Il 10 settembre Apple presenterà la sua reflex: iPhone 11 Pro

| 22 agosto 2019 | 16 commenti

Mark Gurman è diventato molto famoso tra gli appassionati dei prodotti Apple per via delle sue fin troppo precise rivelazioni su prodotti della mela morsicata non ancora lanciati sul mercato, tanto che in molti pensano che il giornalista di Bloomberg, ex 9to5Mac, abbia una fonte di primo livello all’interno del quartier generale di Cupertino.

Gurman oltre a confermare la previsione di Spider-Mac sulla data del prossimo Special Event che si svolgerà martedì 10 settembre, rivela anche numerosi dettagli dei nuovi iPhone:

iPhone 11 e iPhone 11 Pro

Il modello entry level che sostituirà l’attuale iPhone XR, si chiamerà semplicemente iPhone 11, ma avrà due fotocamere. Gli altri due modelli si fregeranno del suffisso “Pro” ed andranno a sostituire gli iPhone XS e XS Max. Quindi il nome completo sarà iPhone 11 Pro e iPhone 11 Pro Max.

Scatti da reflex

Gli iPhone Pro avranno la fotocamera posteriore con tre obiettivi racchiusi in un quadrato, la terza lente è un ultra-grandangolare. L’app Fotocamera effettuerà 1 scatto con ogni obiettivo contemporaneamente (quindi 3 foto), che verranno fuse in un’unica immagine (un pò come avviene per l’HDR). Il risultato sarà uno scatto “pro”, da qui il nome dei nuovi iPhone, in grado di competere con quelli delle reflex, almeno secondo le fonti di Gurman. Il “rivoluzionario” comparto grafico consentirà anche di ottenere foto migliori in condizioni di scarsa luminosità, una situazione dove le fotocamere Apple sono state sempre superate dagli smartphone Android.

Video di qualità professionale

Rimanendo in tema di fotocamere professionali, i nuovi iPhone Pro saranno in grado di girare video che avranno poco o nulla da invidiare alle reflex, sempre secondo Gurman. E non sarà necessario ricorrere a software di post-produzione di terze parte perché Apple ha previsto una serie di strumenti per ritoccare, aggiungere effetti, regolare i colori, eseguire crop delle clip il tutto live, cioè mentre si effettua la registrazione.

Reverse wireless charging

Gli iPhone 11 supporteranno la tecnologia reverse wireless charging disponibile da tempo sugli smartphone del lato oscuro dell’informatica. In pratica sarà possibile utilizzare il telefono per ricaricare un altro iPhone 11 o gli AirPods. 

Nuovi colori

Frontalmente i nuovi iPhone saranno tutti uguali, ma per il retro dei Pro farà il suo debutto una inedita finitura opaca, in modo da non confonderli con gli attuali modelli e si potrà scegliere anche il verde.

Miglioramenti vari

– Face ID più reattivo

– Maggiore resistenza ad urti e cadute accidentali

– Impermeabilizzazione ottimizzata 

– Haptic Touch sostituirà il 3D Touch

– Processore A13 con coprocessore AMX (o matrix),a cui saranno affidati i compiti più pesanti, come i calcoli per la realtà aumentata.

– Fotocamera frontale progettata per la realtà aumentata.

Tag: , , , ,

Argomento: iOS, Notizie

Commenti (16)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Ivan ha detto:

    Il 3D Touch non lo dovevano togliere….

    • Massimiliano ha detto:

      Una delle cose più inutili dopo la ricarica wireless

      • Christian ha detto:

        La ricarica a induzione è utilissima, seppur inefficiente. Per caricare il telefono a 5W ne consumi il doppio, ma abbatti l’usura del connettore e dei cavi e con una ricarica lenta non peggiori neppure la vita dell’accumulatore.

    • pop ha detto:

      L’ haptic touch, con iOS 13, sostituisce il 3D Touch riproducendone tutte le funzioni!!! Quindi come se non fosse mai scomparso

  2. Power Geek ha detto:

    Mi fa sorridere leggere novità e Apple nella stessa frase.

    • Leonardo Colapinto ha detto:

      Chissà perchè c’è sempre qualche utente Android che non resiste alla tentazione di criticare Apple. Non succede mai il contrario…… vorrà dire qualcosa….

