Adesso ci sono solo MacBook Pro USB-C

12 luglio 2018 ore 16:40 | di | 9 commenti

MacBook Pro 2015

Pessime notizie per chi stava meditando di acquistare il MacBook Pro 2015 con porte USB 3.0, Thunderbolt 2, HDMI, lettore SD e l’alimentatore MagSafe perché ancora non pronto al passaggio ai MacBook Pro solo con USB-C: Apple ha deciso di non vendere più questo modello. Quindi, l’unica speranza è trovarlo in offerta presso qualche catena di negozi di informatica.

Tuttavia, a distanza di quasi due anni dal lancio della nuova linea di MacBook Pro 13” con e senza Touch Bar e solo 4 porte Thunderbolt 3- USB-C, era normale che prima o poi uscisse di scena un portatile concepito praticamente in un’altraera tecnologica. Del resto, se nel 2016 c’erano poco periferiche USB-C e tanti adattatori, le cose sono radicalmente cambiate in questi quasi due anni.

Contemporaneamente all’uscita dis cena del MacBook Pro 13” 2015, Apple aggiornato i MacBook Pro con i processori Coffee Lake, RAM DDR4 e Hey Siri.

Approfondimenti: ,

Argomento: Mac

Commenti (9)

RSS commenti

  1. Maurizio ha detto:

    Questa è una scelta che proprio non capisco e non condivido. Dovrò aggiornare il mio MBPro e sarò costretto a compare almeno 3 adattatori. Ma dico lasciare almeno una USB no? bah…

    • Stefano Donadio ha detto:

      Nel 1998, molti si lamentavano che l’iMac Bondi Blue era privo di floppy disk 😉

      • Maurizio ha detto:

        Stefano, sia quando fu tolto il Floppy che quando è stato tolto il DVD ho storto un po’ il naso ma tutto sommato ci poteva stare. Questa volta no: mi servirà un adattatore per il mio monitor DELL che dispone di VGA, HDMI o Display Port; un adattatore per USB non C e forse anche quello per l’Ethernet.
        Quello per il monitor ci può stare ma USB proprio no!

        • Stefano Donadio ha detto:

          Metti su eBay il tuo monitor e comprane uno 4K Thunderbolt 3, del resto i pro di foto e video aspettavano da tempo questo tipo di monitor.

          La porta Ethernet non c’è più da tempo sui portatili Apple.

          L’adattatore da USB-C a USB-A costa €6 la coppia ed entra nel taschino del jeans click qui

  2. Claudio ha detto:

    Il mondo gira intorno all’interfaccia USB (non “-C”), c’è poco da dire.
    Boh…. resto perplesso per l’ennesimo esempio di come Apple faccia unicamente i suoi interessi e non quelli dell’utenza.
    Computer con tutte le schede saldate (per rendere più leggero il computer), computer con meno periferiche (per rendere più snello il computer), computer senza l’utilissimo Mag-safe (e si usa solo una porta per rendere più leggero il computer)…..e poi nella borsa devo usare un adattatore con un hub di usb normali per poter restare connesso al mondo….

  3. GabT ha detto:

    Secondo me si sono accorti anche loro della caz..ta che hanno fatto a proporre solo porte USB-C sui Pro. Il fatto è che ammettere l’errore e tornare indietro è impossibile (cosa racconti a chi ha speso 2000 € + adattatori vari?). L’innovazione ha senso quando migliora l’esperienza d’uso. Forzare uno standard in modo così prematuro invece no. Infatti il mercato per ora è ancora rimasto alle USB standard.

    • Stefano Donadio ha detto:

      Se fosse come dici, non avrebbero rimosso il MacBook Pro del 2015 dai listini. I Mac guardano avanti, è sempre stato così, per fortuna.

      • GabT ha detto:

        Bè, l’hanno rimosso per uniformale l’offerta e per forzare il nuovo standard per tutti i nuovi acquirenti. Sarei d’accordo sul Macbook e sugli Air ma non sui Pro che nascono per lavorare. Poi per carità, con una dock portatile si risolve facilmente il problema.

Aggiungi un commento