Apple Card si abbina all’iPhone come gli AirPods (video)

| 28 marzo 2019 | 2 commenti

Lo sviluppatore iOS e collaboratore 9to5Mac, Guilherme Rambo, è riuscito a registrare un bel video che mostra il processo di attivazione dell’Apple Card su un iPhone con installato la prima beta di iOS 12.3. Si tratta della carta di credito fisica realizzata in titanio, da utilizzare negli esercizi commerciali che non accettano l’Apple Pay

Guilherme spiega che il processo di attivazione non è ancora quello definitivo, e beneficerà sicuramente di miglioramenti con le prossime beta di sviluppo. In più, come ogni prodotto Apple, anche la  Card ha un nome in codice: “Broadway”.

Per quanto riguarda l’Apple Card, è realizzata in collaborazione con Goldman Sachs‎ e Mastercard, non prevede una quota di iscrizione annuale (è gratuita), rimborsa il 2% degli acquisti (il 3% per quelli Apple e l’1% sui POS non compatibili con Apple Pay) nello stesso giorno in cui è stata effettuata la transazione (Daily Cash), non sono previste penali se si dimentica di pagare una rata e il tasso degli interessi è tra i più convenienti.

In più l’app Wallet tiene traccia di tutti i movimenti, che vengono automaticamente catalogati per tipologia in modo da sapere in tempo reale in che cosa si stanno spendendo i propri soldi, e viene perfino indicato su una mappa dove è stato effettuato ogni acquisto.

Sfortunatamente, l’Apple Card sarà disponibile solo in America a partire da quest’estate, ma il CEO di Goldman Sachs ha fatto sapere che presto sarà disponibile anche in altri Paesi.

Tag:

Argomento: Senza categoria

Commenti (2)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Psquale ha detto:

    In che senso non ci sono penali se si dimentica di pagare una rata??? Non sarà mica un carta revolving? Poi se su Apple Pay ho collegata una carta di credito perché in quei negozi che non accettano Apple Pay dovrei pagare con la Apple card invece che con la carta di credito fisica che già ho???

    • Stefano Donadio ha detto:

      Apple Card è una carta di credito con la massima flessibilità. L’utente autonomamente e direttamente dall’app può scegliere il numero di rate oppure saldare tutto in un’unica soluzione senza interessi. Se si dimentica di pagare una rata, non scattano penali, semplicemente si paga in ritardo.

      Se un esercizio commerciale non accetta Apple Pay, si può utilizzare la carta di credito che si preferisce, ma conviene adoperare quella fisica Apple Pay perchè restituisce l’1% di quanto speso (il 2% per gli acquisti Apple Pay, il 3% per quelli Apple).

Aggiungi un commento