    • MelaPirroid ha detto:

      Ma scusa che novità ci sono su android? il 90% dei telefoni Android circolanti sono indietro di almeno 2 anni con le novità e gli aggiornamenti, quindi solo una piccola percentuale può usufruire davvero di eventuali novità delle ultime release del sistema operativo Android (che è da lollipop che non si vedono novità, non dirmi che quelle gesture aberranti su 9 pie sono una novità, o il multiwindows che c’era, IDENTICO, sui Samsung da anni e anni).

      Apple introduce novità e gli altri copiano, punto e basta, vai a vedere i trend, sono tutti nati dopo le presentazioni Apple.
      E per quelle chicche che Apple ha fatto uscire solo dopo tempo rispetto ad altri, non sono altro che features prese, rifatte da 0 perché il più delle volte pessime seppur buone idee, e da un voto in pagella di 4-5 su android, Apple ha reso certe features da 8-9 in pagella. Poi ios ha un funzionamento e delle features che android non ha e non può nemmeno avere, caso strano gli haters non ne parlano mai.

      Per non parlare quindi di quelle features che ha solo Android ed ha avuto da sempre ma che non hanno mai funzionato, è come vantarsi di avere un Ferrari per scoprire che in realtà è una carrozzeria vuota senza motore e tutta arrugginita. NON VALE NIENTE!

      • Claudio ha detto:

        Sarà un caso, ma da lungo tempo ogni volta che tra gli utenti attivi c’è uno che inizia con “Mela” seguito da un altro nome, si leggono commenti sprezzanti, aggressivi fino ad essere arroganti.
        Questo atteggiamento da “ultrà” non è un pò noioso oltre che inutile?
        Si riesce a commentare senza doversi trovare tra guelfi e ghibellini?

        Ultime notizie!
        “Apple non è il paradiso e Tim Cook non è Dio!”

        Quando la smettiamo con questo atteggiamento da guerra santa?

        Chiudo con una battuta sentita tempo fa.

        “i ragazzini con i telefoni Android si fanno le pippe in bagno guardando le zozzerie sul telefono.
        Quelli con gli iPhone lo fanno col telefono spento”.

  3. Tonino ha detto:

    Mah. Questi telefoni che si sono trasformati in macchine fotografiche. Quasi quasi rimpiango quelle col rullino e le polaroid istantanee. Se non altro uno le foto doveva svilupparle per forza e se le ritrovava, potevi toccarle, vederle. Oggi invece scattiamo migliaia di foto e si accumulano nei vari HD e manco le guardiamo, con il rischio che possono essere perse alla velocità della luce se uno non ha l’abitudine di fare il backup (e molti non ce l’hanno). Forse sono andato oltre il tema dell’articolo, ma l’impressione è sempre quella: sembra che la cosa più importante di un telefono, sia la fotocamera e non il telefono che serve per telefonare. Ma una volta non c’erano le macchine fotografiche?

    • Claudio ha detto:

      “ritoccare, aggiungere effetti, regolare i colori, eseguire crop delle clip il tutto live”

      Ma a che serve?
      A parte fare un annuncio roboante alla sala durante la presentazione del prodotto, non serve assolutamente a nulla.
      Quando leggo “pro” vicino ad inutilità simili mi chiedo se quel suffisso sia per PROfessional o per PROt.

      Concordo con te Tonino.

    • Super Mario ha detto:

      Tonino credo che sia una questione di anagrafica. Io non ho mai visto una fotocamera con pellicola, e probabilmente quanto tu le utilizzavi qualcuno sosteneva che erano meglio i quadri e non capiva il senso di stampare tante fotogarfie su carta che finivano in un album che si apriva 1 volta all’anno.

      • Tonino ha detto:

        Beh, allora mi dispiace per te perché ti sei perso il meglio, anche a livello musicale (sentito mai parlare di cd o LP?) 🤣🤣🤣

        Rispondo al tuo commento:

        Può darsi. Ma se io compro un iPhone e poi, per telefonare, devo portarmi dietro anche il mio amato Nokia e51 (perché affidabile), vuol dire che qualche problema c’è. L’iPhone nasce come telefono o come macchina fotografica? Se nasce come telefono, fa abbastanza pena, semplicemente perché non può competere con l’autonomia del Nokia (10 giorni), la versatilità (chiami con la pressione di un numero sulla tastiera fisica) e la ricezione.

        Se invece l’iPhone è una macchina fotografica, allora preferisco comprare macchine fotografiche professionali. Il punto che mi premeva evidenziare è: pensassero piuttosto a migliorare la parte telefonica (autonomia e ricezione), e poi tutto il resto. Invece no. Sono fissati a migliorare ciò che un telefono non è, e cioè una macchina fotografica.

