Moof! Provate a farlo con Android

| 9 ottobre 2019 | 6 commenti

IPhone original 2007

Recentemente su eBay ho acquistato un iPhone del 2007 praticamente nuovo, il precedente proprietario deve averlo usato pochissimo o tenuto in maniera maniacale.

Aggiornamento

Quando l’ho collegato al mio Mac, è stato subito riconosciuto dal nuovo macOS Catalina, ed è perfino arrivato un avviso del centro notifiche che era disponibile un aggiornamento. Provate a fare la stessa cosa con un telefono Android.

IOS 3 1 2

Moof! è una rubrica di Spider-Mac in cui trovate brevi pensieri, URL cui andare per documentarvi meglio, un software da scaricare, insomma tante piccole cose che hanno sempre a che fare con il mondo Apple, ma raccontate in un articolo “leggero” che può essere uno spunto di riflessione o di polemica, una provocazione. 

Tag: ,

Argomento: Moof!

Commenti (6)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Sauro ha detto:

    Almeno dicci quale iOS aveva e quale iOS lo aggiorna 🧐

    • Sauro ha detto:

      Una differenza di 0.0.1 è pochina….🤣🤣🤣

      • Stefano Donadio ha detto:

        Si vede negli screenshot… aveva iOS 3.1.2 ed è disponibile iOS 3.1.3, che è l’ultima versione rilasciata da Apple per l’iPhone del 2007. Probabilmente il precedente proprietario ha smesso di usare il telefono prima.

        Ma il punto è un altro, l’iPhone viene riconosciuto da Catalina, e dopo i controlli con il server Apple è arrivata la notifica che bisogna effettuare un update, che è ancora disponibile nonostante siano passati oltre 10 anni. Nel mondo Android gli update non sono disponibili neppure per i telefoni nuovi…

  2. ilfolle ha detto:

    concordo…la cosa è davvero fantastica

  3. Glauco Silvestri ha detto:

    Ho ancora Mojave ma… Il sistema riconosce ancora perfettamente il mio iPod shuffle, mi permette di caricare i brani audio, eccetera eccetera. Fantastico! :-O

  4. joni71 ha detto:

    Però se colleghi ad esempio un IPhone 6s ad un imac ti chiede obbligatoriamente di usare un Mac con almeno El Capitan. Morale : devi sempre aggiornare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *