Accadde oggi: Apple chiude MobileMe, uno dei rari fallimenti di Steve Jobs

| 1 luglio 2019 | 2 commenti

MobileMe xlarge 640x5361° luglio 2012 Apple chiude il servizio web MobileMe, spingendo gli utenti a passare a iCloud.

Lanciato nel 2008, MobileMe era un’abbonamento di servizi online e software creato da Cupertino. Includeva funzionalità come Trova il mio iPhone, una galleria di foto, chat, calendario online, archiviazione e altri servizi basati su cloud.

Dopo quattro anni durante i quali il servizio non ha mai funzionato bene o comunque non come ci aspetterebbe da un prodotto Apple, Steve Jobs decise di staccare la spina, dando la possibilità agli utenti MobileMe fino alla fine di luglio per rimuovere i dati.

Precursore di iCloud, è stato il primo vero tentativo di Apple di offrire un servizio in abbonamento basato su cloud. A differenza dell’iCloud di oggi, MobileMe costava €99 all’anno o €149 per un Family Pack. 

MobileMe faceva parte della strategia di “digital hub” di Steve Jobs, annunciata dopo il suo ritorno in Apple alla fine del 1990. Il primo esperimento di abbonamento di servizi internet risale 2000 con il lancio di iTools che offriva gratuitamente l’esclusiva email @mac.com, l’iDisk, e HomePage che consentiva di creare una pagina web personale in 10 minuti a chiunque. Nel 2002, .Mac sostituì iTools e divenne a pagamento, quindi con MobileMe furono ampliati i servizi offerti per estendendolo anche ad iPhone e iPod touch.

Sulla carta, sembrava fantastico, ma già dal 4 agosto 2008 — solo un mese dopo il lancio — Jobs fu costretto a scusarsi per i numerosi disservizi.

“È stato un errore effettuare il lancio di MobileMe contemporaneamente con iPhone 3G, iPhone 2.0 software e App Store,” scrisse Jobs in un’e-mail inviata ai dipendenti.

Dietro le quinte, Steve Jobs era furioso per la debacle di MobileMe. Secondo un articolo di Fortune, riunì i responsabili di MobileMe presso l’auditorium del Campus e chiese: “Qualcuno può dirmi che cosa dovrebbe fare MobileMe?”

Quando alcune persone iniziarono timidamente a rispondere, Jobs urlò: “Allora, perché non lo fa?”

Nella sua e-mail ai dipendenti Apple, Jobs promise di rendere MobileMe “un servizio di cui saremo tutti orgogliosi”, ma questo non è realmente mai accaduto. Nel 2011, Apple ha smesso di pubblicizzare MobileMe, e iCloud lo sostitutì in ottobre. La fine di MobileMe non è stata una sorpresa per nessuno, ma rappresenta uno dei rari fallimenti di Jobs.

Mobiler Me closed

Tag: , , , ,

Argomento: Senza categoria

Commenti (2)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Icio ha detto:

    io ho ancora un account @me che funziona benissimo

Aggiungi un commento