Accadde oggi: Apple introduce iPod nano, e iTunes Phone

| 7 settembre 2019 | 0 commenti

Steve Jobs IPod nano

7 settembre 2005 Apple presenta l’iPod nano che va a sostituire l’iPod Mini. La mossa destò non poco scalpore nel settore, infatti l’iPod Mini era estremamente popolare. Tuttavia, l’utilizzo di memoria flash invece di un disco rigido consentì di avere un dispositivo con un fattore di forma molto più piccolo, maggiore affidabilità e soprattutto una migliore durata della batteria. Questi miglioramenti furono subito apprezzati dai consumatori e nei primi 17 giorni di commercializzazione vennero vendute un milione di unità. L’uso pionieristico di una memoria flash in un dispositivo di elettronica di consumo ha aperto la strada per il suo utilizzo in molti futuri prodotti di Apple, come l’iPhone, iPad e MacBook.

Jobs iTunes PhoneNello stesso giorno, Apple annunciò anche il Motorola Rokr E1, il primo cellulare autorizzato da Cupertino ad utilizzare iTunes. Steve Jobs era molto scontento del risultato della collaborazione con Motorola, il cellulare era bel lontano dai canoni estetici dei prodotti di Cupertino.

Il progetto del Rokr risale al 2004, in un momento in cui le vendite degli iPod rappresentano circa il 45% delle entrate della Apple, e Jobs era preoccupato che un’altra azienda potesse trovare un modo per offrire quello che l’iPod faceva, ma integrato in un telefono cellulare, che già all’epoca incorporavano una fotocamera. Jobs pensava che fosse solo una questione di tempo, e prima poi qualche produttore di telefoni avrebbe iniziato ad aggiungere anche lettori musicali nei cellulari.

In una mossa molto poco nel suo stile, Steve Jobs decise che il modo più semplice per battere i potenziali rivali era quello di collaborare con un’altra società per lanciare il prima possibile sul mercato un telefono frutto della collaborazione con Apple. Jobs scelse Motorola, chiedendo al suo CEO, Ed Zander, di produrre un telefono con incluso un iPod.

Alla fine, il Rokr E1 si rivelò un disastro. Con il suo design in plastica a basso costo, una fotocamera a dir poco imbarazzante e un limite di 100 canzoni, era di gran lunga inferiore allo slogan “iPod, 1.000 brani in tasca”.

Progettato per rendere semplice l’ascolto della musica, e lanciato come “telefono iTunes”, il Rokr fallì anche su questo fronte. Il cellulare richiedeva che gli utenti acquistassero brani tramite iTunes, e quindi li trasferissero sul dispositivo tramite cavo.

.

Tag: , , , , ,

Argomento: Notizie

Aggiungi un commento