno studente, credo vi siano due opzioni: il MacBook Air 13” del 2017 o il nuovo MacBook Air 13” Retina 2018. Quest’ultimo garantisce una maggiore longevità grazie all’hardware più nuovo, mentre il primo dovrebbe risultare di gran lunga più pratico. Sempre su Amazon, al momento il MacBook Air 2018 è in offerta a €1.249 (-9%), quindi acquistando l’Air 2017 si risparmiano €349, più i soldi per i vari adattatori che non bisogna comprare.

Punteggio (da 1 a 5):
Pro: numerose porte di collegamento; dimensioni e peso accettabili nonostante l’anzianità del progetto; adatto un utilizzo base che non richiede l’uso di applicazioni “tecniche”; prezzo conveniente su Amazon.
Contro: hardware del 2015; display non-Retina. 
Prezzo:
€899 su Amazon, spedizione inclusa con Prime; €1.129 su Apple Store, inclusa spedizione.
Produttore:
Apple.

Tag: , , ,

Argomento: Mac

Commenti (17)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. massimo ha detto:

    Io l’ho acquistato in offerta a 899€ l’altro anno e devo dire che, non avendo necessità professionali estreme – uso moderatamente programmi di grafica, filemaker e poco altro – devo dire che il suo onesto lavoro lo fa dignitosamente. L’unico punto debole è lo schermo: è una mezza ciofeca! Poi uno si adatta perché costa “poco” e se lo fa andare bene però a questa cifra i PC hanno schermi migliori. Promosso a pieni voti x tutto e bocciato a pieni voti x lo schermo!

  2. Power Geek ha detto:

    Abbiate pazienza, ma con gli stessi soldi si acquista un notebook Dell XPS 13 con Intel Core i7 di ottava generazione con un display FHD 1.920 x 1.080. La solita Apple, prezzi esagerati per un hardware vecchio

    • Power Geek ha detto:

      dimenticavo, e il design è uguale all’Air Retina con display a filo.

    • MelaVaa ha detto:

      possiedo mac con doppio sistema operativo e pc only windows con hardware molto similare ai mac (perché presi vicini fra loro come tempistiche) . I windows girano molto peggio, come se confrontassi un computer comprato oggi e uno di 10 anni fa questa la differenza tra macOS e windows è questa (e lo dico con 23 anni di pc e mac alle spalle).
      Windows purtroppo soffre de “l’effetto camion”, un camion può avere anche 700cv ma sono convinto che una Lotus da 200cv risulti più veloce e prestante.

      ps. il Dell i7 costa il doppio su amazon, quindi non proprio allo stesso prezzo e per girare nelle prestazioni giornaliere come un mac che costa la metà… contento tu.

  3. Andrea ha detto:

    Bella e completa recensione, come tutte del resto. Devo farla leggere ad un amico che deve acquisatre un portatile al figlio 15enne.

  4. ilfolle ha detto:

    io ho un air del 2017 e per l’uso che ne faccio si comporta davvero bene, in più ha una batteria davvero eterna.
    confermo la recensione di Stefano, con l’aggiunta che il magsafe non lo cambierei con nulla al mondo

    Luca

  5. Luca Di Gialleonardo ha detto:

    Io sto ancora con un Air del 2013 e sto alla grande. Ho dovuto solo cambiare la batteria. Mi ci è caduta sopra una bottiglietta d’acqua e l’unica problematica è stata il fatto che non funziona più la retroilluminazione. Ma per il resto è ancora più potente di un pc windows appena comprato.

  6. joseph6819 ha detto:

    Capita proprio a fagiolo, ma volendo comprare l’air 2018 retina da 128GB, nel tempo potrò sostituire l’SSD post garanzia o é tutto integrato e quindi impossibile?…

  7. Massimo ha detto:

    Salve! Scusate capisco la domanda stupida , forse mi é sfuggito nella recensione o nei commenti. Volevo semplicemente sapere se il Mac book air 2017 ha la mela Che si illumina. Grazie

  8. Antonoo ha detto:

    Guardate io il modello macbook air 2017 l’ho acquistato l’anno scorso non so come ma ad un prezzone 799 mi pare o anche meno. ma cmq ho dire che mi trovo benissimo è dire poco. Premetto che ho avuto una marea di PC sempre molto potenti e me li so assemblare. devo dire che questo modello è un qualcosa di super riuscito. per una marea di motivi, le porte tutte utili la durata della batteria, anche lo schermo non è cosi male, mi spiego, il portatile è possibile utilizzarlo collegato a un monitor UHD con definizione retina, la velocità della CPU Core i5 e la ram da ben 8GB con una durata grazie allo schermo meno risoluto, ma sicuramente soddisfacente cmq un design migliore mela che si illumina davvero stupendo, ed infatti ad un anno e più è ancora in vendita a prezzi allucinanti per il mercato windows . l’ultimo ha due porte in croce, assurdo, un display sicuramente migliore ma autonomia sotto la media, nn vedo questa avanzamento anzi. Sarà ma preferisco di gran lunga il penultimo modello. Il macbook Air 2018 è castrato troppe porte mancanti, non ha un lettore SD ma scherziamo, comodissimo. ma dai ragazzi….. ma come si fa nel 2019 ad andare in giro con mille milla adattatori..

Aggiungi un commento