macOS Catalina: come effettuare una installazione pulita e perché

| 7 ottobre 2019 | 28 commenti

Installazione pulita catalina

L’installazione pulita di macOS è oramai un evento molto raro, ma ci sono almeno tre situazioni in cui è consigliabile o si è costretti ad effettuarla:

1) Se avete installato la beta di Catalina sul disco d’avvio e non su una partizione oppure su una unità esterna, allora siete “costretti” a fare una installazione pulita. Il consiglio non viene direttamente da me, ma addirittura da “mamma Apple”.

2) Se dopo aver installato Catalina direttamente sul precedente sistema operativo (aggiornamento) continuate ad avere gli stessi problemi di prima, come applicazioni che si chiudono inaspettatamente, stranezze del Finder, disconnessioni “misteriose” di mouse e tastiera Bluetooth e così via.

3) A seguito di qualche “strano” partizionamento del disco di avvio del Mac può accadere che non sia stata creata la speciale partizione di ripristino. Per controllare, avviate il Mac tenendo premuti i tasti ⌘ – R.  Se accedete alla schermata “Utility macOS”, siete “salvi”. Diversamente, alla luce di quando sia utile la modalità di recupero di macOS, è necessario eseguire una installazione pulita.

Utility macOS catalina

Come effettuare una installazione pulita

Catalina EsciCatalinaUna volta terminato il download di macOS Catalina dal Mac App Store, chiudete l’applicazione d’installazione dal Dock poi seguite queste istruzioni.

1. Assicuratevi di avere un backup aggiornato o un backup di Time Machine o un clone utilizzando un programma come SuperDuper o Carbon Copy Cloner del disco rigido del Mac (vi consiglio un clone). Verificate anche che il backup “funzioni”. Per testare un clone avviabile di backup o altro, utilizzare il pannello Disco di Avvio nelle Preferenze di Sistema per l’avvio dal disco di backup. Per verificare un backup di Time Machine o altro non avviabile di backup, ripristinare alcuni file per accertarvi che il processo funzioni.

2. Create un hard disk o memoria flash avviabile di Catalina seguendo le istruzioni di quest’altro articolo macOS Catalina: come creare una unità avviabile di installazione

3. Avviate il Mac con l’unità d’installazione di macOS Catalina avviabile creata al punto 2 selezionando Preferenze di Sistema/Disco di avvio dal menu , quindi click sul lucchetto in basso a sinistra ed autenticatevi. Ancora un click su Install macOS Catalina macOS 10.15 e premete Riavvia.  Eseguito il boot (avvio), vi ritroverete la schermata “Utility macOS” di cui sopra.

Catalina avviabile

4. Selezionare Utility Disco e fate click su Continua, quindi utilizzare Utility Disco per cancellare il disco interno del vostro Mac. Per farlo, selezionate l’hard disk nella colonna di sinistra, click su Inizializza nel riquadro di destra in alto, scegliere Mac OS X Extended (Journaled) dal menu a comparsa di Formato, e quindi click su Inizializza.

Attenzione: questa operazione cancella tutti i dati sul disco fisso del Mac, ed è per questo che avete bisogno di un backup!

5. Quando la procedura di inizializzazione è ultimata, uscite da Utility Disco per tornare alla schermata di Utility macOS.

6. Selezionare Reinstalla macOS e click su Continua per avviare l’installazione di Catalina.

Come recuperare selettivamente i file da un altro backup di Time Machine

Dopo il riavvio del Mac, e terminata l’installazione, si passa alla procedura per il trasferimento dei dati dal backup di Time Machine. Ci sono almeno due sistemi per copiare manualmente i file che vi interessano

1. Sfoglia altri dischi di backup

Sfoglia altri dischi backup

Il primo passo è collegare l’hard disk del backup di Time Macine al Mac, quindi premete e tenete premuto il tasto Opzione (alt), cliccate sull’icona di Time Machine nella barra dei menu del Finder (se non c’è, andate in menu /Preferenze di Sistema/Time Machine e mettete il segno di spunta all’opzione “Mostra Time Machine nella barra dei menu”) e selezionate l’opzione “Sfoglia altri dischi di backup” come da foto a destra.

