Cos’è un concerto dal vivo? No, è l’HomePod di Apple che suona

| 26 gennaio 2018 | 2 commenti

HomePod grigio siderale bianco

HomePod, l’altoparlante intelligente di Apple, sarà disponibile negli Stati Uniti, Regno Unito e Australia il prossimo 9 febbraio, ma alcuni esemplari sono già nelle mani dei giornalisti specializzati per le recensioni che saranno pubblicate a breve.

Tuttavia, qualche prima impressione è già trapelata, alcuni valutano che il design dell’HomePod sia un po’ anonimo, altri lo ritengono un punto di forza perché così si può integrare facilmente con qualsiasi arredamento.

Ma, i pareri più interessanti riguardano la qualità del suono, ovviamente. A differenza di altri altoparlanti intelligenti concorrenti, non ha importanza dove si posiziona l’HomePod, infatti è sufficientemente intelligente per capire come è fatta una stanza, e quindi quali dei numerosi altoparlanti utilizzare e come. La musica viene diffusa uniformante nella stanza, e anche allontanandosi non si percepisce  la differenza, è come se l’HomePod seguisse l’utente, spiega Julian Chokkattu di Digital Trends.

HomePod stanza

Il risultato è sorprendente, infatti secondo sempre Chokkattu, anche se i bassi non sono così ben definiti come solo un impianto hi-fi può riprodurre, chiudendo gli occhi è possibile distinguere i vari strumenti utilizzati nella brano in riproduzione, e l’esperienza d’ascolto è simile a quella di un concerto dal vivo.

Secondo Lance Ulanoff, opinionista di Mashable, la qualità del suono dell’HomePod è nettamente superiore rispetto a quella di Google Home Max e Sonos One. Inoltre, Ulanoff è riuscito a provare in esclusiva due HomePod in modalità stereo (questa funzionalità per i comuni mortali sarà disponibile solo in un secondo momento) e l’ha definito uno stereo da “ultra-alta qualità”. 

Tag: , , ,

Argomento: iOS

Commenti (2)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. MasterMac ha detto:

    basta giocare un po’ con l’equalizzazione della fonte ed ecco che si può creare un profilo adatto all’Homepod, quando sento parlare di bassi o di alti e non ci si riferisce a cuffiette cinesi da 2 euro allora consiglio sempre di fare qualche ritocco di equalizzatore. Io ho un profilo per ogni cuffia, chi sputa sentenze senza giocare con le impostazioni è un casual ingnorante.

  2. step ha detto:

    Sembrerebbe che Sonos sia in crisi dopo il lancio di home pod… click qui

Aggiungi un commento