La soluzione definitiva ai problemi di velocità e spazio: SanDisk SSD Ultra 3D da 2TB a €499

| 16 novembre 2017 | 0 commenti

SanDisk UltraSu Amazon continuano le offerte del giorno con protagonisti gli SSD prodotti da SanDisk (Western Digital).

Questa volta è il turno del SanDisk SSD Ultra 3D da 2TB, che si può acquistare a poco meno di €500, spese di spedizione incluse con Prime, risparmiando così €167 (-25%).

Naturalmente si tratta di una “spesa importante”, che interesserà chi ha un Mac che continuerà ad utilizzare per la propria attività ancora per diversi anni, ma ha problemi di produttività a causa della lentezza dell’hard disk meccanico, e necessita anche di un’enorme capacità d’archiviazione.

Anche per questo modello valgono le considerazioni già fatte sugli SSD SanDisk, che potete (ri)leggere qui di seguito.

Fino a qualche anno fa, SanDisk, che recentemente è stata acquisita da Western Digital, forniva SSD esclusivamente a produttori di computer, ma poi ha deciso di dedicarsi anche al mercato “al dettaglio” con prodotti che si distinguono per la buona velocità, e soprattutto per l’affidabilità nel tempo, ed anche per questo Apple li utilizza da tempo per alcuni modelli di MacBook.

L’unità utilizza le memorie TLC 3D NAND, non patisce un eccessivo calo di prestazioni  dopo un’attività di scrittura sostenuta, un po’ come il Samsung 850 EVO, ma a differenza di quest’ultimo l’Ultra 3D è compatibile al 100% con TRIM. Per quanto riguarda l’affidabilità, la tecnologia 3D è stata sviluppata per esigenze professionali e l’SSD è garantito per 200TB di riscritture.

SanDisk Ultra Back100% compatibile con TRIM

A partire da OS X 10.10.4 Yosemite, Cupertino ha aggiunto il supporto TRIM anche per le unità a stato solido (SSD) di terze parti, che però deve essere abilitato seguendo una facile procedura che trovate in quest’altro articolo click qui.

Tuttavia, c’è un bug in alcuni SSD di una manciata di produttori che possono causare la perdita di dati se TRIM è abilitato, e nell’elenco figura tutta la serie Samsung SSD 8* (per i quali non esiste un aggiornamento), ma non la serie SanDisk SSD Ultra II.

L’importanza di TRIM

TRIM è importante perché consente a OS X di indicare i blocchi che non sono più in uso in un’unità a stato solido, come ad esempio i blocchi liberati dopo l’eliminazione di uno o più file. Generalmente, l’operazione di cancellazione di OS significa che i blocchi data vengono contrassegnati come non in uso. TRIM permette al sistema operativo di passare questa informazione al controllore dell’SSD, il quale altrimenti non sarebbe in grado di sapere quali blocchi eliminare. Senza TRIM, un drive SSD può diventare progressivamente più lento nel tempo, e più lento a scrivere i nuovi dati.

Gli svantaggi di Garbage Collector

La maggior parte dei produttori di SSD, come Samsung, utilizza una tecnologia equipollente chiamata Garbage Collection, che aiuta a mantenere prestazioni ottimali liberando settori di memoria che non sono più in uso. Garbage Collection fa parte integrante del firmware dell’SSD, quindi il suo funzionamento non dipende dal sistema operativo del computer.

L’unica “seccatura” di Garbage Collector è che non solo bisogna disabilitare lo Stop del Mac perché questa tecnologia funziona solo quando l’SSD è inattivo, ma per portare a termine il lavoro di “pulizia” sono necessarie 6-8 ore, e in molti lasciano il computer accesso di notte per questo motivo. Per questo motivo è decisamente più pratico ed efficace abilitare TRIM.

Tag: , , ,

Argomento: Mac

Aggiungi un commento