Dalla successiva finestra di dialogo bisogna scegliere l’hard disk precedentemente collegato al computer, quindi si entrerà nella consueta schermata di Time Machine, con la “linea del tempo” sulla destra. Selezionando una cartella si potrà ripristinare il documento o libreria desiderata, ed eventualmente  “tornare indietro” con le date per recuperare un file modificato in una certo momento.

Recuperare selettivamente documenti Time Machine

2. Navigando dal Finder

Collegato l’hard disk di backup al Mac, bisogna aprire una finestra del Finder e selezionare il disco dalla colonna laterale. All’interno dell’hard disk di Time Machine c’è una cartella chiamata Backups.backupdb, apritela e ne troverete un’altra con il nome del vostro computer. All’interno di quest’ultima ci sono una infinità di cartelle contrassegnate da date, premete la combinazione ⌘-2 per disporre la cartella in modalità vista elenco, cercate e aprite la cartella che si chiama Latest che include l’ultimo backup effettuato.

Backup Time Machine

Entrambi i sistemi sono validi, ma il primo è più pratico perché permette di scorrere velocemente la varie versioni di un file con la linea del tempo laterale, mentre per fare la stessa cosa con il secondo sistema bisogna ogni volta aprire la cartella del backup con la data precedente. Ad esempio, nella foto in basso ho cercato un file nella cartella del backup effettuato il 2013-11-09, e non trovandolo ho aperto anche quella del 2014-01-27.

Ripristino Back up Time Machine Manuale

Quali documenti si possono copiare

Applicazioni

Le applicazioni vanno installate manualmente, quelle comprate dal Mac App Store si possono scaricare dalla sezione Acquistati, per tutte le altre bisogna fare riferimento al sito dello sviluppatore. Prima di procedere con l’installazione pulita, annotavi da qualche parte i seriali dei software.

Documenti Home

Per le cartelle che si trovano nella Home (la cartella con il vostro nome utente che ha l’icona di una casetta) dovete copiare i file che si trovano nella cartella e non direttamente la cartella perché ha dei pressi differenti. In pratica, se desiderate recuperare tutti i contenuti che si trovano in Documenti, dovete aprite la cartella, e selezionate i documenti che vi interessano.

Librerie

La libreria di Foto si trova in Home/Immagini

La libreria di iTunes si trova in Home/Musica (bisogna copiare l’intera cartella iTunes).

Tag: , ,

Argomento: Mac

Commenti (28)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Gianni ha detto:

    Ho un MacBook Pro (15-inch, Mid 2012) con SSD non Apple.

    Se eseguo una installazione pulita, il filesystem viene convertito automaticamente a APFS?

    L’utilizzo di APFS su SSD non Apple è ancora sconsigliato come lo era appena uscito?

    Grazie

  2. Berto ha detto:

    L’idea era quella di installare il nuovo sistema operativo nello stesso contenitore di Mojave aggiungendo un nuovo volume per poi con il tempo rimuovere il vecchio volume e lasciare solo quest’ultimo. Posso considerarla come installazione pulita così facendo o il fatto che sia nello stesso contenitore non la rende proprio “pulita” secondo te?

    • Stefano Donadio ha detto:

      Va bene, è una installazione pulita al 100%

      • Crescenzo ha detto:

        Scusate, ma quindi posso partizionare il mio disco SSD in due, installare Catalina nella nuova partizione e dopo eliminare la partizione con Mojave?

        • Stefano Donadio ha detto:

          Si, ma è poco pratico e poi è sempre meglio non mettersi a “giocare” con le partizioni se non strettamente necessario.