        E così le dimensioni aumentano, le sporgenze dell’obiettivo, e vado in giro con un tv in tasca. Ma la qualità delle foto dell’iPhone non è già abbastanza buona? Di questo passo non verranno prodotte più attrezzature per fare foto professionali perché tanto c’è l’iPhone (che non potrà mai competere con una macchina professionale, e che però avrà contribuito a farle sparire).

        E così dovremo accontentarci di una qualità peggiore. Come gli mp3. Ti risulta che gli mp3 suonano meglio di un cd che tra un po’ non verrà più prodotto? E intanto ci accontentiamo di ascoltare musica peggiore rispetto a qualche decennio fa. E questo lo chiamano progresso.

        Forse mi sono dilungato troppo, dando sfogo anche ad altre storture che magari in questo articolo non c’entrano (sono anch’io tecnologico), ma la mia critica era rivolta soprattutto alla fissazione che Apple (e concorrenza) ha per la fotografia.

  4. MelVerde ha detto:

    per Claudio:

    Sarà un caso, ma ogni volta vedo che tra gli utenti attivi ci sono i soliti noti haters, che scrivono commenti sprezzanti, insipidi, con battutine e inutili alla società.

    Dove sarebbe l’atteggiamento da ultrà? ho fatto una domanda e scritto dei fatti riguardanti android e fino a prova contraria con le altre persone si parla direttamente. Certo si possono fare commenti asettici e neutri, pieni di dati e solo per la generale informazione, oppure anche solo un insulto e via per finirla lì.
    Ed invece io ho argomentato e fatto una domanda che non ha ricevuto risposta e mai la riceverà.

    Ahhh aspetta ma tu intendi il fatto che io ho tirato fuori android pur non essendo stato menzionato? Intanto, è palese da tutti i suoi commenti nel blog che lui sia un utente fan android hater di Apple, poi è anche palese che fra le righe intendesse quello (vi faccio notare che siete in un blog Apple, è davvero ridicolo trovare personaggi come lui o come te “in casa d’altri”, se tu venissi in casa mia solo per criticare i mobili ed il colore dei muri ti darei due pedate verso la porta d’ingresso e sono sicuro che tu faresti lo stesso con me se avessi un tale atteggiamento).
    Non è questione di guerra, android è l’unica concorrenza di Apple, quindi se tu dici che la “zuppa” ti fa schifo (o che è “riscaldata” quando non lo è) allora è automaticamente “pan bagnato” e allora io ho il coraggio di rispondere, sopratutto se è un blog/forum “monomarchio” o quasi.

    Senza voler offendere o mettere in mezzo nessuno ma è solo per fare un esempio, alla fine io ho parlato solo di android mentre Leonardo Colapinto ha parlato dell’utente “Power Geek” facendogli una frecciatina direttamente, ed ha fatto bene perché certi individui hanno proprio rotto. Ma come si può notare, io sono l’unico che non ha fatto una guerra da ultrà nei confronti delle persone dietro i messaggi, ma ho intavolato la discussione di android ed al massimo ho attaccato android.

    Questo mi porta a pensare che parlare male di android faccia rodere fin troppe persone molto di più, tanto da portarle ad attaccami in modo diretto e non pensare di risolvere la cosa con una discussione di conoscenze e di fatti inerenti al mondo tecnologico in questione. Claudio, avresti fatto più bella figura rispondendo alla mia domanda e cercando di spiegare il discorso novità come ho fatto io ma a modo tuo e con le tue conoscenze, ed invece…

    Chiudo con una battuta creata ad hoc…

    “i ragazzini con il telefono android si fanno le pippe su un telefono decadente solo perché è quello su cui hanno puntato i loro soldi.
    Gli altri, a prescindere da quello che si può dire, hanno davanti un mondo tecnologico ottimo, che funziona e che permette di portare a termine tanti lavori e tanto svago”

    Oh aspetta, ma non fa ridere, c’è solo da piangere 🙁

    Alla fine della “giornata tecnologica” io sono felice, tu no! E’ un dato di fatto e puoi anche dire il contrario ma, osservando le persone ed avendo provato io stesso, posso dire che android non appaga e non rende gli utenti felici di usare la tecnologia (ho avuto 40 dispositivi android dal 2010 ad oggi, per curiosità, per necessità di avere telefoni usa e getta, perché al lavoro ti danno quelli o perché semplicemente ti capitano in mano per tanti motivi diversi, quindi so di cosa si parla).

Aggiungi un commento