Moof! Ad ognuno il suo

| 16 luglio 2019 | 0 commenti

In occasione del Prime Day di Amazon, tutti i siti e blog si sono affannati a segnalare le varie offerte. Non c’è nulla di male, gestire un giornale online ha dei costi, e la provvigione che si ottiene da Amazon può contribuire a “rimanere a galla”. Il lettore non spende 1 Euro in più rispetto a se andasse direttamente sul sito di Amazon, quindi tutti hanno un proprio tornaconto.

Tuttavia, la tendenza è quella di segnalare di tutto e di più indipendentemente dalle proprie competenze.

Ad esempio, un noto quotidiano ha pubblicato un articolo con un elenco quasi interminabile di offerte, tra le quali spiccavano anche una paio di TV smart. I prezzi erano particolarmente allettanti, ero quasi sul punto di acquistarne una, ma da una breve ricerca in Rete ho scoperto che entrambi i televisori in questione erano una fine serie, e i rispettivi nuovi modelli includevano diverse funzionalità aggiuntive che francamente giustificavano il prezzo più alto.

Non dico che bisogna accompagnare queste offerte con descrizioni di 500 parole, ma due righe per dire che il televisore è appena uscito fuori produzione e il modello successivo è compatibile con AirPlay, ad esempio, bisogna scriverlo.

Naturalmente, un giornale che si occupa di cronaca nera e di politica difficilmente può sapere queste cose, per questo secondo me sarebbe meglio che le segnalazioni sugli sconti dei televisori li facesse un blog che scrive di televisori, e così via.

Ad ognuno il suo.

Moof! è una rubrica di Spider-Mac in cui trovate brevi pensieri, URL cui andare per documentarvi meglio, un software da scaricare, insomma tante piccole cose che hanno sempre a che fare con il mondo Apple, ma raccontate in un articolo “leggero” che può essere uno spunto di riflessione o di polemica, una provocazione. 

Tag:

Argomento: Moof!

Aggiungi un commento