          • Crescenzo ha detto:

            Grazie mille per la risposta Stefano. Rileggendo il posto e rivedendo le impostazioni di Utility Disco ho visto la possibilità di creare un NUOVO VOLUME, così come descritto da Berto, piuttosto che una nuova partizione. Proverò a fare anche io come Berto in modo da poter testare i vari software su CATALINA per poi andare ad eliminare MOJAVE.

  3. Giulio ha detto:

    Ma la trasformazione da itunes a Musica comporta qualche modifica alla libreria di “itunes”? Non vorrei fare una installazione pulita, ripristinare selettivamente da time machine solo documenti e musica e trovarmi con una libreria itunes non compatibile, stile come avveniva con iphoto e con photo.

  4. Marco Bozzato ha detto:

    Aperture è compatibile con Catalina? Mi pare di no, giusto?

  5. Salvatore ha detto:

    Ciao a tutti, ho provato a fare una installazione pulita di Mac OS Catalina, ma sicuramente ho sbagliato qualcosa. Ho creato L’Unità di riavvio su USB, ho inizializzato l’hardisk, ma adesso il mio Mac mi chiedere di scegliere la rete internet e l’unica cosa che ho a schermo è un mondo che gira. Cosa devo fare ? 😭. Grazie

  6. theItN ha detto:

    Ottima guida! Io per esperienza e per prevenire cose strane preferisco sempre fare un’installazione pulita da zero. Ammetto che è una cosa che mi porto dietro da Windows, dove gli aggiornamenti a nuove versioni sono sempre un bagno di sangue, però facendo del computer un uso molto intensivo e poco mainstream prendo la palla al balzo per fare un reset generale, anche perché aggiornando i software che utilizzo a nuove versioni è molto facile che la disinstallazione non riesca perfettamente e permanga qualche file di sistema, chiavi di licenza, etc.. che da noie con la nuova versione. Così a ottobre OS nuovo, programmi nuovi e siamo tutti più tranquilli.

  7. joni71 ha detto:

    Prima di parlare di guide di installazione bisognerebbe avvisare che molte applicazioni PRO (Aperture è stata la sola ad essere citata e non in un articolo) come Photoshop su Catalina presentano problemi . Questo conferma e contraddice (e le opinioni) la vocazione di lunga durata dei software Apple resi obsoleti da aggiornamenti annuali click qui

    • Stefano Donadio ha detto:

      Nessun utente Pro aggiorna ad un nuovo sistema operativo dalla prima versione. A memoria non ricordo di una sola volta che Photoshop e Office non abbiano avuto problemi con una versione iniziale di macOS. E i problemi nascono perché gli sviluppatori, soprattutto Adobe inizia a fare i test di verifica mesi dopo il rilascio di un nuovo OS.

  8. Fabio ha detto:

    Salve seguite le istruzione per la creazione dell’installer su per drive, questa non mi compare come disco di avvio, eppure l’unita usb si chiama Install MacOs Catalina e dentro vedo l’icona dell’installe di Catalina.
    Grazie

    • Stefano Donadio ha detto:

      Scollega la pen drive, chiudi le Preferenze d Sistema, collega nuovamente la pen drive e riapri le Preferenze di Sistema.

      Se ancora non la vede, collega la pen drive al Mac, riavvia tenendo premuto il tasto R, e vedi se appare tra i dischi disponibili.

      Se ancora non la vedi, rifai la procedura magari con un’altra pen drive.

  9. Alessio ha detto:

    Ciao Stefano, io ho un problema con il backup sparse bundle di time machine, dopo aver effettuato l’installazione pulita di Catalina, non mi riconosce più il backup; quando vado per aprire la cartella contenente il mio backup mi compare solo la cartella con tutti quei file di dimensioni da 8 mb. Non so che fare e purtroppo in questo backup ho tutto il lavoro indispensabile

  10. Luca ha detto:

    Ottima guida Stefano!

    puoi dare qualche tip su come fare un backup con time machine per salvare solo il necessario e non tutto il sistema come fa TM?

Aggiungi un commento