IBM firma un patto con il diavolo

| 6 novembre 2019 | 9 commenti

Dos 1 0 boot

Il 6 Novembre del 1980 IBM e Microsoft firmano formalmente un contratto mediante il quale l’azienda di Bill Gates avrebbe sviluppato un sistema operativo per il PC-IBM.

Durante l’estate del 1980, IBM aveva tentato inutilmente di raggiungere un accordo con Digital Research perchè era interessata alla licenza del suo popolare sistema operativo CP/M, quindi aveva chiesto a Microsoft se potevano sviluppare un sistema operativo simile.

Bill Gates & C. stavano già lavorando con IBM per fornire il linguaggio di programmazione BASIC per il PC IBM, ma non avevano un sistema operativo. Tuttavia, Microsoft sapeva che una piccola società chiamata Seattle Computer Products (SCP) aveva sviluppato un sistema operativo simile a CP/M chiamato QDOS (Quick-and-Dirty Operating System).

Bill Gates informò IBM che QDOS poteva funzionare come sistema operativo per il PC IBM, e così Big Blue chiese a Microsoft di concedere in licenza il sistema operativo e di svilupparlo ulteriormente, formalizzando il tutto nel contratto firmato il 6 novembre 1980.

A dicembre dello stesso anno, Microsoft ottenne in licenza il sistema operativo QDOS per iniziare lo sviluppo della versione per il PC IBM. Nel luglio del 1981, poche settimane prima del lancio sul mercato dell’IBM Personal Computer (abbreviato PC IBM) Modello 5150, Microsoft acquisì i pieni diritti da SCP per quello che si chiamava 86-DOS. IBM PC-DOS era invece il nome del sistema operativo preinstallato sul PC IBM.

Astutamente, Bill Gates  fece include una clausola nel contratto che premetteva a Microsoft di vendere il sistema operativo con il nome di MS-DOS ad altre società. È stata questa la clausola che ha cambiato il corso della storia della tecnologia, aprendo la porta a Microsoft per diventare l’azienda tecnologia dominante dell’era PC.

A differenza dei dirigenti IBM, Bill Gates aveva capito che controllando il sistema operativo, l’hardware sarebbe divenuto un elemento di secondo piano. L’errore di IBM fu di non prevedere che altre aziende sarebbero state in grado di clonare la piattaforma hardware che aveva creato, e che quindi avrebbero avuto bisogno di un sistema operativo, che Microsoft fu ben felice di fornirglielo.

Una volta che IBM perse il controllo della piattaforma che aveva creato, il potere si spostò nelle mani di Microsoft che aveva un sistema operativo adatto ai PC IBM compatibili. Questa combinazione – clonazione hardware e licenza del sistema operativo Microsoft – ha creato la piattaforma dominante dell’era PC, schiacciando quasi tutte le altre piattaforme in competizione nel settore dei personal computer. Senza questa clausola, apparentemente di secondaria importanza, nel contratto firmato il 6 novembre del 1980, la storia dell’era del PC sarebbe potuta essere molto diversa.

Tag: , , , ,

Argomento: Notizie

Commenti (9)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Defcon ha detto:

    Bell’articolo, avvincente storia.

  2. Giuseppd ha detto:

    Questo dimostra che bill è tuttora un genio
    Mentre in IBM una manica di incompetenti ha fatto strafallire l’azienda e migliaia di persone hanno perso ill posto di lavoro… Steve.. Ha capito e copiato … Grande Getes

    • Il Guardiano del faro rotto ha detto:

      Grande Bill Gates… insomma. Sarebbe stato meglio avere più sistemi opertivi concorrenti, e anche Windows ne avrebbe beneficiato, probabilmente non sarebbe stato quel disastro che oggi.

      Fortunatamente c’è Mac OS.

      • Claudio ha detto:

        Diciamo che se l’informatica è così diffusa e alla portata di tutti è in buona parte grazie a Microsoft, pur con tutte le pecche che conosciamo.
        Con computer a 3000 euro difficilmente si sarebbero potuti diffondere così tanto e capillarmente.

    • Emperor Zurg ha detto:

      Scusa Giuseppe, che cosa avrebbe copiato Steve Jobs?

    • Barbarroja ha detto:

      Hai mangiato nel bicchiere?

  3. iRicky66 ha detto:

    Secondo me Bill Gate è un affarista geniale.

  4. alystin71 ha detto:

    Grande Bill Gates

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *