Safari 5.0.1 e 4.1.1 risolvono il bug del Riempimento automatico

| 28 luglio 2010 | 7 commenti

Contemporaneamente al rilascio di Safari 5.0.1, Apple ha reso disponibile anche Safari 4.1.1 per Tiger per risolvere il grave bug della funzione Riempimento automatico del browser segnalato la settimana scorsa dall’esperto di sicurezza informatica Jeremiah Grossman.

L’opzione Riempimento automatico è abilitata di default e permette di compilare i moduli Web con il proprio nome, indirizzo e-mail, indirizzo di casa o dell’ufficio, numero di telefono, e altri dettagli memorizzati nella scheda personale di Rubrica Indirizzi  (si possono trovare queste opzioni in Safari/Preferenze/Riempimento automatico). Iniziando a digitare le prime due lettere del proprio nome, o il primo numero del proprio numero di telefono, Safari automaticamente compila il resto per aiutarvi a completare il modulo più rapidamente.

Safari Riempimento automatico.jpg

Grossman aveva avvisato Apple della falla individuata nella funzione Riempimento automatico il 17 giugno scorso, ma ha reso pubblica la cosa poco prima della conferenza Black Hat che parte proprio oggi e durante la quale ha intenzione di mostrare come è possibile, pardon, era possibile sfruttare le funzioni di autocompletamento del browser di Cupertino per carpire le informazioni personali dell’utente.

Tag: , , , , ,

Argomento: Senza categoria

Commenti (7)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. iBender ha detto:

    prima della conferenza Black Hat che parte proprio oggi e durante la quale ha intenzione di mostrare come è possibile, pardon, era possibile sfruttare le funzioni di autocompletamento del browser

    Gradiosa Apple, gli ha rovinato la conferenza 😀

  2. iMax87 ha detto:

    noto con piacere una maggiore reattività

  3. Elia ha detto:

    Sempre meglio rovinare una conferenza che rovinare le vacanze a qualcuno perché un hacker gli ha rubato la password e tutti i soldi dal conto corrente!

  4. iBender ha detto:

    @ Elia: indubbiamente meglio così per noi, ma mi fa sorridere il fatto che Apple abbia rilasciato la patch a poche ore dalla conferenza Black Hat di cui per altro Jeremiah Grossman è il fondatore. Nei giorni scorsi Grossman aveva anche pubblicato un post polemico sul suo blog lamentandosi come Apple non gli avesse risposto dopo la segnalazione del bug.

  5. Riccardo ha detto:

    Sperando che Grossman non abbia un’atro bug da mostrare tanto per fare scalpore … Noto con piacere che Apple, dopo la corsa iPhone, iPad, sta nuovamente marciando forte sul lato Mac e le novità ci sono e sono toste …

  6. Luke ha detto:

    Non vorrei dire ma mi sembra che Safari 5.0.1 avra’ risolto il problema del riempimento automatico, ma mi pare non sia stabile come la versione precedente: dall’aggiornamento (soprattutto su Gmail) diventa “irresponsive” e si blocca.
    Secondo me arrivera’ presto un aggiornamento ulteriore.

  7. dott ha detto:

    la “soluzione” apple su safari mobile per iphone è una finta soluzione e una grande seccatura per l’utente: adesso infatti la funzione di riempimento automatico c’è ancora ma semplicemente non funziona più…
    non mi sembra una gran genialata e mi ricorda un po’ la storia di qualche anno fa dell’autorun pericoloso, risolta semplicemente disabilitando l’autorun.
    ho capito che per me… mozilla forever 😀

Aggiungi un commento