Le foto delle varie modalità della fotocamera dei nuovi iPhone 11

| 13 settembre 2019 | 4 commenti

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da apple (@apple) in data:


Su Instagram, Apple ha condiviso alcune foto che mostrano le diverse modalità della fotocamera con tre obiettivi in dotazione con i nuovi iPhone 11, 11 Pro e 11 Pro Max.

Gli scatti dimostrano le capacità del teleobiettivo, grandangolo, e ultra-grandangolare, quest’ultimo è la vera novità del comparto fotografico dei nuovi smartphone Pro”.

L’iPhone 11 ha invece una fotocamera costituita da un teleobiettivo e grandangolo, in pratica è in grado di effettuare quasi tutte le stesse foto dei Pro, ma  non ha l’’ultra-grandangolare e il relativo zoom ottico 2x.

Tutti gli iPhone 11 offrono la modalità Ritratto (l’11 può scattare foto con effetto profondità di campo anche di soggetti inanimati, cosa che non può fare l’iPhone XR), Smart HDR, Ritratto di illuminazione, e avrà presto una modalità chiamata Deep Fusion che userà l’elaborazione pixel per pixel per ottimizzare texture, dettagli, e il rumore.

I nuovi iPhone si possono preordinare a partire da oggi, venerdì 13 settembre, dalle ore 14:00 su Apple Store. le spedizioni sono previste per venerdì 20 settembre.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da apple (@apple) in data:


Tag: , , , ,

Argomento: iOS

Commenti (4)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Alex.S. ha detto:

    Ciao Stefano, io non sono riuscito a capire bene questa storia dello zoom ottico… Si tratta di un vero zoom ottico montato su una lente o e’ il semplice passaggio da una lente all’altra?
    Non ho proprio capito di cosa si parla… Me lo puoi spiegare? Grazie

  2. LucaS ha detto:

    Le tre focali sono fisse quindi lo zoom è dato dal passaggio da una lente all’altra.
    Un po’ uno spreco considerando che si richiede tre sensori (e alcuni elementi ottici totali in più) ma i tre sensori si possono usare per catturare più informazioni sulla luce, di fatto incrementando gli ISO usabili anche se questo vale più che altro per la parte comune ripresa dalle tre lenti.
    Il resto probabilmente è gestito con algoritmi software di analisi, elaborazione e ricostruzione.

    La lunghezza focale delle tre ottiche è sudiata apposta per essere +2x e -2x rispetto a quella base.
    Pratica mente sono n/2 – n – n*2

    Se n fosse equivalente a un 24mm sarebbero 12mm – 24mm – 48mm

    Ma è più facile che sia un 30mm quindi 15-30-60

    • LucaS ha detto:

      Anzi che scemo l’hanno pure indicato nella presentazione, è un 26mm

      Quindi 13-26-52mm, l’equivalente in uno zoom 4x 13-52mm ma con i vantaggi di avere minori “difetti” per un corpo ottico con un sistema di lenti 4x.

Aggiungi un commento