Moof! Pulire la tastiera a 64 bit

| 8 ottobre 2019 | 3 Comments

Come orami saprete, con macOS Catalina non è più possibile utilizzare le applicazioni in 32 bit. Apple ha avvertito ripetutamente gli sviluppatori di questa transizione a partire dalla conferenza del WWDC del 2017. Tuttavia ci sono alcune storiche utility che non saranno aggiornate perché riscriverle daccapo è troppo complicato, come nel caso di DragThing.

A giugno ho installato la prima beta di Catalina, e quando è capitato di dover pulire la tastiera del mio MacBook Pro, come di consueto ho lanciato Keyboard Cleaner, che essendo ancora in 32 bit non si è aperta. Ho anche cercato una alternativa, ma nulla, si tratta di una utility più unica che rara. Poi, fortunatamente lo sviluppatore, che non aggiornava l’applicazione dal 2016, ha reso disponibile la versione a 64 bit.

Per chi non conoscesse Keyboard Cleaner, lanciandola appare uno schermo nero che disabilita il funzionamento dei tasti  (la schermata in alto non è il nero dello stop del monitor). Terminata l’operazione, per poter chiudere Keyboard Cleaner e tornare ad utilizzare la tastiera è sufficiente premere ⌘-Q che è anche l’unica combinazione di tasti che rimane attiva. Per ricordare che l’applicazione è in funzione, in basso a sinistra appare una scritta bianca che indica anche qual è la scorciatoia da eseguire per chiudere l’utility.

Naturalmente, si tratta di utility pensata soprattutto per i nomadi del Mac. Infatti, se per pulire la tastiera wireless dell’iMac, ad esempio, è sufficiente prima spegnerla con l’apposito pulsante (oppure scollegarla dalla porta USB se è quella con il cavo), chi ha un MacBook è costretto a spegnere il portatile. Si tratta di una cautela che è preferibile adottare per evitare di attivare involontariamente qualche azione passando il panno sui tasti.

Keyboard Cleaner in 64 bit si può scaricare gratuitamente dal sito dello sviluppatore.

Moof! è una rubrica di Spider-Mac in cui trovate brevi pensieri, URL cui andare per documentarvi meglio, un software da scaricare, insomma tante piccole cose che hanno sempre a che fare con il mondo Apple, ma raccontate in un articolo “leggero” che può essere uno spunto di riflessione o di polemica, una provocazione. 

Tag: , ,

Argomento: Moof!

Commenti (3)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Gianluca (aka Sinoue) ha detto:

    Molto “utility” grazie mille Stefano 😊

  2. titta ha detto:

    Ho installato Catalina. Il primo effetto negativo è che il mouse della Logitech MX Master 2 non funziona più. Non riesco a capire perchè.

  3. ppcaric ha detto:

    Sul sito del link risulta ancora l’ultima versione del 2016. Puoi linkare la nuova versione a 64 bit? Grazie (utilissima quest’app che non conoscevo)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *