MarsEdit, il miglior sistema per pubblicare un blog, ora è più attento alla privacy

13 giugno 2018 ore 09:16 | di | 0 commenti

MarsEdit 4.1 è l’ultima versione della popolare applicazione per pubblicare un blog sulle più diffuse piattaforme, come WordPress, Blogger, Drupal, Movable Type, TypePad e molti altri ancora.

Si tratta di un software che meriterebbe essere considerato a tutti gli effetti una iApp, anche perchè è realizzato da Daniel Jalkut, un ex ingegnere software di Apple.

Quest’ultima versione oltre a risolvere un lungo elenco di problemi, introduce tre utili e importanti novità. La prima farà felici i blogger che pubblicano foto personali, infatti adesso è possibile eliminare tutti i dati EXIF da una immagine o solo la localizzazione. Per chi non lo sapesse, ogni volta che si effettua una foto con l’iPhone, uno smartphone Android o una macchina fotografica dotata di GPS, nell’immagine vengono inserite una serie di informazioni (metadata EXIF) che includono quando lo scatto è stato effettuato, l’esposizione, la velocità d’apertura, la lunghezza focale, la sorgente di luce e le coordinate geografiche del luogo dove è stata scattata la foto. 

MarsEdit foto metadataAl momento di aggiungere una foto in un articolo, nella finestra Upload Utility, dal menu a tendina di Metadata si può sceglier di rimuovere tutti i metadata (impostazione di default), solo la geolocalizzazione o lasciare tutte le informazioni. In più ora si può sceglier il Color Mode dal nuovo menu immediatamente sottostante.

Infine, adesso è possibile trascinare con un drag-and-drop una fotografia direttamente da Foto nel corpo dell’articolo.

MarsEdit 4.1 si può scaricare gratuitamente dal Mac App Store, ed utilizzarlo senza limitazioni per 15 giorni. Trascorso il periodo di prova, si potrà continuare ad utilizzarlo per scaricare gli articoli pubblicati, ma non per crearne di nuovi. Chi ha acquistato la versione precedente, può fare l’grade in-app per poco meno di €28, per tutti gli altri una licenza costa €55.

Approfondimenti: , , , ,

Argomento: Mac

Aggiungi un commento