Soluzioni per la sincronizzazione delle cartelle

| 13 dicembre 2018 | 8 commenti

Sincronizzazione cartelle Automator

Il lettore Stefano, membro dello Spider-Mac-Apple User Group (comunità online di utenti Mac ufficialmente riconosciuta da Apple) ha due Mac e desidera trasferire i documenti da un computer all’altro, e chiede:

“Ciao, ho l’esigenza di sincronizzare periodicamente un iMac e un iBook e mi chiedevo se esiste un modo per farlo in automatico, in particolare vorrei poter aggiornare velocemente tutti i documenti caricati o modificati sul fisso. È possibile un’operazione di questo tipo? Grazie.”

Esistono vari sistemi per sincronizzare i documenti tra due Mac, cominciamo con un modo completamente gratuito.

Bisogna creare/individuare due cartelle e assicurarsi che il proprio Mac sia in grado di accedere ad entrambe. Quindi lanciare Automator (si trova nella cartella Applicazioni), scegliere “Flusso di lavoro” e nel campo di ricerca integrato digitare “Ottieni elementi del Finder specificati”, quindi trascinate l’azione che appare nella colonna a destra. Click su “Aggiungi” e selezionare la cartella “sorgente” (quella che contiene i file che si desidera copiare sull’altro Mac).

Ottieni elementi Finder specificati

Utilizzando sempre il campo di ricerca integrato di Automator, digitate “Ottieni contenuto cartella” e trascinare con un drag-and-drop la nuova azione immediatamente sotto la prima. Come terza azione bisogna cercare e aggiungere “Copia elementi del Finder” e dal menu “A” selezionare la cartella in cui si desidera copiare il contenuto della prima azione. Confrontare il proprio lavoro con la schermata in basso.

Sincronizzazione

A questo punto è possibile provare il flusso di lavoro creato mettendo qualcosa nella cartella di origine e facendo click sul pulsante Esegui in alto a destra.

Se il test ha esito positivo, bisogna selezionare File/Registra, scegliere un nome (“Sincronizzazione cartelle” mi sembra appropriato) e in Formato scegliere “Applicazione” e fare click su Registra.

Nome applicazione

Quando si ha la necessità di sincronizzare le cartelle, collegati i due Mac, è sufficiente lanciare l’applicazione creata con Automator e il contenuto della cartella di origine sarà automaticamente copiato nella cartella di destinazione.

Questo è un sistema ragionevole per sincronizzare due cartelle, ma bisogna tenere presente che i file più recenti sovrascriveranno i vecchi documenti. Se si desidera avere un maggiore controllo sul modo in cui i file devono essere copiati, si potrebbe far ricorso ad una applicazione di sincronizzazione, come l’ottimo ChronoSync che costa $50 (€44) oppure Synchronize! X Plus $30 (€20). Entrambi sono buoni, anche se ChronoSync offre più opzioni di sincronizzazione e non richiede un rinnovo della licenza ogni due anni.

C’è poi la possibilità di utilizzare un servizio cloud. Quando si installa Dropbox, ad esempio, sui propri computer, ognuno avrà una cartella Dropbox. Spostando un file nella cartella Dropbox su un Mac, il file è sincronizzato su tutte le cartelle Dropbox degli altri computer, oltre che con lo spazio Web di Dropbox.

Se 2GB di memoria non è sufficiente, è possibile acquistare ulteriore spazio (ci sono varie opzioni in grado di accontentare tutte le esigenze).

Tag: , , , ,

Argomento: Mac, Tip macOS

Commenti (8)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. iStefano ha detto:

    Grazie mille.

  2. Defcom 1 ha detto:

    L’Uomo Ragno è il mago di Automator!

  3. Tino ha detto:

    Una sincronizzazione, al minimo sindacale, elimina dalla cartella di destinazione e file eliminati nella cartella sorgente. L’azione di Automator è una mera copia incrementale, che non c’entra nulla con la sincronizzazione. Per sincronizzare a costo zero esistono rsync ( che si può lanciare da Automator) e SyncTwoFolders (storico programma di sincronizzazione cartelle su Mac)

  4. Tino ha detto:

    La prima azione semplicemente non è una sincronizzazione, quindi no: non è stato spiegato nell’articolo. È stata fornita un’informazione errata nell’articolo.

  5. Alessandro ha detto:

    Scusate l’ignorante domanda. Perché non iCloud?

Aggiungi un commento