GIMP 2.10.8, il piccolo Photoshop per Mac, migliora nettamente le prestazioni

9 novembre 2018 ore 20:14 | di | 2 commenti

Wilber co Aryeom stability

Con una simpatica “striscia” gli sviluppatori di GIMP hanno annunciato la nuova versione 2.10.8, l’applicazione di fotoritocco più apprezzata in ambiente Linux, e che su Mac è l’ideale per il fotoamatore evoluto che desidera una alternativa economica a Photoshop.

Come anticipato dalla striscia, questo aggiornamento è tutto focalizzato sulla stabilità e le prestazioni, ed ora GIMP è nettamente più veloce sui Mac più datati, e incredibilmente reattivo su quelli più recenti.

L’aggiornamento risolve il problema degli artefatti quando si effettua lo zoom, ottimizza l’uso dei plugin e con tavolette grafiche non Wacom.

GIMP gira nativamente su macOS senza bisogno dell’ambiente X11, ha una interfaccia utente estremamente personalizzabile, è localizzato in italiano, ma soprattutto offre strumenti per il fotoritocco “base-evoluto” che mettono a disposizione anche altre applicazioni, come Photoshop Elements (€70), Pixelmator (€27) e Acorn (€27) dai costi sicuramente accessibili, ma, si sa, gratis è più bello.

GIMP include il motore grafico GEGL (Generic Graphics Library) che oltre ad offrire più potenza, garantisce un editing fotografico meno distruttivo e più accurato, inoltre dispone di una funzione “Correzione distorsione lente” per le foto in formato RAW (si basa sulle librerie lensfun) che permette di avere scatti di migliore qualità, eliminando o correggendo i tre errori più comuni delle lenti: la distorsione geometrica, aberrazioni cromatiche e vignettatura.

Approfondimenti: , , ,

Argomento: Fotografia, Mac

Commenti (2)

RSS commenti

  1. MacBrixius ha detto:

    Ciao Stefano

    So di chiederti uno sforzo ulteriore rispetto a quello che già fai per noi seguaci del tuo Spiderblog ma so anche che a molti di noi, tuoi lettori, farebbe piacere qualche tuo tutorial sulle funzionalità di base di GIMP. Have a thought!

    Un cordiale saluto

    JMB

Aggiungi un commento