Moof! Qualcosa che il lato oscuro non riesce a copiare

12 ottobre 2018 ore 08:09 | di | 0 commenti

Q3 2018 app revenue worldwide

Apple è una azienda fortemente innovatrice, e a volte sembra quasi che le altre stiano alla finestra ad aspettare un lancio di un nuovo prodotto a cui “ispirarsi”. 

Hanno iniziato Bill Gates & C. con Windows, poi è arrivata Google con il suo Android e più recentemente Samsung che un Tribunale ha riconosciuto aver copiato l’iPhone. Se ricordate i primi smartphone e tablet Galaxy, si faceva fatica a distinguerli dagli iPhone e iPad.

Un’altra cosa copiata a mani basse è l’App Store. Sebbene adesso sembra normale scaricare e installare app e giochi su smartphone e tablet, prima dell’arrivo dell’iPhone le uniche app disponibili sui cellulari erano quelle preinstallate dal produttore.

Anche se oggi Google e Amazon hanno i loro negozi di app ed hanno superato in termini di download l’App Store di Apple, una cosa che non sono riusciti a copiare è il successo commerciale di quest’ultimo.

Infatti, stando ad una indagine di mercato, l’App Store ha guadagnato quasi il 93% in più rispetto al Google Play. Nell’ultimo trimestre (Q3 2018), circa il 66% dei $18,2 miliardi di fatturato generato dalla vendita delle app per i dispostivi mobili  è andato ad Apple. In pratica $12 miliardi sono stati incassati soltanto dall’App Store, in crescita del 23,3% rispetto allo stesso trimestre dell’anno scorso. Per il Google Play, che ha guadagnato appena $6,2 miliardi nel trimestre, la crescita è stata del 21,5% rispetto allo stesso trimestre dell’anno scorso.

Moof! è una rubrica di Spider-Mac in cui trovate brevi pensieri, URL cui andare per documentarvi meglio, un software da scaricare, insomma tante piccole cose che hanno sempre a che fare con il mondo Apple, ma raccontate in un articolo “leggero” che può essere uno spunto di riflessione o di polemica, una provocazione. 

Approfondimenti: , ,

Argomento: iOS, Moof!

Aggiungi un commento